Overblog
Segui questo blog
Edit post Administration Create my blog
Blog della COMUNITA' IPHARRA

Non più destra, non più sinistra, non più etichette, non più finzioni nominalistiche ma attività mirate a creare le premesse culturali e politiche per una Costituente di Popolo che sia alternativa reale ed organica agli schemi partitici ed agli artifici ideologici. Momenti di lotta diretta a colpire le oligarchie di potere per le quali il " rito del voto" costituisce la legittimazione per continuare ad esercitare le loro angherie ai danni del Popolo.

CAPITALISMO: LA GUERRA TRA POVERI

Pubblicato su 23 Maggio 2013 da frontediliberazionedaibanchieri in IDEE e CONTRIBUTI

Da un nostro lettore abbiamo ricevuto il seguente commento che, essendoci sembrato molto significativo, portiamo alla conoscenza di tutti. Claudio Marconi

delocalizzare.jpg

Da quando qualcuno ha scoperto i titoli trash, si è dato inizio a non investire più su aziende con beni al sole ma solo su azioni e fondi. Questi ultimi investono pochissimo dei loro guadagni su investimenti industriali, poi ci sono finanziarie che comprano aziende decotte per pochi soldi dopodiché all'inizio emettono ordini a quei fornitori che già sono creditori. Rubano la fiducia e poi tutto quel che c'è ancora di buono in queste aziende che poi inevitabilmente falliscono. Non bisogna esere dei grandi economisti per capire che il mondo speculativo porterà noi e poi loro alla rovina totale. Perchè? ci sono nazioniche fanno parte dell'Unione Europea ma ancora non adottano l'euro e quando lo faranno andranno in rovina anche loro. Per ora, grandi aziende delocalizzano in questi paesi il cui costo della manodopera non supera i 400 euro mese, per poi vendere i loro prodotti alla zona euro ai prezzi che conosciamo. Loro aumentano i guadadgni ma non abbassano i costi. I disoccupati di Eurolandia prima o poi non avranno più la capacità di acquistare beni di un certo valore, vedi auto. Dopodichè arriverà anche la disoccupazione anche in questi paesi. Che succederà poi? Per ora speculano sapendo che più avanti arriverà la miseria. Invece di rovinare l'Europa avrebbero fatto meglio a creare mercati potenzialmente ricettivi. Sud America e Africa, per dirne due. Invece che fanno? vanno in questi paesi solo per sfruttare le materie prime con il bene placido di qualche corrotto. Non lasciano niente e portano via tutto dopo aver sfruttato, rubato e corrotto. La globalizzazione? una grande fregatura. Gli unici che ne hanno beneficiato sono i poveri barboni delle grandi città avanzate che possono vestirsi con 5 euro ma i poveri paesi dell'estremo oriente e comunque i paesi poveri, si fanno la guerra a chi lavora a costi sempre più bassi. Basti dire che la Cina, che prima si accaparrava tutti gli ordini dell'occidente, ora continua a farlo ma poi gira la produzione a paesi ancora più poveri i quali dopo un po di tempo fanno la stessa cosa con altri più poveri ancora. Insomma, lavorano 12 ore al gg per 365 gg l'anno e tutto questo solo per mangiare. Giustificare tutto questo con la necessità di guadagnare sempre di più e ancora di più è una cosa da ignoranti. Qualche economista di questo tipo vince anche il Nobel. Si dovrebbero rimettere in funzione le vecchie regole e cioè il dazio in tutto il mondo. I prodotti importati che sono simili a quelli fatti in casa, devono essere tassati per renderli adeguati. Solo così si riporterebbe il lavoro in casa propria e non il libero mercato che usa la libertà di azione e di produrre in maniera ingannevole. Così com'è oggi l'economia, non funziona e siamo solo all'inizio di una crisi mondiale pazzesca. Verranno coinvolti anche quei paesi che oggi sono la locomotiva mondiale. L'esempio peggiore arriva dalla Cina che con il lavoro che ha manda all'estero alcune produzioni eppure la Cina ha la miseria in casa. Basta aallontanarsi di qualce decina di km verso l'interno del paese. Ma la speculazizone li spenge verso il Vietnam, Cambogia, Birmania e altri. Lasciare in eredità 1000 miliardi o 10, cosa cambia? Come diceva Bracardi " l'uomo è una bestia ". Ma non c'è più orgoglio nel vedere lo star bene? nel vedere che la gente cresce? che la fame e la povertà sparisce? Per rafforzare la mia teoria.... ma non è umiliante dover dipendere da nazioni che fino a ieri erano le più povere del mondo? Chi ha ridotto il mondo così? L'insegnamento della speculazione e la rincorsa stupida verso una sempre maggiore velocità che non serve a niente e riduce le possibilità di lavoro. Chiudo dicendo che chi ruba, sfrutta essendo lui stesso un poveraccio o poco più, quasi lo si capisce anche se la punizione sarebbe inevitabile. Dico sarebbe perchè spesso non c'è. Ma chi fa tutto questo essendo già ricco e oltre a sfruttare e tutto il resto in più fa il massimo per non pagare le tasse, beh per questa persona le punizoini dovrebbero essere almeno il triplo. Che bisogno c'è di diventare ancora più ricco quando lo sei già. E come in un film di Troisi.... ricordati che devi morire ( anche tu che sei ricco ). Nono dovresti aver bisogni di leggi per essere una persona onesta. Questo è quello che manca agli uomini, l'ONESTA'.

Di C. R.

Commenta il post