Overblog
Segui questo blog
Edit post Administration Create my blog
Blog della COMUNITA' IPHARRA

Non più destra, non più sinistra, non più etichette, non più finzioni nominalistiche ma attività mirate a creare le premesse culturali e politiche per una Costituente di Popolo che sia alternativa reale ed organica agli schemi partitici ed agli artifici ideologici. Momenti di lotta diretta a colpire le oligarchie di potere per le quali il " rito del voto" costituisce la legittimazione per continuare ad esercitare le loro angherie ai danni del Popolo.

BANCA D'ITALIA BLOCCA PAGAMENTI ELETTRONICI IN VATICANO CAUSA RICICLAGGIO DI DENARO

Pubblicato su 7 Gennaio 2013 da frontediliberazionedaibanchieri in ITALIA

Vaticano è ‘Cash Only’ a causa di un blocco da parte della Banca d’Italia relativo ai pagamenti elettronici per problemi di riciclaggio di denaro

 

vatmuseum-copia-2.jpg

 

E’ “solo in contanti” ora per i turisti in Vaticano che vogliono pagare per biglietti per i musei, souvenir e altri servizi dopo che la banca centrale d’Italia ha deciso di bloccare i pagamenti elettronici, tra cui carte di credito, presso la piccola città-stato.

Deutsche Bank Italia, che per circa 15 anni ha fornito al Vaticano con servizi di pagamento elettronico, ha detto Giovedi che la Banca d’Italia aveva ritirato la sua autorizzazione dopo il 31 dicembre.

Il Corriere della Sera ha riferito che la banca centrale italiana ha preso l’iniziativa perché la Santa Sede non ha ancora pienamente rispettato le garanzie dell’Unione Europea contro il riciclaggio di denaro.

Ciò significa che le banche italiane non sono autorizzate ad operare all’interno del Vaticano, che è in procinto di migliorare i propri meccanismi di lotta contro il riciclaggio.

Il Vaticano dice che fa fatica a risolvere il problema per migliaia di visitatori che affollano i suoi Musei Vaticani molto popolari, tra cui mette in evidenza la Cappella Sistina.

La Santa Sede non ha rilasciato commenti sui motivi segnalati dalla Banca d’Italia. I turisti che in lunghe file Giovedi serpeggiavano intorno alle mura della Città del Vaticano non erano felici per l’inconveniente.

“E ‘certamente uno svantaggio”, ha dichiarato Giuseppe Amoruso, un italiano. “Le carte di credito forniscono un servizio utile, che deve essere accessibile a tutti, in tutto il mondo.”

“Un sacco di turisti non hanno soldi con sé, in modo da poter ottenere euro e non sanno dove trovarli”, ha detto Fluger William Hunter, un turista americano.

La banca centrale ha detto che un controllo di routine ha scoperto che Deutsche Bank Italia non aveva chiesto l’autorizzazione quando ha iniziato a fornire servizi al Vaticano.

Quando finalmente l’ha avuta, la Banca d’Italia l’ha rifiutata perché le norme bancarie vaticane, comprese quelle per la lotta contro il riciclaggio di denaro, non hanno soddisfatto i criteri italiani più rigorosi di questi ultimi anni, ha detto un funzionario della banca centrale, parlando a condizione di anonimato perché non v’era alcuna dichiarazione ufficiale sul caso.

Il Vaticano sta cercando di aggiornare le sue misure per individuare e scoraggiare il riciclaggio di denaro, con l’assunzione di un esperto svizzero pochi mesi fa.

La scorsa estate la Santa Sede ha approvato una chiave di prova europea per la trasparenza finanziaria, ma ha ricevuto mancanza di gradi per la sua agenzia di controllo finanziario e della sua banca, formalmente chiamata Istituto per le Opere Religiose.

I musei, con i loro ingressi e negozi di souvenir popolari, rappresentano un grande introito di contante per il Vaticano.

Anche per altre attrazioni del Vaticano, come le visite di antichi spazi metropolitani, si deve pagare l’ingresso.

Giulia Saudelli da Roma

Fonte: http://www.huffingtonpost.com/2013/01/03/its-cash-only-vatican-money-laundering_n_2403006.html -

Tratto da: iconicon.it

Commenta il post