Overblog
Segui questo blog
Edit post Administration Create my blog
Blog della COMUNITA' IPHARRA

Non più destra, non più sinistra, non più etichette, non più finzioni nominalistiche ma attività mirate a creare le premesse culturali e politiche per una Costituente di Popolo che sia alternativa reale ed organica agli schemi partitici ed agli artifici ideologici. Momenti di lotta diretta a colpire le oligarchie di potere per le quali il " rito del voto" costituisce la legittimazione per continuare ad esercitare le loro angherie ai danni del Popolo.

ANDREA MAVILLA LE COSE CHE NESSUNO TI DIRA' MAI. GIANFRANCO E I TRE SOLERTI VIGILI URBANI

Pubblicato su 30 Luglio 2013 da frontediliberazionedaibanchieri in ITALIA

Illustri Agenti, prima che applicaste la legge nei confronti di Gianfranco, avreste dovuto applicare un minimo di buonsenso oltre che una dose di umanità...!
Cari amici, l'uomo che vedete in foto si chiama Gianfranco, 69enne di Roncadelle, paesino alle porte di Brescia. Gianfranco ogni mattina riempie un vecchio zainetto con una dozzina di libri sottratti agli scaffali di casa, dai romanzi alla Bibbia, inforca la sua bicicletta e dopo 8 km di pedalata raggiunge il centro di Brescia, per trascorre le sue giornate in corso Palestro... con la speranza di vendere qualche libro. Brescia, ore 6:55 Giovedì 25 Luglio 2013: Gianfranco é pronto... riempie nuovamente il suo vecchio zainetto e monta in sella, dopo 30 minuti raggiunge corso Palestro, appoggia la bicicletta al muro e tira fuori i suoi libri, senonché dopo circa 40 minuti una pattuglia dei Vigili Urbani si accosta a Gianfranco. "Senta lei" dice uno dei tre vigili urbani, "ha un permesso per vendere i libri"? Gianfranco con un filo di voce risponde: no signore, ma cerco di vendere i libri per sopravvivere fino alla fine del mese, prendo una pensione di 550 euro mensili, ma tra affitto e bollette non riesco a mettere niente sotto ai denti. "Ci dispiace ma lei non può stare qui" ripete il vigile "devo farle una multa di 160 euro per aver occupato abusivamente il suolo pubblico e sequestrarle i libri". Cari amici, Gianfranco è solo il simbolo di una parte dell'Italia che è ridotta veramente in situazioni economiche drammatiche, in totale dissonanza con il denaro pubblico sprecato e male usato, denaro pubblico che potrebbe essere messo a disposizione di quelle povere persone che non hanno cosa mangiare all'ora dei pasti. Gianfranco racconta: «Non è facile chiedere aiuto, ma un’offerta libera per uno di questi libri mi pare più dignitoso che allungare la mano per chiedere alla gente una moneta. Io non avvicino nessuno. Chi vuole si ferma e se è interessato mi offre quel che può». Tanti gli sguardi che cadono indifferenti su quei libri a terra, pochi quelli che gli rivolgono anche una parola e che se ne vanno con un volume sotto braccio. «È dura ottenere qualcosa -ammette Gianfranco-, ma venire in città per me è anche un modo per non deprimermi, per stare in mezzo alla gente, come facevo quando ero giovane e lavoravo come autista o portalettere. Mi piacerebbe avere un lavoro per vivere, potrei fare il guardiano per qualche azienda e sarei disposto a lavorare anche la notte. Mi accontenterei anche di poche ore, quel tanto che basta per arrotondare la pensione che non basta mai». Continua Gianfranco: «Con quello che prendo, al netto dell’affitto e delle bollette, posso permettermi solo un pasto al giorno, che il mio Comune mi offre a 6 euro e mezzo - continua Gianfranco -. Ma negli ultimi mesi ho perso 15 chili e avrei bisogno di riempire lo stomaco un po’ più spesso». Cari e gentili Vigili Urbani, anziché andare in 3 da un povero pensionato il quale tenta di sopravvivere vendendo qualche vecchio libro, perché non andate all'interno dei quartieri malfamati ad arrestare spacciatori, criminali e delinquenti di ogni genere? Illustri Agenti, prima che applicaste la legge nei confronti di Gianfranco, avreste dovuto applicare un minimo di buonsenso oltre che una dose di umanità...! Vergognatevi. @[100001409534393:2048:Andrea Mavilla]
Cari amici,
l'uomo che vedete in foto si chiama Gianfranco, 69enne di Roncadelle, paesino alle porte di Brescia.

Gianfranco ogni mattina riempie un vecchio zainetto con una dozzina di libri sottratti agli scaffali di casa, dai romanzi alla Bibbia, inforca la sua bicicletta e dopo 8 km di pedalata raggiunge il centro di Brescia, per trascorre le sue giornate in corso Palestro... con la speranza di vendere qualche libro.

Brescia, ore 6:55 Giovedì 25 Luglio 2013: Gianfranco é pronto... riempie nuovamente il suo vecchio zainetto e monta in sella, dopo 30 minuti raggiunge corso Palestro, appoggia la bicicletta al muro e tira fuori i suoi libri, senonché dopo circa 40 minuti una pattuglia dei Vigili Urbani si accosta a Gianfranco.

"Senta lei" dice uno dei tre vigili urbani, "ha un permesso per vendere i libri"?

Gianfranco con un filo di voce risponde: no signore, ma cerco di vendere i libri per sopravvivere fino alla fine del mese, prendo una pensione di 550 euro mensili, ma tra affitto e bollette non riesco a mettere niente sotto ai denti.

"Ci dispiace ma lei non può stare qui" ripete il vigile "devo farle una multa di 160 euro per aver occupato abusivamente il suolo pubblico e sequestrarle i libri".

Cari amici, Gianfranco è solo il simbolo di una parte dell'Italia che è ridotta veramente in situazioni economiche drammatiche, in totale dissonanza con il denaro pubblico sprecato e male usato, denaro pubblico che potrebbe essere messo a disposizione di quelle povere persone che non hanno cosa mangiare all'ora dei pasti.

Gianfranco racconta: «Non è facile chiedere aiuto, ma un’offerta libera per uno di questi libri mi pare più dignitoso che allungare la mano per chiedere alla gente una moneta. Io non avvicino nessuno. Chi vuole si ferma e se è interessato mi offre quel che può».

Tanti gli sguardi che cadono indifferenti su quei libri a terra, pochi quelli che gli rivolgono anche una parola e che se ne vanno con un volume sotto braccio. «È dura ottenere qualcosa -ammette Gianfranco-, ma venire in città per me è anche un modo per non deprimermi, per stare in mezzo alla gente, come facevo quando ero giovane e lavoravo come autista o portalettere. Mi piacerebbe avere un lavoro per vivere, potrei fare il guardiano per qualche azienda e sarei disposto a lavorare anche la notte. Mi accontenterei anche di poche ore, quel tanto che basta per arrotondare la pensione che non basta mai».

Continua Gianfranco: «Con quello che prendo, al netto dell’affitto e delle bollette, posso permettermi solo un pasto al giorno, che il mio Comune mi offre a 6 euro e mezzo - continua Gianfranco -. Ma negli ultimi mesi ho perso 15 chili e avrei bisogno di riempire lo stomaco un po’ più spesso».

Cari e gentili Vigili Urbani, anziché andare in 3 da un povero pensionato il quale tenta di sopravvivere vendendo qualche vecchio libro, perché non andate all'interno dei quartieri malfamati ad arrestare spacciatori, criminali e delinquenti di ogni genere?

Illustri Agenti, prima che applicaste la legge nei confronti di Gianfranco, avreste dovuto applicare un minimo di buonsenso oltre che una dose di umanità...! Vergognatevi.

Andrea Mavilla

Tratto da: http://campagnadisobbedienzaciviledimassa.blogspot.it



Commenta il post