Overblog
Segui questo blog
Edit post Administration Create my blog
Blog della COMUNITA' IPHARRA

Non più destra, non più sinistra, non più etichette, non più finzioni nominalistiche ma attività mirate a creare le premesse culturali e politiche per una Costituente di Popolo che sia alternativa reale ed organica agli schemi partitici ed agli artifici ideologici. Momenti di lotta diretta a colpire le oligarchie di potere per le quali il " rito del voto" costituisce la legittimazione per continuare ad esercitare le loro angherie ai danni del Popolo.

ALL'ITALIA CONVIENE LASCIARE L'EURO. L'ANALISI DI MERRIL LYNCH

Pubblicato su 12 Novembre 2012 da frontediliberazionedaibanchieri in MONETA -BANCHE - VARIE

Oggi prendiamo i soldi in prestito dalla BCE, paghiamo il signoraggio e gli interessi, ci indebitiamo come non mai e, ci raccontano tecnici e politici cialtroni, questo sistema va bene. Analisti che dovrebbero essere loro amici non solo pronosticano, ma auspicano, che l'Italia esca dall'euro e che per riavere sviluppo industriale debba ritornare alla propria moneta.
Il dramma è che tutti, ma dico proprio tutti, i politici vogliono rimanere in questo sistema usuraio, anche il " nuovo " che avanza, Renzi, e l'"ultra nuovo", Grillo, che, si, ha detto che vuole fare un referendum sull'euro, ma non ha detto, nel caso il referendum si vinca, chi debba essere il proprietario della moneta.
Per questo invitiamo a non andare a votare: chi vota per i partiti di questo sistema è COMPLICE. Claudio Marconi
 
432215 286808828059416 145336488873318 732411 193507306 n
 
Athanasios Vamvakidis e David Woo di Bank of America Merrill Lynch pronosticano l’uscita dell’Italia dall’Euro, a sorpresa, prima della Grecia, in uno studio rilasciato pochi giorni fa. O almeno è ciò che potrebbe accadere applicando la teoria dei giochi. Secondo i due economisti l’Italia potrebbe avere diversi vantaggi nell’abbandonare volontariamente l’euro, prima che siano i mercati a deciderlo. Se così facesse, godrebbe di “benefici in termini di miglioramento della competitività, crescita economica e finanza pubblica”. Il nostro paese, in particolare, non si troverebbe ancora in una posizione maggiormente vincolata come la Grecia.
L’eventuale uscita dall’euro, scrive Merrill Lynch, oltre a rendere possibile, attraverso la svalutazione, il riequilibrio della bilancia commerciale e in prospettiva una crescita guidata dalle esportazioni, avrebbe effetti benefici anche sui tassi di interesse, poiché i mercati sarebbero rassicurati dal ritorno alle monete nazionali, fattore che ridurrebbe la possibilità di un default.
Ma se l’uscita dall’euro fosse “ordinata”, gli investitori dimenticherebbero presto anche un eventuale parziale default. Così accadde alla Russia nel 1998 che due anni dopo fu il mercato con maggiore crescita al mondo. “Il mercato ha la memoria molto corta. Se gli investitori hanno la possibilità di fare affari, a loro davvero non interessa” quanto accaduto poco tempo prima, spiega a Bloomberg uno dei due autori.
Lo studio analizza la possibilità che la Germania paghi per la permanenza nell’euro dei PIIGS. Anche in tal caso, gli incentivi a rimanere nell’eurozona sono minori per l’Italia rispetto al resto degli stati periferici. Mettendo in ordine i 17 Paesi dell’Euro in base alla probabilità di un’uscita “ordinata” l’Italia e l’Irlanda si trovano a quota 3,5 mentre la Grecia è a metà con 5,3. La Germania è ovviamente il paese che meno ha interesse a lasciare l’euro ed è in fondo alla lista con 8,5, preceduta da Austria, Belgio e Finlandia.
La tabella che segue indica i possibili effetti di una uscita “ordinata” dall’euro per i diversi paesi. L’Italia e l’Irlanda sarebbero le nazioni a trarne maggiori vantaggi relativi:
Lo studio è reperibile a questo link: www.latribune.fr/getFile.php?ID=5314959
Tratto da: nocensura.com
Commenta il post