Overblog
Segui questo blog
Edit post Administration Create my blog
Blog della COMUNITA' IPHARRA

Non più destra, non più sinistra, non più etichette, non più finzioni nominalistiche ma attività mirate a creare le premesse culturali e politiche per una Costituente di Popolo che sia alternativa reale ed organica agli schemi partitici ed agli artifici ideologici. Momenti di lotta diretta a colpire le oligarchie di potere per le quali il " rito del voto" costituisce la legittimazione per continuare ad esercitare le loro angherie ai danni del Popolo.

AL VIA LA MAXI CAUSA NEGLI USA CONTRO STANDARD & POORS

Pubblicato su 22 Febbraio 2013 da frontediliberazionedaibanchieri in MONETA -BANCHE - VARIE

Era ora che queste agenzie di rating, che fanno girare informazioni " terroristiche " contro gli Stati e i popoli, fossero inchiodate alle loro responsabilità: Claudio Marconi

 

23207-standard-poor-s

Apprendiamo con grande soddisfazione dell’avvio della maxi-causa federale negli Stati Uniti contro Standard & Poors, per il comportamento “scandaloso, al centro dell’ultima crisi finanziaria”. Un’iniziativa che, come avevamo già reso noto, si è avvalsa anche del contributo delle importanti indagini svolte a Trani dal coraggioso PM Michele Ruggiero su denuncia di Adusbef e Federconsumatori.

Nell’agosto scorso, infatti, il Dipartimento di Giustizia americano, che stava indagando sulle agenzie di rating e sui mutui subprime, aveva acquisito oltre 8.000 pagine degli atti dell’indagine di Trani, chiedendo la collaborazione della Procura e dei Presidenti delle Associazioni da cui è partita la denuncia.

“Siamo riusciti a colpire al cuore il sistema finanziario, smuovendo i meccanismi speculativi a livello mondiale.” – dichiarano Elio Lannutti e Rosario Trefiletti.

Mentre negli Stati Uniti il Governo USA richiederà a S&P 5 miliardi di Dollari di danni, in Italia siamo pronti a richiedere, complessivamente, 120 miliardi di Euro: a tanto ammonterebbero i danni causati al nostro Paese quantificati dalla Corte dei Conti.

Redazione Agenzia Stampa Italia

Commenta il post