Overblog
Segui questo blog
Edit post Administration Create my blog
Blog della COMUNITA' IPHARRA

Non più destra, non più sinistra, non più etichette, non più finzioni nominalistiche ma attività mirate a creare le premesse culturali e politiche per una Costituente di Popolo che sia alternativa reale ed organica agli schemi partitici ed agli artifici ideologici. Momenti di lotta diretta a colpire le oligarchie di potere per le quali il " rito del voto" costituisce la legittimazione per continuare ad esercitare le loro angherie ai danni del Popolo.

VI SVELO IL PIANO SEGRETO DI RUSSIA ED USA PER IL NUOVO ORDINE MONDIALE, UN ACCORDO CHE STA BENE A TUTTI E DUE

Pubblicato su 23 Giugno 2015 da FRONTE DI LIBERAZIONE DAI BANCHIERI - CM in ESTERI, POLITICA

Con l'espressione guerra fredda si indica la contrapposizione politica, ideologica e militare che venne a crearsi nel 1945, alla fine della seconda guerra mondiale, tra due blocchi internazionali, categorizzati come Occidente (gli Stati Uniti d'America, gli alleati della NATO e i Paesi amici) ed Oriente, o "blocco comunista" (l'Unione Sovietica, gli alleati del Patto di Varsavia e i Paesi amici).

 Tale tensione, durata circa mezzo secolo, pur non concretizzandosi mai in un conflitto militare diretto (da cui il termine fredda quando in realtà la disponibilità di armi nucleari per entrambe le parti avrebbe potuto distruggere inesorabilmente l'intero pianeta), si sviluppò nel corso degli anni incentrandosi sulla competizione in vari campi (militare, spaziale, tecnologico, ideologico, psicologico, sportivo) contribuendo almeno in parte allo sviluppo ed evoluzione della società stessa con l'avvento della terza rivoluzione industriale.

 Il 28 giugno 1991 viene dichiarato sciolto il Comecon ed il 1º luglio il Patto di Varsavia; questi due eventi sanciscono quantomeno simbolicamente la fine dell'influenza della Russia sovietica nell'Europa orientale e quindi la fine della guerra fredda comunemente intesa. La situazione conflittuale ormai passata si è acuita in tempi recenti a causa della contrapposizione fra l'Ucraina e la Russia circa il destino dell'Oblast' di Donec'k che, con l'aiuto militare della Russia, si è reso parzialmente indipendente dall'autorità ucraina e avrebbe optato, tramite referendum, per l'unione con la Federazione russa.

In realtà con la fine della Guerra Fredda si è assistito ad un radicale cambiamento dello scenario politico dell’intero pianeta che ha portato ad un profondo mutamento delle relazioni internazionali, accrescendo esponenzialmente l’imprevedibilità del comportamento degli Stati Nazione tanto nel campo delle pratiche diplomatiche quanto sotto il profilo della condotta bellica. Il crollo dell’Unione Sovietica in realtà ha spinto alla nascita di una serie di attori nazionali ed internazionali, in grado di agire a molteplici livelli creando un nuovo ordine mondiale multicentrico, globalizzato e tutt’altro che pacifico. Con buona pace di molti autorevoli studiosi, che promettevano una nuova idilliaca éra priva di conflitti, si è assistito, al contrario, ad una proliferazione ed un aumento esponenziale dell’attività bellica in tutto il mondo.
 l’elemento che forse più caratterizza i nuovi conflitti è la totale scomparsa del nemico. Fino a quando il mondo occidentale si è retto sull’equilibrio USA- URSS è esistito una sorta di bilanciamento tra le parti in gioco, ma la dissoluzione dell’Ex Unione Sovietica ha portato ad un evitabile squilibrio internazionale innescando una politica interventista da parte degli Stati Uniti, unica superpotenza rimasta in campo, in ogni luogo del pianeta qualora venisse percepito come possibile minaccia per la sicurezza nazionale e dell’Occidente in generale.

Ma chi è, allora, il nemico da combattere? Difficile a dirsi, visto che gli USA ed i suoi alleati hanno agito, in genere, utilizzando un esercito di stampo tradizionale, mentre il nemico si nasconde in luoghi inaccessibili e si confonde facilmente tra la popolazione civile, utilizzando, il più delle volte,  metodi di attacco poco ortodossi quali kamikaze ed esplosioni di autobombe in centri generalmente abitati. Conseguenza di tutto questo è che spesso il campo di battaglia si è spostato all’interno delle città ed in luoghi  quali un mercato, una Chiesa, una Moschea o un centro commerciale, coinvolgendo la popolazione civile e non più solo i militari.

Oggi le tensioni tra le due superpotenze sta generando piu' che un rischio per una guerra mondiale fra le due Nazioni una grande opportunita' di dare un Nuovo Ordine mondiale che possa consentire al Mondo di superare nuovamente le innumerevoli guerre convenzionali e non convenzionali (islamiche) una sorta di seconda Guerra Fredda che sta bene a tutte e due le superpotenze consentendo agli Stati Uniti di alleggerire il peso economico e militare di essere l'unica superpotenza a proteggere il mondo.

Lo scenario che si e' creato tra Russia ed Occidente tramite i fatti dell'Ucraina con le relative sanzioni e scaramucce tra i contendenti e' reale ma oggi nelle stanze dei bottoni della strategia mondiale si sta pensando che questo nuovo scenario puo' essere una grande opportuna per riportare il mondo sotto il controllo di due spere Mondiali d'Influenza facendo contenti tutti.

Vedremo nei prossimi mesi un impegno sostanziale della Russia in campo di spese militari e interventistico con un minimo di opposizione dell'Occidente perche' esiste di fatto un accordo delle parti per riportare il pianeta sotto controllo e con meno conflitti non convenzionali.

LA GUERRA FREDDA CHE TUTTI VOGLIONO

 
Tratto da:http://www.ilgiornaledellapolitica.com/2015/06/vi-svelo-il-piano-segreto-di-russia-ed.html
 VI SVELO IL PIANO SEGRETO DI RUSSIA ED USA PER IL NUOVO ORDINE MONDIALE, UN ACCORDO CHE STA BENE A TUTTI E DUE
Commenta il post