Overblog
Segui questo blog
Edit post Administration Create my blog
Blog della COMUNITA' IPHARRA

Non più destra, non più sinistra, non più etichette, non più finzioni nominalistiche ma attività mirate a creare le premesse culturali e politiche per una Costituente di Popolo che sia alternativa reale ed organica agli schemi partitici ed agli artifici ideologici. Momenti di lotta diretta a colpire le oligarchie di potere per le quali il " rito del voto" costituisce la legittimazione per continuare ad esercitare le loro angherie ai danni del Popolo.

Che succede quando la terza carica dello Stato chiede di cedere la sovranità nazionale?

Pubblicato su 2 Giugno 2015 da FRONTE DI LIBERAZIONE DAI BANCHIERI - CM in POLITICA

Laura Boldrini tra una frase e l’altra a favore dell’immigrazione e contro gli italiani, frasi dirette unicamente a provocare la rabbia dei cittadini sviando le masse dai veri problemi, ha dimostrato la sua vera indole e come sappia tramare contro gli interessi nazionali portando avanti ben più insidiose ed oscure azioni.

Dunque quando la Boldrini afferma “sogno un premier rom” ovviamente lo fa solo per suscitare reazioni scomposte e distrarre. Non sono queste le frasi davvero gravi che questa persona ha pronunciato, non sono queste le azioni che ci devono interessare realmente e che ci devono indignare.

Quello che invece rileva, perché purtroppo ha conseguenze drammatiche per il Paese, è la richiesta di cessione della sovranità nazionale e le azioni volte ad attuare predette cessioniLa Boldrini, nel silenzio quasi generale, ha chiesto il compimento di un atto eversivo contro la personalità dello Stato, ma i media si concentrano sulla sciocchezza stellare del premier rom (peraltro la terza carica dello Stato finge di non conoscere nemmeno il funzionamento dell’ordinamento Repubblicano il quale non prevede premierati, siamo in una democrazia parlamentare)

Ergo non sono gravi le idiozie che la Boldrini scientemente proferisce sull’immigrazione ma è grave il fatto che la suddetta lavori specificatamente affinché il nostro Stato venga rapidamente smantellato, arrivando ad invocare addirittura che siano vinte le resistenze popolari alla cessione della sovranità. Invocando ciò che appare come un colpo di Stato tecnicamente violento, poiché basato sulla cooptazione delle volontà.

Chiariamo ancora una volta un concetto, su cui come sapete mi ripeto spesso perché è il punto centrale della grave crisi in cui versa il Paese. Lo Stato si compone di territorio, popolo e sovranità. Posto che l’Italia è una Repubblica democratica fondata sul lavoro, la sovranità ovviamente appartiene al popolo ex art. 1 Cost. Dunque il fatto stesso che la terza carica dello Stato invochi la cessione della sovranità (e dunque il fatto che il popolo italiano non sia più sovrano sul proprio territorio) è per definizione una dichiarazione eversiva d’inaudita gravità. Un fatto sanzionato pesantemente dal codice penale (punito fino all’ergastolo). La Boldrini andrebbe processata e condannata per delitti contro la personalità dello Stato o quanto meno per istigazione al loro compimento (scaricate qui la denuncia già compilata).

Nonostante ciò si parla della Boldrini solo quando chiede di essere chiamata “La Presidenta” (italiano questo sconosciuto) o quando invoca l’occupazione dell’Italia da parte degli immigrati. Ma tutto questo è fumo negli occhi. La Boldrini, mentre millanta rom al Governo e fa sfoggio del più risibile “politicamente corretto” che si sia mai visto, in realtà si adopera per la cessione della sovranità appartenente al popolo italiano a soggetti terzi, quei soggetti che stranamente piacciono moltissimo a multinazionali e lobby finanziarie.

Dunque cosa accade quando la terza carica dello Stato chiede di cedere sovranità nazionale? Accade che siamo in presenza di un colpo di Stato ma, il deficit culturale imposto con il lavaggio del cervello mediatico alle masse, rende i più incapaci di accorgersi della gravità dei fatti in corso.

Le crisi e le gravi crisi sono lo strumento per obbligarci a cedere la nostra sovranità, lo diceva già Monti e da allora nulla è cambiato, al timone abbiamo ancora traditori dell’ordinamento costituzionali e soggetti che perseguono interessi stranieri come ammesso anche dal deputato PD, D’Attorre.

Apriamo gli occhi!

 

IMG_1061

Fonte: Scenari Economici

Tratto da:http://www.informarexresistere.fr

Che succede quando la terza carica dello Stato chiede di cedere la sovranità nazionale?
Commenta il post

mustafa 06/03/2015 11:16

Boldrini, un'altra impresentabile al comando...

v4l3 06/02/2015 10:31

Un governo completamente estraneo alla realta'.Questa persona e' ministro per favoritismo al
presidebte del consiglio,con che faccia si presentano in pubblico.
Ma alle elezioni appena concluse una bella fetta degli italiani continua a votare questi personaggi
quindi a questo punto do' piena ragione a Claudio Marconi,
questo paese non cambiera' mai e' tutto inutile.

Roberto 06/02/2015 10:13

Egregia signora Boldrini, saremmo disposti a cedere sovranità ,come quella monetaria, se l' Europa avesse una banca centrale degli Stati Uniti d' Europa e non sotto la sovranità di un gruppo di banche private.
L'emissione di banconote deve essere di proprietà del popolo e non dei privati.Altrimenti saremmo il paese di paperino con al comando qui,quo qua.

FRONTE DI LIBERAZIONE DAI BANCHIERI - CM 06/02/2015 18:03

Concordiamo

Luigi Maria Ventola 06/02/2015 07:15

Se fossimo un Paese normale, questa persona sarebbe già agli arresti. (ammesso e non concesso che in un Paese normale, una simile persona potesse assurgere a terza carica dello Stato).