Overblog
Segui questo blog
Edit post Administration Create my blog
Blog della COMUNITA' IPHARRA

Non più destra, non più sinistra, non più etichette, non più finzioni nominalistiche ma attività mirate a creare le premesse culturali e politiche per una Costituente di Popolo che sia alternativa reale ed organica agli schemi partitici ed agli artifici ideologici. Momenti di lotta diretta a colpire le oligarchie di potere per le quali il " rito del voto" costituisce la legittimazione per continuare ad esercitare le loro angherie ai danni del Popolo.

Kyenge: la gente non vuole capire che l’Italia è un Paese di immigrazione

Pubblicato su 26 Maggio 2015 da FRONTE DI LIBERAZIONE DAI BANCHIERI - CM in POLITICA

L'ennesimo, inequivocabile, " segno dei tempi". C.M.

“A giugno andrò in Nigeria per cercare di capire come aiutarli, per evitare le partenze degli immigrati”.

Intervistato da Repubblica Tv, il leader della Lega Matteo Salvini ha annunciato il viaggio nel Paese africano illustrando le politiche del Carroccio per contrastare l’immigrazione clandestina. “Chi scappa dalla guerra deve essere accolto, gli immigrati clandestini non vanno fatti partire e sbarcare”, ha spiegato

L’iniziativa ha fatto sbottare Cecile Kyenge che è appena stata incaricata dall’Unione europea di andare in Nigeria per seguire le elezioni. Così, ospite di 24Mattino su Radio24, ha comciato a sciorinare la consueta lamentela per gli insulti nei suoi confronti sono “aumentati terribilmente”. “Basta fare un giro sul mio profilo Twitter e Facebook per verificarlo – tuona – costantemente segnalo le offese che ricevo alle autorità competenti”.

Poi attacca con le solite vanterie: “Io andrò in Nigeria per conto del Parlamento Ue, per monitorare le elezioni. Altri andranno per propaganda o a fare passeggiate”, dice con l’intento di sminuire il viaggio di Salvini. “Il problema non sono io ma la gente che non vuole capire che l’Italia è cambiata, che è un diventata un Paese di immigrazione e come tale necessita di regole di convivenza da costruire piano piano – ha continuato – questo processo però non è stato, purtroppo, accompagnato”.

Isis, inchiesta a Palermo: l’immigrazione clandestina finanzia le milizie

Infine non poteva mancare il solito discorso immaturo sul razzismo con il quale la Kyenge si nasconde in modo infantile dietro il colore della pelle per giustificare gli attacchi che mirano ai suoi discorsi logorroici e non certo alla sua persona:  “Se poi, ad alti livelli istituzionali,  ha detto – ci sono persone come il mio eterno amico-nemico Calderoli che sdoganano l’insulto razzista – ha detto ancora – tutto diventa più complicato ed è per quello che ho portato in tribunale una decina di rappresentanti delle istituzioni che mi avevano insultato. Chi ricopre un ruolo politico ha delle responsabilità e deve essere anche educatore”.

Tratto da:http://www.imolaoggi.it

Kyenge: la gente non vuole capire che l’Italia è un Paese di immigrazione
Commenta il post

v4l3 05/26/2015 08:11

Siamo all'assurdo.
Anche solo fisicamente non si sa dove mettere altre persone.
Tutto questo grazie alla debolezza del governo servo delle multinazionali.
A questo punto occorre piu' fermezza,come arrivano gli immigrati sulle coste,
vanno immediatamente rimpatriati.Sicuramente dopo averli curati e nutriti.
Se si usassero delle navi da crociera per il rimpatrio sicuramente si spenderebbe di meno che alloggiarli negli hotel.Non capisco che cosa abbiano nella testa queste persone che farneticano insistendo sull'accoglienza.L'italia e' stata deindustrializzata non se lo puo' permettere, oltretutto con i criminali di bruxell che se ne fregano altamente.Ogni volta che pubblicamente un politico pronuncia la parola accoglienza si sappia che e' responsabile della morte chi annega in mare perche' e' colpa sua attirare,
illudere persone disperate che qui ci sia un futuro per tutti,non e' cosi'.Questo governo,oltre tutto il resto e' quindi anche
complice di sterminio di massa,visto il numero di persone che sono gia' morte spinte dalle parole
di illusione di chi dice accoglienza.

Luigi Maria Ventola 05/26/2015 07:06

Questo "soggetto" è un altro regalo del cosiddetto partito democratico, unitamente al marocchino che dilaga sugli schermi TV. PD , un partito che da sempre odia la propria Patria e i propri connazionali.