Overblog
Segui questo blog
Edit post Administration Create my blog
Blog della COMUNITA' IPHARRA

Non più destra, non più sinistra, non più etichette, non più finzioni nominalistiche ma attività mirate a creare le premesse culturali e politiche per una Costituente di Popolo che sia alternativa reale ed organica agli schemi partitici ed agli artifici ideologici. Momenti di lotta diretta a colpire le oligarchie di potere per le quali il " rito del voto" costituisce la legittimazione per continuare ad esercitare le loro angherie ai danni del Popolo.

IL PLUTONIO CHE UCCIDE GLI ITALIANI!

Pubblicato su 6 Maggio 2015 da FRONTE DI LIBERAZIONE DAI BANCHIERI - CM in IPHARRA, ECOLOGIA, POLITICA

di Gianni Lannes
 
In natura non esiste, ma viene fabbricato artificialmente per la guerra nucleare e annienta la vita per 24.400 anni, senza tregua. La letteratura scientifica parla chiaro: dosi infinitesimali possono innescare processi di mutagenesi e cancerogenesi. 
 
L'Italia è uno dei Paesi più inquinati dell'Occidente, grazie alla volontà dei politicanti nostrani. Nel belpaese i veleni cancerogeni, teratogeni e mutageni, incancreniscono aria, acqua, terra e cibo. E ogni anno uccidono migliaia di persone e ne mandano all'ospedale quasi un milione. I bambini in Italia si ammalano più che nel resto d'Europa. Le autorità locali, nazionali e internazionali sanno, eppure fanno finta di niente, mentre la popolazione viene distratta continuamente e langue nell'ignoranza generale.  
 
Il pericolo si annida nei gesti più naturali e universali: respirare, bere, mangiare, amare. Insomma, non è vita, ma sopravvivenza, in una nazione dove lo Stato non tutela la salute collettiva, e comandano gli stranieri extracomunitari di Washington, Londra e Tel Aviv.


riferimenti:

 http://www.iaea.org/inis/collection/NCLCollectionStore/_Public/15/049/15049018.pdf
  

 

 

 
IL PLUTONIO CHE UCCIDE GLI ITALIANI!
Commenta il post

Victoria 05/07/2015 03:44

Che cosa centra Tel Aviv? La Francia è molto più vicina con i suoi centri nucleari, e ci mandano le scorie per metterli sotto la nostra terra.