Overblog
Segui questo blog
Edit post Administration Create my blog
Blog della COMUNITA' IPHARRA

Non più destra, non più sinistra, non più etichette, non più finzioni nominalistiche ma attività mirate a creare le premesse culturali e politiche per una Costituente di Popolo che sia alternativa reale ed organica agli schemi partitici ed agli artifici ideologici. Momenti di lotta diretta a colpire le oligarchie di potere per le quali il " rito del voto" costituisce la legittimazione per continuare ad esercitare le loro angherie ai danni del Popolo.

ECCO IL BULLISMO DI STATO. TAGLIANO LE PENSIONI E TASSANO LA PRIMA CASA

Pubblicato su 22 Maggio 2015 da FRONTE DI LIBERAZIONE DAI BANCHIERI - CM in POLITICA

Tagli alle pensioni e tasse sulla prima casa. Una moda tutta italiana: mettere le mani su immobili e rendite

Ecco cosa scrive Il Giornale:

Avete presente quei film, in genere americani, in cui due o tre cattivoni immobilizzano e prendono a schiaffi il povero malcapitato, che subisce dolorosamente? Ecco.

È quanto lo Stato italiano sembra voler fare nei confronti della classe media. Esageriamo? Seguite il nostro ragionamento e poi vediamo.

Per anni ci siamo affaticati a denunciare l’eccesso di fiscalità. Guardate che gli affari scappano, dicevamo. Più sono alte le tasse e minori sono gli incentivi a produrre reddito e ricchezza. E se non si produce, non si inventano nuovi posti di lavoro. La spirale diventa perversa. Troppe tasse, minori incentivi a produrre, fatturati e redditi più bassi, introiti fiscali che scemano. Tutte cose che abbiamo scritto in tutte le salse. Ed è purtroppo esattamente ciò che si sta verificando. Insomma, in questi anni non è morta la voglia di fare impresa e di mettere soldi da parte degli italiani, è semplicemente scappata altrove, all’estero. Abbiamo esportato per secoli manodopera volenterosa e a basso costo, oggi regaliamo più che cervelli (come si usa dire) fatturato: realizzato a Londra, Los Angeles, Shanghai, ovunque sia possibile arricchirsi senza sentirsi in colpa.

Torniamo dunque alla nostra metafora. Perché diciamo che ci hanno messo nell’angolo e ci stanno riempiendo di cazzotti? Non tutti sono potuti scappare. E chi è rimasto viene picchiato. Gli immobili, frenati dalle fondamenta, non possono scappare e le pensioni erogate dallo Stato non possono essere liquidate una tantum.

Pensionati e proprietari di casa hanno la sfortuna di avere tutti i beni al sole: metterci su le mani è la cosa più semplice del mondo.

A vedere bene c’è un altro legame tra pensioni e prima casa. Quest’ultima non si è, in genere, autocostruita. È figlia dei risparmi di una vita: la gran parte degli immobili è stata comprata con mutui ipotecari. E, a loro volta, i risparmi sono quanto avanza dal proprio reddito di lavoro, una volta pagate la tasse e decurtate le spese di sopravvivenza. Insomma, la casa è stata comprata con quanto si è riusciti, negli anni, a mettere da parte. A seconda del proprio reddito, questo gruzzoletto investito nel mattone può essere stato più o meno grande. Ma per tutti si tratta di risorse che sono figlie di una prima tassazione. Cosa hanno fatto gli italiani? Hanno risparmiato come delle formiche, hanno pagato interessi alle banche, che hanno prosperato, hanno alimentato il mercato dell’edilizia e oggi si trovano un immobile dove vivere. Sapete questa tiritera come si chiama nei Paesi anglosassoni che hanno sempre voglia in insegnarci qualcosa? Previdenza complementare, fondi pensione. Quello che vogliamo dimostrare è che la prima casa per gli italiani è ciò che un fondo pensione rappresenta per i cittadini dei Paesi considerati più evoluti. Nessuno si azzarderebbe a tartassare l’assegno di un fondo pensione, da noi invece nessun problema a tosare una rendita (puramente virtuale) che la nostra prima casa genererebbe. Non fatevi dunque ingannare quando vi dicono che all’estero tassano le case. Da noi la casa non solo l’abbiamo comprata con i frutti di un reddito netto tassato più che all’estero, ma essa ricopre anche quella funzione socio-economica che nei Paesi anglosassoni è svolta dai fondi pensione che, per tale motivo, sono agevolati fiscalmente.

Avete finalmente capito perché la nostra metafora bullista non è esagerata: picchiano solo chi non riesce a scappare e, per di più, chi non ha commesso nessuna ingiustizia.

Tratto da: http://www.stopeuro.org
ECCO IL BULLISMO DI STATO. TAGLIANO LE PENSIONI E TASSANO LA PRIMA CASA
Commenta il post