Overblog
Segui questo blog
Edit post Administration Create my blog
Blog della COMUNITA' IPHARRA

Non più destra, non più sinistra, non più etichette, non più finzioni nominalistiche ma attività mirate a creare le premesse culturali e politiche per una Costituente di Popolo che sia alternativa reale ed organica agli schemi partitici ed agli artifici ideologici. Momenti di lotta diretta a colpire le oligarchie di potere per le quali il " rito del voto" costituisce la legittimazione per continuare ad esercitare le loro angherie ai danni del Popolo.

LE TASSE AUMENTANO, E ORA CONTROLLERANNO I CONTI CORRENTI

Pubblicato su 15 Aprile 2015 da FRONTE DI LIBERAZIONE DAI BANCHIERI - CM in ECONOMIA

Tassazione sempre più pesante sui salari in Italia. Secondo il rapporto Taxing Wages dell’Ocse, il cuneo fiscale per i lavoratori dipendenti è ormai alle soglie del 50%. Nel 2014 la differenza tra il costo totale del lavoro e il salario netto in busta paga per un single con una retribuzione media ha infatti raggiunto il 48,2%, in incremento di 0,4 punti rispetto al 2013. Il dato supera di oltre 12 punti la media Ocse che è del 36% (+0,1 punti sull’anno precedente) e l’aumento deriva dalle imposte sul reddito, mentre non emergono variazioni nell’incidenza dei contributi sociali.

E come se non bastasse, l’operazione 730 precompilato (con tutte le sue falle) è solo la prima tappa di quello che si prevede un inferno per i contribuenti. Lo promette Rossella Orlandi, direttore dell’Agenzia delle Entrate, che annuncia altri importanti cambiamenti. In un’intervista a Repubblica spiega che è finito il tempo dei blitz a Cortina. La caccia al nero, ora, passerà per una stretta sulla privacy: “L’uso di massa dei dati bancari – spiega – ora è escluso per via della privacy, e così il pacchetto promesso è fermo da due anni. Ma chi invoca la tutela della privacy dimentica che tutti i dati sono elaborati dalla Sogei, un fortino informatico a prova di intrusione, che garantisce un uso più che corretto dei flussi finanziari grazie a severissime procedure di accesso”. La direttrice, insomma, annuncia le intenzioni: rendere il “Grande Fratello fiscale” sempre più potente e invasivo. Comunque, garantisce: “Nessuno potrà impropriamente avvalersi di dati sensibili, questo è certo”. Alle accuse di abusi da parte delle Entrate, risponde così: “I nostri funzionari non possono avere la discrezionalità di separare la cosiddetta evasione di necessità dall’abuso. Sarebbe pericolosissimo. E comunque teniamo la situazione sotto controllo”.

Tratto da:http://www.stopeuro.org

LE TASSE AUMENTANO, E ORA CONTROLLERANNO I CONTI CORRENTI
Commenta il post