Overblog
Segui questo blog
Edit post Administration Create my blog
Blog della COMUNITA' IPHARRA

Non più destra, non più sinistra, non più etichette, non più finzioni nominalistiche ma attività mirate a creare le premesse culturali e politiche per una Costituente di Popolo che sia alternativa reale ed organica agli schemi partitici ed agli artifici ideologici. Momenti di lotta diretta a colpire le oligarchie di potere per le quali il " rito del voto" costituisce la legittimazione per continuare ad esercitare le loro angherie ai danni del Popolo.

La UE all’attacco dell’Ungheria che non si piega alla dittatura finanziaria

Pubblicato su 23 Aprile 2015 da FRONTE DI LIBERAZIONE DAI BANCHIERI - CM in EUROPA

Si prepara un'altra " rivoluzione colorata" ai danni del popolo. Il lupo perde il pelo,ma non il vizio. Claudio Marconi

‘Ungheria libera dalla corruzione’‘: un migliaio di persone (i soliti venduti delle Ong per le rivoluzioni colorate, con in mano la bandiera della UE)  sono di nuovo scese in piazza a Budapest contro il governo di Viktor Orbán. Domenica i manifestanti si sono ritrovati davanti alla Banca nazionale d’Ungheria. Proteste in una cinquantina di città. Per casi sospetti di corruzione, l’Europa ha sospeso di recente ingenti finanziamenti, una misura senza precedenti.

‘‘Lo dico molto sinceramente, dovrebbero solamente dimettersi e indire nuove elezioni. Chiunque saprebbe fare meglio di chi siede ora al governo. Non conoscono vergogna’‘, dice una dimostrante. (Basta che Soros paghi e dicono qualsiasi cosa)

“Dovrebbero rubare di meno e fare le opere pubbliche, dovrebbe esserci più equilibrio tra il guadagno illecito e l’utilizzo dei soldi per fini pubblici’‘, dice un altro.

A causa di sospette irregolarità nell’aggiudicazione delle gare di appalto, la Commissione dell’Unione Europea ha deciso di sospendere i pagamenti del Fondo regionale per l’Ungheria. Il valore totale dei progetti ammonta a 451 milioni di euro.

“Negli ultimi mesi ci sono state diverse manifestazioni contro la corruzione e le politiche del governo di Orban. A mobilitare di nuovo la piazza sono gli ultimi contrasti tra l’Unione europea e il governo ungherese. Gli organizzatori hanno promesso nuove proteste nell’immediato futuro’‘.

Tratto da:http://www.imolaoggi.it

La UE all’attacco dell’Ungheria che non si piega alla dittatura finanziaria
Commenta il post

ospite 04/23/2015 22:39

Era meglio il Patto di Varsavia....

fiammaverde 04/23/2015 15:51

Altra rivoluzione indotta dai potenti! Altra nazione da destabilizzare! Altra Libia In vista!