Overblog
Segui questo blog
Edit post Administration Create my blog
Blog della COMUNITA' IPHARRA

Non più destra, non più sinistra, non più etichette, non più finzioni nominalistiche ma attività mirate a creare le premesse culturali e politiche per una Costituente di Popolo che sia alternativa reale ed organica agli schemi partitici ed agli artifici ideologici. Momenti di lotta diretta a colpire le oligarchie di potere per le quali il " rito del voto" costituisce la legittimazione per continuare ad esercitare le loro angherie ai danni del Popolo.

L'Europa apre le porte alle lobby favorevoli allo shale gas

Pubblicato su 18 Aprile 2015 da FRONTE DI LIBERAZIONE DAI BANCHIERI - CM in POLITICA, ECONOMIA

Nonostante l'opposizione dei cittadini europei al gas di scisto, la Commissione persiste in direzione opposta

 

La Commissione europea ha formalizzato la costituzione di un gruppo di esperti per raccogliere informazioni sullo sfruttamento del gas di scisto e sugli eventuali metodi più sicuri e puliti di estrazione, scrive su Basta!, Olivier Petitjean . Tutto in uno spirito di "scambio equo ed equilibrato delle idee" , assicura Bruxelles. Il problema è che la stragrande maggioranza di questi "esperti" sono legati all'industria del petrolio e del gas, favorevole allo shale gas. E per ammissione di uno dei suoi membri, questo gruppo finanziato con soldi pubblici avrà lo scopo di rendere l'atteggiamento dei cittadini europei più "pragmatico" e "favorevole" allo shale gas.
 
Nonostante la massiccia opposizione dei cittadini europei al gas di scisto, la Commissione europea persiste in direzione opposta. Dopo aver esentato queste attività da specifici studi di impatto ambientale, oggi crea una "rete" di esperti in gran parte dominata da industrie e governi favorevoli allo shale gas. Amici della Terra Europa e Corporate Europe Observatory, con sede a Bruxelles, hanno pubblicato uno studio sulla composizione della rete, il cui titolo, "Carta bianca per il fracking, suggerisce il basso livello di indipendenza di questi " esperti ".
 
Su 60 "esperti" il 40% lavora per le aziende come Total, GDF Suez e Shell, direttamente coinvolte nello shale gas, o per le lobby del settore petrolifero e del gas, come l'Union Française des Industries Pétrolières (UFIP). Jean-Louis Schilansky, presidente del Centro di documentazione sugli idrocarburi non convenzionali ", la lobby recentemente creata dalle società francesi interessate allo sviluppo dello shale gas fa parte di questa rete. I rappresentanti della società civile, al contrario, si contano sulle dita di una mano: sono solo cinque! Il resto sono o scienziati, la maggior parte dei quali è finanziariamente legata all'industria, o rappresentanti di uffici pubblici di ricerca geologica, i cui interessi sono spesso strettamente legati a quelli dei promotori di shale gas. Il 70% dei membri di questa rete ha legami finanziari con l'industria del petrolio e del gas ...

 

"Invertire l'atteggiamento negativo nei confronti dello shale gas" è la loro missione ufficiosa. La missione ufficiale è raccogliere informazioni sugli sviluppi di gas scisto in Europa e di valutare le tecnologie utilizzate per estrarli. Questi esperti studieranno i metodi di fratturazione idraulica e le sue possibili alternative - per ora del tutto irrealistiche. 
 

Questa rete funzionerà, secondo la Commissione, in uno spirito di "scambio equo ed equilibrato di idee" . Una delle cinque persone nominate dal Consiglio per presiedere il gruppi di lavoro della "rete", il polacco Grzegorz Pieńkowski, è più schietto: "La creazione [della rete] punta a trasformare l'atteggiamento sfavorevole o sospettoso verso lo shale gas prevalente in Europa, in un atteggiamento più pragmatico e, in ultima analisi,favorevole" , spiega in un'intervista.
 
La Commissione europea è già sotto il fuoco della critica per aver creato gruppi di esperti dominati da interessi industriali, sia nel campo degli OGM, della regolazione della finanza, o dell'inquinamento dell'aria. Ciò non impedisce la recidiva oggi con lo shale gas e il fracking. Bruxelles ha selezionato direttamente i cinque presidenti del gruppi di lavoro: ci sono due rappresentanti delle compagnie petrolifere e del gas (CoconoPhillips e Cuadrilla), due rappresentanti di governi di gas favorevoli allo shale (Regno Unito e Polonia) e il francese François Kalaydjian, dipendente dell'Istituto francese del petrolio, un'organizzazione di ricerca francese legata al settore e nota per le sue posizioni favorevoli sui combustibili fossili.
 
Alla fine, la grande maggioranza dei membri della rete, sia di persona o tramite le società, i governi e le organizzazioni che essi rappresentano, hanno già sottolineato le loro posizioni favorevoli allo shale gas e di opposizione alle normative troppo severe per queste attività. 
 
"Con la scusa di creare una 'rete scientifica e tecnologica', la Commissione utilizza fondi pubblici per creare un gruppo favorevole all'industria petrolifera e del gas, denunciano Amici della Terra Europa e Corporate Europe Observatory.

Nonostante una massiccia opposizione pubblica, la Commissione cerca di nuovo di far entrare, discretamente, lo shale gas dalla porta posteriore, cercando di garantire che la questione non è 'se' l'Europa vuole la fratturazione idraulica, ma 'come'.
 
Tratto da:http://www.lantidiplomatico.it
L'Europa apre le porte alle lobby favorevoli allo shale gas
Commenta il post

Fiammaverde 04/18/2015 09:26

Tutto questo perché han paura di rimanere senza gas a motivo delle posizioni idiote prese nei confronti della Russia!