Overblog
Segui questo blog
Edit post Administration Create my blog
Blog della COMUNITA' IPHARRA

Non più destra, non più sinistra, non più etichette, non più finzioni nominalistiche ma attività mirate a creare le premesse culturali e politiche per una Costituente di Popolo che sia alternativa reale ed organica agli schemi partitici ed agli artifici ideologici. Momenti di lotta diretta a colpire le oligarchie di potere per le quali il " rito del voto" costituisce la legittimazione per continuare ad esercitare le loro angherie ai danni del Popolo.

IL GOVERNO ORBAN BLOCCA I GRANDI CENTRI COMMERCIALI LA DOMENICA, IN DIFESA DEI PICCOLI NEGOZI LOCALI (COME IN ITALIA...)

Pubblicato su 1 Aprile 2015 da FRONTE DI LIBERAZIONE DAI BANCHIERI - CM in EUROPA

LONDRA - Al contrario di quanto combinano i "regnanti" dell'Italia, il governo ungherese ha sempre avuto a cuore l'interesse dei suoi cittadini e per tale motivo il 15 marzo scorso e' entrata in vigore una legge che vieta l'apertura domenicale ai negozi con una superficie superiore ai 200 metri quadrati.

Lo scopo di tale provvedimento, che contiene molte eccezioni, e' quello di proteggere i piccoli commercianti dallo strapotere delle grandi catene di distribuzione e dei centri commerciali e adesso tale restrizione potrebbe essere estesa anche ai supermercati situati nei siti protetti dall'UNESCO che ricoprono una grossa parte di Budapest e che fino ad ora sono stati esenti.

Ma in cosa consiste esattamente questa legge?

Ebbene questa legge entrata in vigore quindici giorni fa stabilisce che a dover restare chiusi la Domenica sono i negozi di dimensioni superiori ai 200 metri quadrati, ad eccezione di quelli il cui personale attivo la domenica è un proprietario per almeno il 20% o un membro della famiglia dei proprietari.

Gli orari di apertura saranno comunque limitati dalle 6 del mattino alle 22 durante tutta la settimana.

Tutti i negozi di retail saranno autorizzati a restare aperti nelle 4 domeniche che precedono il Natale, dalle 6 del mattino alle 22 e in un’altra domenica aggiuntiva, a scelta del proprietario. Il 24 e il 31 dicembre i punti vendita potranno restare aperti dalle 6 del mattino fino al pomeriggio.

Un’altra eccezione sarà vigente per le panetterie, che potranno stare aperte dalle 5 del mattino a mezzogiorno la domenica e negli altri giorni festivi e dalle 5 alle 22 negli altri giorni.

Quelli che vendono solo pane e latticini possono aprire alle 5 del mattino anche durante la settimana. Fiorai e giornalai possono aprire la domenica dalla mattina alle 6 fino a mezzogiorno.

La legge stabilisce inoltre che il governo sia autorizzato a regolare gli orari per casi singoli in caso di speciali ambienti locali, nel caso di località turistiche, ma anche in base a numero di dipendenti, di abitanti e di trend della zona.

Come e' possibile vedere i legislatori ungheresi hanno cercato di far quadrare il cerchio cercando di proteggere il piu' possibile tutte quelle attivita' che pur essendo grandi non fanno parte di grosse catene commerciali e giustamente hanno cercato di salvaguardare quanti piu' posti di lavoro possibile.

Nei prossimi mesi sara' possibile vedere che questa legge riuscira' a raggiungere il suo scopo ma di certo tale provvedimento dovrebbe essere copiato e adottato anche in Italia dove la concorrenza sleale di tanti centri commerciali ha danneggiato enormemente il tessuto del commercio locale, formato da negozi di quartiere, di paese. Negozi che davano lavoro a centinaia di migliaia di italiani e che ora sono chiusi per colpa della concorrenza sleale delle grandi catene di stributive, che in più operano in Italia ma spesso hanno sede in altre nazioni dove pagano molto meno tasse.

 

GIUSEPPE DE SANTIS - Londra.

Tratto da: http://www.ilnord.it

IL GOVERNO ORBAN BLOCCA I GRANDI CENTRI COMMERCIALI LA DOMENICA, IN DIFESA DEI PICCOLI NEGOZI LOCALI (COME IN ITALIA...)
Commenta il post

elegantissimo 04/01/2015 12:22

Claudio il 12 aprile abbiamo un convegno-dibattito sulla sovranità monetaria, signoraggio ed usura bancario. moneta complementare e azioni di legittimità al contrasto alle società di riscossione coatta Equitalia spa e simili. prevediamo per fine aprile un'altro evento, prima dell'inizio della campagna elettorale, ed in quella occasione la presenza della tua organizzazione sarebbe importatissima. Ho chiesto la presenza del dott. Rinaldi ma , ritenuto di snobbarci, non rispondendo neanche alle mail.

FRONTE DI LIBERAZIONE DAI BANCHIERI - CM 04/01/2015 16:50

Ti contatto in privato

FRONTE DI LIBERAZIONE DAI BANCHIERI - CM 04/01/2015 10:56

Per " combattere " i costi della politica hanno eliminato, a parole, le province e mantenuto le regioni.
Almeno con le province c'era un controllo appena, appena più serio del territorio. Ma la soluzione migliore, a mio avviso, è una confederazione di comuni.

elegantissimo 04/01/2015 11:43

Claudio se sfondiamo ad Andria la tua proposta , da me caldeggiata da ilore tempo, sarà la prima mossa politica sul territorio per arginare la deriva della politica centrale! Abbiamo già dei contatti con un'unione di comuni del nord-est.

elegantissimo 04/01/2015 10:53

Il rilascio della licenze della GDO sono di competenza delle regioni :l'ultima roccaforte (burocratica, parassitaria) dei partiti. Le notizie di scandali e corruzione di questi giorni sono esclusivamente afferenti personaggi legati alle dinamiche regionali. E basta, che ci avete rotto!! Chiudete queste stramaledette regioni, stanno facendo solo disastri, non sanno legiferare neanche sulla materia residua dello stato centrale, che a sua volta è residua di quella europea! Ma cosa legiferano : cantieri di cittadinanza, reddito di inclusione, Garanzia Giovani, progetti cofinanziati(non avendo soldi a disposizione),autentici fallimenti sul piano politico nonchè un'offesa alla dignità umana e sopratutto giovanile. Bastardi andate a lavorare nelle risaie o a zappare la terra!

FRONTE DI LIBERAZIONE DAI BANCHIERI - CM 04/01/2015 12:08

Per quello che posso fare sono a completa disposizione

FRONTE DI LIBERAZIONE DAI BANCHIERI - CM 04/01/2015 09:41

Un Governo di sinistra seria quello francese di Jospin, non certamente quella italiana, vietò le licenze commerciali superiori ai 400 mq.
Solo i politici italiani non lo hanno capito......o fanno finta di non volerlo capire per coprire la grande distribuzione

elegantissimo 04/01/2015 08:52

Bellissima notizia! Volere è potere. In Italia va pure abrogata la legge che istituisce la GDO grande distribuzione organizzata(deleteria fin dal 1990). E la chiesa in Italia che fa ? "Ricordati di santificare le feste".Ma và là...