Overblog
Segui questo blog
Edit post Administration Create my blog
Blog della COMUNITA' IPHARRA

Non più destra, non più sinistra, non più etichette, non più finzioni nominalistiche ma attività mirate a creare le premesse culturali e politiche per una Costituente di Popolo che sia alternativa reale ed organica agli schemi partitici ed agli artifici ideologici. Momenti di lotta diretta a colpire le oligarchie di potere per le quali il " rito del voto" costituisce la legittimazione per continuare ad esercitare le loro angherie ai danni del Popolo.

GRECIA: TSIPRAS E PUTIN VICINISSIMI A UN ACCORDO. ECCO COSA PREVEDE L’INTESA CON LA RUSSIA

Pubblicato su 6 Aprile 2015 da FRONTE DI LIBERAZIONE DAI BANCHIERI - CM in EUROPA

Grecia e Russia sempre più vicine ad un accordo. Ecco cosa prevede il patto che potrebbe salvare Tsipras ed evitare ulteriori problemi a Putin

Ecco cosa leggiamo su ForexInfo:

Alexis Tsipras Vladimir Putin avrebbero trovato un’intesa basata su un interscambio di favori: se la Grecia voterà no alle nuove sanzioni che l’Unione Europea intende imporre a Mosca, la Russia darà agli ellenici gli aiuti necessari a risolvere l’attuale crisi finanziaria. Ma c’è di più, perché secondo le ultime indiscrezioni nell’accordo sarebbe coinvolta anche la Cina.

Nel frattempo si avvicinano sempre di più due date cruciali per il futuro di Atene. L’8 aprile infatti il premier greco si recherà in visita al Cremlino per un colloquio con il presidente russo, un incontro che di certo non gode dell’appoggio di Bruxelles e di Berlino, nonostante alcuni giorni fa Angela Merkel abbia cercato di ridimensionare la portata dell’evento. Il meeting tra i due politici avverrà poco prima di un altro appuntamento di importanza capitale: il 9 aprile infatti la Grecia dovrà rimborsare all’Fmi 458 milioni di euro. Nel frattempo, continuano i negoziati con l’Eurogruppo per evitare il default.

Accordo Grecia – Russia
Secondo una fonte anonima proveniente dal Cremlino, l’ipotesi che la Russia si impegni ad inviare degli aiuti ad Atene sarebbe ancora prematura. Vladimir Putin non avrebbe infatti ancora deciso il da farsi e si limita a prendere tempo. Il rischio è che arrivi un’annuncio a sorpresa volto a sorprendere l’Unione Europea e a dare ai vertici di Bruxelles un segnale forte: Mosca avrebbe il potere di dividere l’Europa. Un messaggio chiaro che si inserisce nell’ambito delle tensioni sul caso Ucraina e delle conseguenti sanzioni comminate dagli USA e dalla UE contro le imprese e le banche russe, nonché contro esponenti politici, militari e funzionari vicini al governo.

Dal canto suo, Alexis Tsipras sembra prepararsi da tempo a una possibile intesa con i russi e ha già espresso la sua opposizione a comminare ulteriori sanzioni. Il motivo? Le ripercussioni economiche negative che la Grecia avrebbe subito per la chiusura commerciale dei russi e la necessità di avviare negoziati diplomatici.

Gli ellenici infatti non sarebbero gli unici ad avere un tornaconto. Nel caso in cui Atene votasse contro l’imposizione di sanzioni, queste ultime verrebbero bloccate. Dall’altro lato, con l’aiuto della Russia, la Grecia potrebbe trattare con l’Eurogruppo ponendosi in una posizione di forza.
.
Accordo Grecia – Russia: le ripercussioni
Ma se fino ad ora abbiamo parlato dei «pro» per i due Paesi in vista di un eventuale accordo, il governo ellenico potrebbe pure dover affrontare dei pesanti «contro»: in primis, in quanto membro della Nato, rischierebbe addirittura di essere cacciata dall’organizzazione nel caso di un suo appoggio alla Russia. Ma non solo, perché Atene provocherebbe l’ira degli Stati Uniti, al momento sostenitori di un negoziato con i creditori.

In secondo luogo, bisognerebbe anche valutare la reale disponibilità economica della Russia. Il Paese sarebbe attualmente in recessione e le riserve di denaro si starebbero via via esaurendo a causa del del crollo delle quotazioni del petrolio, materia prima che rappresenta con il gas quasi la metà delle entrate.

Ma anche nel caso in cui l’importo degli aiuti fosse considerevole, esso non riuscirebbe ad evitare in via definitiva un possibile default, ma al massimo a rinviare il tutto di qualche mese.

Se però, come da indiscrezioni, nell’intesa venisse coinvolta anche la Cina, questo patto potrebbe davvero salvare la Grecia.

 

Tratto da: http://www.stopeuro.org

GRECIA: TSIPRAS E PUTIN VICINISSIMI A UN ACCORDO. ECCO COSA PREVEDE L’INTESA CON LA RUSSIA
Commenta il post