Overblog
Segui questo blog
Edit post Administration Create my blog
Blog della COMUNITA' IPHARRA

Non più destra, non più sinistra, non più etichette, non più finzioni nominalistiche ma attività mirate a creare le premesse culturali e politiche per una Costituente di Popolo che sia alternativa reale ed organica agli schemi partitici ed agli artifici ideologici. Momenti di lotta diretta a colpire le oligarchie di potere per le quali il " rito del voto" costituisce la legittimazione per continuare ad esercitare le loro angherie ai danni del Popolo.

UNGHERIA, INVESTIMENTI USA

Pubblicato su 7 Marzo 2015 da FRONTE DI LIBERAZIONE DAI BANCHIERI - CM in ECONOMIA, EUROPA

General Motors ha annunciato un investimento da 1,7 milioni di euro in Ungheria, dove, a Szentgotthárd, sarà creato un centro regionale per formazione e gestione finanziaria. La struttura porterà nuovi posti di lavoro e la multinazionale prevede inoltre di ampliare l’organico del suo vicino impianto produttivo, aggiungendo circa 500 addetti. La produzione di motori, ha argomentato GM, dovrebbe essere aumentata del 50% quest’anno, a 580mila unità totali. Con tale obiettivo in mente è previsto un massiccio piano di assunzioni a Szentgotthárd: 500 i nuovi lavoratori previsti, ad incrementare l’attuale staff, che conta 1400 risorse. Il nuovo Ambasciatore degli USA in Ungheria, Colleen Bell, ha dichiarato di aver visitato numerose aziende americane nel Paese in questo suo primo mese in carica e di essersi fatta un’opinione molto positiva dell’ambiente di investimento offerto dall’Ungheria, nonché della forza lavoro locale. Secondo quanto detto in conferenza stampa dal Vice Presidente di Opel per le Relazioni Governative in Europa Johachim Koschnicke, il training and financial centre che sarà creato nello stesso sito della fabbrica servirà ad assicurare la preparazione della forza lavoro della stessa e costituirà anche un'importante struttura di formazione per la regione.

Tratto da: http://www.ilnord.it

UNGHERIA, INVESTIMENTI USA
Commenta il post

Fiammaverde 03/07/2015 14:33

Poi.... povera Ungheria!