Overblog
Segui questo blog
Edit post Administration Create my blog
Blog della COMUNITA' IPHARRA

Non più destra, non più sinistra, non più etichette, non più finzioni nominalistiche ma attività mirate a creare le premesse culturali e politiche per una Costituente di Popolo che sia alternativa reale ed organica agli schemi partitici ed agli artifici ideologici. Momenti di lotta diretta a colpire le oligarchie di potere per le quali il " rito del voto" costituisce la legittimazione per continuare ad esercitare le loro angherie ai danni del Popolo.

UE: come finanzia l’invasione dei nuovi stati

Pubblicato su 6 Marzo 2015 da FRONTE DI LIBERAZIONE DAI BANCHIERI - CM in ECONOMIA

I fondi pubblici (europei)  furono resi disponibili come sussidi, borse di studio, premi culturali, senza alcun limite allo scopo di sedurre l’opinione pubblica e nascondere ciò che era veramente in gioco(…) 

Alain Parguez

 

Vediamo quindi come è possibile “convincere” gli Stati a farsi inglobare volontariamente nel disastro dell’eurozona (pare assurdo). Ecco come funziona:

La Commissione Europea pubblica oggi questo avviso: LINK. Annuncia l’avvio del programma di finanziamento alla pre-assistenza  per i paesi che aderiranno all’Unione Europea (Albania,Macedonia,Kosovo,Montenegro,Serbia, Turchia). Il programma è mirato ad assistere LE RIFORME come supporto alla COMPETITIVITA’:

governance and public administration reform, rule of law and fundamental rights, as well as support to economic growth and competitiveness“.

11 MILIARDI DI EURO

di finanziamanti ripartiti così, nel 2014-2020

proga

Per capire l’ordine di grandezza: sul Montenegro (600mila abitanti) l’UE spende 39,6 milioni di Euro solo nel 2014, ovvero 66€ ad abitante. 

Notare che come “risorse per la crescita” nel bilancio 2015 riferite a progetti 2014-2020 ” l’UE aveva stanziato circa il 60% di 145 mld per tutta l’UE (in parte residui di fondi già stanziati) , ovvero 24 € ad abitante

Per abitante, l’UE SPENDE PER LA PROPAGANDA ALLE RIFORME IN MONTENEGRO CIRCA IL TRIPLO DI QUELLO CHE SPENDE PER LA CRESCITA IN TUTTA EUROPA

La propaganda è la madre di ogni regime. Come si traduce, concretamente, l’investimento in “assistenza alle riforme”? Studi, consulenze, convegni, produzione di documenti, corsi di aggiornamento, etc. La stragrande maggioranza dei “centri culturali” del paese è investita, per anni, da un colossale fiume di soldi, e produce e finanzia incessantemente contesti ed elementi di supporto all’Unione Europea.

E vengono fuori studi, proposte, documenti come questo, ad esempio, scritta da Luciano Gallino nel 2011:


Gallino, 2011: “Il modello sociale, pilastro dell’unità europea” (scritto per convegno sul modello sociale europeo, il 20 dicembre 2011, presso la Camera dei deputati)

E’ necessario che un maggior numero di cittadini arrivino a convincersi che l’Unione Europea è un grandioso progetto politico, economico, sociale, culturale che presenta elementi unici al mondo

Ma appena due anni dopo:

Gallino, 2013: “Un colpo di Stato è in atto in Italia e in Europa

Oggi deci­sioni di fon­da­men­tale impor­tanza ven­gono prese da gruppi ristretti: il diret­to­rio com­po­sto dalla Com­mis­sione Ue, la Bce, l’Fmi. I par­la­menti sono svuo­tati e hanno dele­gato le deci­sioni ai governi. I governi li hanno pas­sati al diret­to­rio. Se que­sta non è la fine della demo­cra­zia, è crta­mente una ferita grave”


Sembrerebbe una comica, un film di Totò, ma è la realtà. La stessa persona a distanza di due anni passa dal giudicare l’Unione Europea “un progetto grandioso” a giudicarlo “un colpo di Stato“. E così, quello che è considerato il più autorevole sociologo italiano, e oggi anche “anti austerity” si era “distratto un attimo, e fino a 2 anni fa esaltava quello che lui stesso, DOPO, dipinge come un regime.

Le parole chiave sono: PRIMA e DOPO.

PRIMA l’UE finanzia la propaganda, e tutti quelli che vivono in questo mondo dorato.

DOPO che il treno delle riforme è in marcia e inarrestabile, gli stessi che hanno partecipato alla propaganda, si smarcano. Si ripropongono come “di sinistra” contro il Frankenstein che hanno contribuito a costruire;

Quello che succederà nel 2014-2020 in questi paesi dell’est Europa è già accaduto in Italia negli anni ’90, in decine di facoltà universitarie, enti di ricerca, etc, e meglio di come lo ha descritto Alain Parguez, da anni e anni, non sarebbe stato possibile descriverlo:

La vittoria definitiva dell’unione monetaria non sarebbe stata possibile senza l’enorme quantità di capitali spesi per convincere una pubblica opinione contro la quale era stata appositamente costruita”

Tratto da:http://econommt.com/

UE: come finanzia l’invasione dei nuovi stati
Commenta il post