Overblog
Segui questo blog
Edit post Administration Create my blog
Blog della COMUNITA' IPHARRA

Non più destra, non più sinistra, non più etichette, non più finzioni nominalistiche ma attività mirate a creare le premesse culturali e politiche per una Costituente di Popolo che sia alternativa reale ed organica agli schemi partitici ed agli artifici ideologici. Momenti di lotta diretta a colpire le oligarchie di potere per le quali il " rito del voto" costituisce la legittimazione per continuare ad esercitare le loro angherie ai danni del Popolo.

Speculazione, evasione fiscale, bonus: tutti gli eccessi delle banche e dei mercati finanziari

Pubblicato su 23 Marzo 2015 da FRONTE DI LIBERAZIONE DAI BANCHIERI - CM in ECONOMIA

Sette anni dopo la crisi finanziaria del 2008, nulla è davvero cambiato

 

Sette anni dopo la crisi finanziaria del 2008, nulla è davvero cambiato: la speculazione rampante, la creazione di prodotti finanziari tossici, l'evasione fiscale, la retribuzione dei banchieri ... siamo tornati agli stessi livelli di prima della crisi, e non solo, avverte la rivista francese Basta!. I numeri sono spaventosi ed è urgente riprendere il controllo sul sistema finanziario deregolamentato.
 

"I derivati ​​sono un arma di distruzione di massa", ha detto il miliardario americano Warren Buffett dieci anni da. I derivati, i prodotti finanziari all'origine della crisi finanziaria nel 2008. Sette anni dopo, nonostante la grande regolazione promessa, la speculazione sui derivati ​​è tornata a grandi livelli! Una speculazione totalmente disconnessa  dall'economia reale. Chi pagherà quando questo fragile castello di carte vacillerà di nuovo? 

La quantità di derivati ​​negoziati over-the-counter, vale a dire tra due soggetti economici o finanziari e non attraverso i mercati organizzati, nel 2014 è stata superiore al livello raggiunto nel 2008: 652.000 miliardi. 10 volte il PIL mondiale!  

La maggior parte delle operazioni in derivati ​​(93%) è tra gli attori finanziari, lontano dall'economia reale. I derivati sono diventati strumenti speculativi. Il valore nozionale dei derivati ​​della BNP Paribas è pari a 48.000 miliardi di dollari. 23 volte il PIL della Francia! 

Oltre alla minaccia che rappresenta per la stabilità del sistema economico globale, la speculazione può avere conseguenze disastrose. Soprattutto quando si distorce il prezzo reale delle materie prime agricole, come il prezzo del grano, del mais e della soia che determinerà quello del cibo che compriamo. "Le attività dei fondi indicizzati hanno giocato un ruolo chiave nell' impennata dei prezzi alimentari nel 2008", afferma la Banca Mondiale, dopo i disordini che hanno colpito diversi paesi dell'Africa e dell'Asia. Una tonnellata di grano è aumentata da 100 a 300 euro.  

 

Un altro aspetto della finanza: l'evasione fiscale. Sarebbe impossibile senza l'aiuto delle banche, che approvano o apertamente incoraggiano i loro clienti a "ottimizzare" i loro beni trasferendo il denaro su conti all'estero. Il deficit per lo Stato francese è stimato tra i 60 e gli 80 miliardi di euro l'anno, secondo gli ultimi rapporti parlamentari . L'equivalente di ciò che viene raccolto con l'imposta sul reddito . 
 
Gli scandali si susseguono: HSBC, UBS, tutte raggiunte da multe e condanne ma le banche non sembrano desiderose di porre fine all'industria dell'evasione fiscale.
 
Un quarto delle vendite internazionali delle banche francesi è sempre fatto in paradisi fiscali. Grazie alla legge 2013 Banking, che introduce una certa trasparenza, sappiamo che BNP ha 170 filiali in paradisi fiscali, Società Generale 139 filiali e Credit Agricole 134 filiali.

Ma non tutto si misura in euro: c'è anche l'impatto ambientale di alcuni investimenti bancari. Dalla firma del Protocollo di Kyoto nel 2005, il settore bancario ha investito 165 miliardi in progetti di estrazione del carbone Tale finanziamento è aumentato del 397% in dieci anni! Tra i 20 maggiori investitori, dietro alle banche cinesi, o statunitensi o inglesi ci sono due banche francesi: Credit Agricole e BNP. Quest'ultima investe dieci volte più in combustibili fossili che nelle fonti rinnovabili. I progetti in cui BNP investe emettono 1,36 miliardi di tonnellate di CO2 l'anno. Quattro volte le emissioni di CO2 di Francia! 

Perché i politici, nonostante le loro promesse di regolamentazione, hanno accettato uno dopo l'altro di mantenere questo sistema pericoloso e costoso per la società che socializza le perdite e privatizza i profitti? Va detto che lalobby bancaria è un vero e proprio rullo compressore. Le sue risorse sono impressionanti: il settore finanziario europeo impiega almeno 1.700 lobbisti, secondo le stime della ONG Corporate Europe Observatory (CEO). Questo a fronte di 400 funzionari responsabili per la regolamentazione dei mercati finanziari della Commissione europea. Quattro lobbisti per un funzionario. Secondo CEO, la lobby bancaria spende 120 miliardi di euro per influenzare le politiche dell'UE.
Tratto da:http://www.lantidiplomatico.it
Speculazione, evasione fiscale, bonus: tutti gli eccessi delle banche e dei mercati finanziari
Commenta il post