Overblog
Segui questo blog
Edit post Administration Create my blog
Blog della COMUNITA' IPHARRA

Non più destra, non più sinistra, non più etichette, non più finzioni nominalistiche ma attività mirate a creare le premesse culturali e politiche per una Costituente di Popolo che sia alternativa reale ed organica agli schemi partitici ed agli artifici ideologici. Momenti di lotta diretta a colpire le oligarchie di potere per le quali il " rito del voto" costituisce la legittimazione per continuare ad esercitare le loro angherie ai danni del Popolo.

COLDIRETTI SHOCK: 278 MILIONI DI LITRI DI VINO IMPORTATI IN ITALIA (PERFINO DAGLI USA) E TRASFORMATI IN ''MADE IN ITALY''

Pubblicato su 25 Marzo 2015 da FRONTE DI LIBERAZIONE DAI BANCHIERI - CM in POLITICA

Ma il vino italiano è davvero tutto italiano? Si direbbe proprio di no. Non era mai arrivato cosi' tanto vino straniero in Italia come nel 2014, anno che fa segnare il record storico delle importazioni con 278 milioni di chili (unità di misura convenzionale pari a litri) in aumento del 46 per cento dall'inizio della crisi nel 2008.

E' quanto emerge da una analisi su dati Istat presentata al Vinitaly dalla Coldiretti che esprime preoccupazione per il fatto che ben 228 milioni di chili (82 per cento) arriva sfuso in cisterne delle quali non si conosce la reale destinazione.

"La provenienza invece - sottolinea la Coldiretti - e' soprattutto spagnola con l'arrivo di ben 154 milioni di chili di vino dalla penisola iberica e dagli Usa da dove sono sbarcati in Italia 47 milioni di chili di vino, la quasi totalita' sfusi in recipienti superiori a 2 litri".

Per la Coldiretti, "occorre fare chiarezza sulle destinazioni finali di queste produzioni a chilometro illimitato per evitare il rischio di frodi ed inganni a danno del Made in Italy come testimonia l'Osservatorio sulla criminalita' in agricoltura promosso dalla Coldiretti con l'ex procuratore Giancarlo Caselli alla guida del comitato scientifico che ha piu' volte puntato il dito sul pericolo di inganni che si nasconde dietro la mancanza di trasparenza nell'importazione massiccia di materie prime agricole.

Il timore e' che "un quantitativo elevato venga probabilmente imbottigliato in Italia e senza una adeguata tracciabilita' finisca per fare concorrenza sleale ai produttori nazionali e ingannare i consumatori". Denuncia gravissima!

La Coldiretti sostiene la necessita' di "rendere pubblici i nomi delle aziende che importano vino sfuso per consentire ai consumatori piena liberta' di scelta. Si tratta di togliere il segreto di Stato sui flussi commerciali delle materie prime provenienti dall'estero al fine di contrastare le aggressioni e salvare il Made in Italy, attaccato anche nel settore d'eccellenza del vino per colpa della lavorazione nel nostro Paese di prodotti alimentari oggetto di importazione o di scambio intracomunitario e la successiva messa in commercio come prodotti autenticamente italiani. In pratica: una truffa bella e buona.

Finora, infatti, una complessa normativa doganale ha impedito l'accessibilita' dei dati senza significative ragioni legate alla tutela della riservatezza - come testimoniato dallo scandalo della carne di cavallo - provocando gravi turbative sul mercato ed ansia e preoccupazione dei consumatori, a fronte all'impossibilita' di fare trasparenza sulla provenienza degli alimenti.

"In un momento difficile per l'economia dobbiamo portare sul mercato - conclude il presidente della Coldiretti Roberto Moncalvo - il valore aggiunto della trasparenza e lo stop al segreto sui flussi commerciali".

Certamente fa molta impressione scoprire che il vino in commercio in Italia per una bella fetta è prodotto all'estero, addirittura negli Stati Uniti, e venduto ad aziende vinicole italiane che poi lo etichettano "Made in Italy". Che porcata.

Tratto da: http://www.ilnord.it

COLDIRETTI SHOCK: 278 MILIONI DI LITRI DI VINO IMPORTATI IN ITALIA (PERFINO DAGLI USA) E TRASFORMATI IN ''MADE IN ITALY''
Commenta il post