Overblog
Segui questo blog
Edit post Administration Create my blog
Blog della COMUNITA' IPHARRA

Non più destra, non più sinistra, non più etichette, non più finzioni nominalistiche ma attività mirate a creare le premesse culturali e politiche per una Costituente di Popolo che sia alternativa reale ed organica agli schemi partitici ed agli artifici ideologici. Momenti di lotta diretta a colpire le oligarchie di potere per le quali il " rito del voto" costituisce la legittimazione per continuare ad esercitare le loro angherie ai danni del Popolo.

AVEZZANO: ASL RISCHIA IL COLLASSO, PREVISTO LICENZIAMENTO 326 PERSONE TRA MEDICI E INFERMIERI

Pubblicato su 11 Marzo 2015 da FRONTE DI LIBERAZIONE DAI BANCHIERI - CM in POLITICA

Previsto il licenziamento di 326 precari e la Asl rischia il collasso già ad aprile. A lanciare l’allarme, chiedendo un incontro urgente alla giunta, è il segretario regionale della Uil funzione pubblica, Pino de Angelis, alla luce di un decreto commissariale per la Asl di Avezzano, Sulmona L’Aquila. A rischio sarebbero i servizi essenziali e la situazione potrebbe essere difficile già dal prossimo mese a causa di quanto dispoto dal programma operativo 2013-1015 che vede particolarmente penalizzata la Asl numero uno e soprattutto la Marsica. A rischio l’occupazione, i Livelli essenziali di assistenza (Lea) e i servizi ai cittadini. Secondo il sindacato, le Asl in Abruzzo devono ridurre il personale precario del 50 per cento rispetto a quella sostenuta nel 2009, con la facoltà dell’Azienda sanitaria di determinare quando e come farlo. Si tratta di un problema che interessa 1.200 lavorato che quando i fondi finiranno si ritroveranno senza soldi. ospedale avezzano 2 Per la Asl di Avezzano Sulmona L’Aquila, però, il problema è più serio perché si fa purtroppo riferimento alla spesa messa in atto nel periodo post terremoto, appunto il 2009, quando la Asl era ferma. Nel 2014 sono stati spesi 12 milioni, e si deve arrivare a 4.1 visto che nel 2009 erano stanziati 8.2 milioni di euro. I 326 precari necessari richiedono dunque un investimento di 12 milioni e quindi si rischia di avere un stop già ad aprile, quando il budget disponibile per legge sarà esaurito. Nella Asl dell’Aquila rischiano 136 operatori socio sanitari, 93 infermieri, 46 medici, 27 tecnici di laboratorio, 18 tecnici di radiologia, 12 ostetriche e altre figure. La Uil, in riferimento a questo decreto, firmato il 5 febbraio scorso, e che porterà di conseguenza a una perdita stimata di circa 1.200 posti di lavoro, ha chiesto un incontro all’assessore alla Silvio Paolucci. “Vogliamo trovare una soluzione per evitare i tagli del personale precario”, ha chiarito De Angelis, “magari attuando forme più idonee di stabilizzazione, soprattutto per evitare problemi organizzativi relativi all’assistenza, con disservizi che si ripercuoterebbero sui pazienti”. Secondo il sindacato, infatti, già nella situazione attuale si evince una carenza di organico dovuta principalmente al blocco delle assunzioni, con il taglio dei precari l’assetto di ospedali e strutture sanitarie peggiorerebbe ulteriormente.

 
Tratto da:http://www.crisitaly.org
AVEZZANO: ASL RISCHIA IL COLLASSO, PREVISTO LICENZIAMENTO 326 PERSONE TRA MEDICI E INFERMIERI
Commenta il post