Overblog
Segui questo blog
Edit post Administration Create my blog
Blog della COMUNITA' IPHARRA

Non più destra, non più sinistra, non più etichette, non più finzioni nominalistiche ma attività mirate a creare le premesse culturali e politiche per una Costituente di Popolo che sia alternativa reale ed organica agli schemi partitici ed agli artifici ideologici. Momenti di lotta diretta a colpire le oligarchie di potere per le quali il " rito del voto" costituisce la legittimazione per continuare ad esercitare le loro angherie ai danni del Popolo.

IL TAR inchioda Equitalia

Pubblicato su 6 Febbraio 2015 da FRONTE DI LIBERAZIONE DAI BANCHIERI - CM in RIEQUILIBRIO FISCALE

Equitalia nega l’accesso agli atti al contribuente. Condannata dal TAR all’esibizione dei documenti richiesti e alle spese di giudizio

LECCE – gennaio 29, 2015 - Con una recentissima sentenza, la n. 357, depositata lo scorso 28 gennaio, la Seconda Sezione del Tar Lecce (Pres. Trizzino e Rel. Rinaldi) ha ordinato a Equitalia Sud Spa di esibire al contribuente, entro trenta giorni, i documenti dallo stesso richiesti.

La vicenda traeva origine dalla richiesta di accesso agli atti formulata dal contribuente, ignaro delle ragioni poste a base di una ingente pretesa economica pari ad € 1.000.000,00, richiesta con avvisi di pagamento notificati dall’ente della riscossione per conto dell’Amministrazione finanziaria.

Il contribuente ricevuto il diniego si vedeva quindi costretto a rivolgersi, per il tramite degli Avv.ti Alberto Pepe e Alfredo Matranga, al TAR di Lecce per conoscere le ragioni della propria presunta posizione debitoria nei confronti di Equitalia.

In particolare, Equitalia aveva posto a base del proprio diniego, da un lato, pretese esigenze afferenti la tutela della riservatezza di terzi e, dall’altro, il presunto mancato invio da parte dello stesso contribuente della “delega” e del “documento di identità” del delegante e del delegato all’accesso.

Con la citata pronuncia il TAR leccese, qualificato giuridicamente tutelabile l’interesse del contribuente ad accedere alla richiesta documentazione (in quanto destinatario degli avvisi di pagamento), ha ritenuto non idonea a giustificare il diniego di accesso la motivazione opposta dall’Agente per la riscossione (mancata integrazione documentale), condannando Equitalia a consentire l’accesso al contribuente nei successivi trenta giorni dalla pubblicazione della sentenza e condannando lo stesso Agente per la riscossione al pagamento delle spese di lite.

Fonte: http://lecce.corrieresalentino.it/2015/01/equitalia-nega-laccesso-agli-atti-al-contribuente-condannata-dal-tar-allesibizione-dei-documenti-richiesti-e-alle-spese-di-giudizio/#.VM5dVVWG9xv

Nota di TuDiVi: Questa "pesante" sentenza del TAR rappresenta un segnale molto forte sotto il profilo della giurisprudenza a favore del contribuente, ed è una inequivocabile, lampante conferma della bontà degli atti che in questi ultimi mesi l'Associazione Tutela Diritti Violati ha compiuto ai fini della tutela dei contribuenti associati, tanto che chi ora si iscrivesse godrebbe immediatamente dei vantaggi procedurali di quanto sinora acquisito nei rapporti con l'ente esattore.

IL TAR inchioda Equitalia
Commenta il post