Overblog
Segui questo blog
Edit post Administration Create my blog
Blog della COMUNITA' IPHARRA

Non più destra, non più sinistra, non più etichette, non più finzioni nominalistiche ma attività mirate a creare le premesse culturali e politiche per una Costituente di Popolo che sia alternativa reale ed organica agli schemi partitici ed agli artifici ideologici. Momenti di lotta diretta a colpire le oligarchie di potere per le quali il " rito del voto" costituisce la legittimazione per continuare ad esercitare le loro angherie ai danni del Popolo.

FINANTROPIA

Pubblicato su 2 Gennaio 2015 da FRONTE DI LIBERAZIONE DAI BANCHIERI - CM in ECONOMIA

DI TONGUESSEY 

comedonchisciotte.org

Geldof, Bono Vox, Soros e compagnia filantropica cantante hanno scoperto cosa significa “investire 1 euro e ottenerne 2,74 euro in un anno”.[1] Quale investimento vi garantisce oggi un rendimento del 174%? Conseguentemente hanno investito un bel po' di soldi in quelle operazioni di "tanto cuore, poco cervello". O forse sono operazioni di "tutto cervello e niente cuore"? Non so, fate voi.


 

Non credo che la truffa di One (Bono) o di Band Aid sia molto diversa dalla truffa dell'Open Society (Soros). Fatto sta che venendo meno lo Stato di diritto, sostituito dallo Stato di dovere (ve ne eravate accorti?), al cittadino viene imposto l'obbligo morale di fare ciò che fino a prima lo Stato faceva, ovvero normare la perequazione e finanziare il diritto. L'imperativo morale che ci sovrasta è fornire montagne di soldi a carrozzoni che dovrebbero (notate il condizionale) aiutare le persone o i popoli in difficoltà, dando così la possibilità agli squali della finanza di lucrare quel 174% sulla nostra buona fede e sui nostri sensi di colpa. Eppure paghiamo già abbondanti tasse e balzelli, il nostro dovere lo facciamo ogni giorno. Forse avete già intuito che tutti quei soldi vanno a finire nel salvataggio delle banche, o giù di lì. La novità consiste nel donare alla filantropia per permettere guadagni scandalosi alla finanza. Da Tares, Tari, Tasi a Telethon o Band Aid, cosa cambia quindi? L'idea, selvaggia e perversa al tempo stesso, è che noi cittadini dobbiamo salvare il mondo: Stati, banksters e filantropi compresi. Siamo perseguitati dalla tv del dolore che non perde occasione per farci vedere un'umanità sofferente che necessita del nostro aiuto. Sono tempi bui, e, come diceva un utile idiota, "non chiederti cosa lo Stato può fare per te, chiediti cosa TU puoi fare per lo Stato". Era il New Deal, o giù di lì, il massimo dell'espansione dello Stato. Figuriamoci oggi, che lo Stato è in totale recessione: cosa dovremmo fare per soddisfare gli insaziabili appetiti di ONG, ONLUS e associazioni umanitarie varie?

Ma poi di chi sarebbe la colpa di tutta questa oscena morale? Sono le “regole che hanno permesso agli speculatori di fare quel che hanno fatto” (e che continueranno a fare) dice il buon Soros, aggiungendo che “non è colpa degli speculatori”.[2] E ci mancherebbe! Che colpa ne hanno se lo Stato “consiglia” di donare soldi alla speculazione filantropica? Eppoi non facciamone una questione personale: nessun miliardario che si rispetti evita la filantropia, neanche Gates secondo cui investire in Africa contro malattie e povertà è del tutto simile all’innovazione tecnologica. E porta ai medesimi risultati. L’uomo più ricco del pianeta (66 miliardi di dollari) è convinto che non solo sia giusto interessarsi dei bisogni non recepiti dai mercati, ma anche economicamente interessante. [3]

Ecco la nuova frontiera della finantropia (acronimo tra finanza e filantropia): unisci le tecniche del venture capital agli obiettivi del non profit e avrai venture philanthropy. La nuova filantropia mette da parte il paternalismo e tenta la sfida degli investimenti finanziari. [4]

E' tutto un proliferare di attività finantropiche, ve ne siete accorti? Il mondo ha bisogno della nostra collaborazione, perchè il mondo sta finalmente cambiando. In questo nuovo quadro che si va delineando il ruolo storico dell’intermediazione e della consulenza finanziaria deve essere ridisegnato. Lo scopo non può essere soltanto quello di massimizzare il rapporto rendimento/rischio del cliente, è invece imperativo un allargamento del processo di investimento che, dal binomio rischio-rendimento, deve estendersi al trinomio sostenibilità-rischio-rendimento.[5]

Sappiate che le prestazioni dotate di buon senso e che creano valori sostenibili conferiscono energia al denaro, così che questo genera altro denaro e benessere per tutti allo stesso modo: per i filantropi e per chi riceve il capitale investito o i doni, per le organizzazioni, i collaboratori in seno al progetto e per il fundraiser.[6]

Lo Stato di dovere ci impone l'obbligo di aiutare i paesi poveri, ed al microcredito è andato addirittura un Nobel. Sapete perchè? Ma perchè dalla filantropia al business il passo è breve, ammesso che esista: il credito a breve – erogato ai piccolissimi imprenditori dei Paesi in via di sviluppo – è remunerativo e sicuro. Capito?
Come sono stati raccolti questi capitali? Per esempio da fondi pensione svizzeri interessati a diversificare il loro portafoglio cercando investimenti che da una parte offrono un rendimento superiore a quelli di mercato, dall’altra rispondono a requisiti di responsabilità sociale.

«Possiamo dire che la trasformazione della microfinanza in asset class investibile è nata in Svizzera, soprattutto a Ginevra».[7]

Non vi piacciono i neutrali banchieri svizzeri? Tranquilli che Unicredit ha ciò che fa per voi: “il mio dono” ovvero la rete della solidarietà di Unicredit.[8] Date un'occhiata, ci sono ben 105 pagine di organizzazioni non-profit da scegliere perchè è “giusto interessarsi dei bisogni non recepiti dai mercati” come dice Gates. Cioè il Mercato va allargato a ciò che non è tecnicamente Mercato, come la solidarietà. Insomma la finantropia.

Li avete già dati i due osceni euro? Avete già fatto quel fetente SMS per collaborare con quell'importantissimo progetto che salverà migliaia di vite? State dando una mano a Soros e fratelli in affari per diffondere finalmente benessere, democrazia, salute e non ultima della sana felicità nel mondo?
NO?
FATE SCHIFO!

PS: adesso vi regalo anche un passatempo per le Festività: provate a distinguere il mio sarcasmo da ciò che gli avvoltoi finantropici spacciano per verità. Se avete dubbi seguite i link, poi fatemi sapere.

Buon Natale, e siate sempre più buoni, mi raccomando. Che loro ci tengono.

 

Tonguessey

Fonte: www.comedonchisciotte.org

24.12.2014

 

NOTE

 

[1] http://www.panorama.it/economia/quando-attivita-filantropica-genera-profitti/

[2] http://www.ilgiornale.it/news/cultura/soros-squalo-travestito-filantropo-916376.html

[3] http://www.webnews.it/2012/09/21/la-filantropia-secondo-bill-gates/

[4] http://www.humanfoundation.it/ita/notizie/dall-italia/230-la-filantropia-guarda-alla-finanza.html

[5] http://www.prometeiaadvisor.it/it-it/informazione/newsletter-anteo/archivio-download/2008/n-43-giugno-2008/contributi/contributi-10.aspx?idC=63731&LN=it-IT

[6] http://greenrhythm.org/prestazioni-it-it/fundraising-e-filantropia/

[7] http://www.ticinomanagement.ch/2014/09/18/investire-in-microcredito/

[8] https://www.ilmiodono.it/it/dona/organizzazioni/?action=search

Tratto da:http://www.comedonchisciotte.org

FINANTROPIA
Commenta il post

annapaola 01/08/2015 18:49

per cortesia, posso avere delle "pezze d'appoggio" a supporto di queste informazioni? Traduco: dove posso informarmi in maniera approfondita? Grazie.....temo sia molto più semplice non credere a queste denunce, mi risulta evidente anche dall'interessamento riscontrato alla lettura dell'articolo.... Io preferisco saperne, comunque, di più, può risultare osceno ma ho imparato per esperienza diretta che non è più il caso di escludere nulla

FRONTE DI LIBERAZIONE DAI BANCHIERI - CM 01/08/2015 19:26

In calce all'articolo sono riportati diversi link