Overblog
Segui questo blog
Edit post Administration Create my blog
Blog della COMUNITA' IPHARRA

Non più destra, non più sinistra, non più etichette, non più finzioni nominalistiche ma attività mirate a creare le premesse culturali e politiche per una Costituente di Popolo che sia alternativa reale ed organica agli schemi partitici ed agli artifici ideologici. Momenti di lotta diretta a colpire le oligarchie di potere per le quali il " rito del voto" costituisce la legittimazione per continuare ad esercitare le loro angherie ai danni del Popolo.

ORDINANZA EPOCALE SULL'USURA

Pubblicato su 24 Dicembre 2014 da cm in RIEQUILIBRIO FISCALE

È con trepidazione, e con un pensiero particolare all'ondata di conseguenze che certamente ne nasceranno e già stanno nascendo, che pubblichiamo una notizia in grado di  provocare un terremoto giurisprudenziale.

Grazie all'azione di un team di professionisti promossa dall'associazione DECIBA, Il Tribunale di Reggio Emilia ha emesso una ordinanza in materia di usura bancaria che rappresenta un elemento di novità così dirompente che, come Associazione non possiamo che divulgare dapprima, poi sposare come acquisizione di conoscenza per il bene comune, in quello spirito di collaborazione che deve instaurarsi tra utenti singoli e realtà associative che si occupano dei diritti, ai fini di fronteggiare coerentemente chi fino a questo momento ha compiuto abusi nei nostri confronti.

UNO SPARTIACQUE GIURIDICO CHE CAMBIERA' IL CORSO DELL'ECONOMIA

Il Tasso della Soglia di Usura viene fissato solo per legge ed è unico sia per il tasso corrispettivo che per il tasso di mora.

sentenzafoglio

Ecco la storica ordinanza, clicca per visionare il pdf

TRIBUNALE DI REGGIO EMILIA

ORDINANZA | 7 Agosto 2014

Il Tasso Soglia di Usura è fissato solo per legge ed è unico sia per il tasso corrispettivo, sia per il tasso di mora.

Nessuna maggiorazione del tasso soglia è consentita per il confronto con il tasso di mora.

Smentita la Banca d’Italia e la sua circolare del 3/7/13 Il provvedimento: con un’ordinanza che non consta ancora di precedenti, il Tribunale di Reggio Emilia ha sospeso l’asta della casa di abitazione di due coniugi, promossa dalla Banca che aveva erogato il mutuo.

Da un lato, confermando l’indirizzo della Cassazione (sent. 350/13) ed applicando la legge (Legge 108/96 e 24/01), statuisce che anche il tasso di mora soggiace al limite del Tasso Soglia di Usura fissato trimestralmente dalle tabelle ministeriali emanate dalla Banca d’Italia in esecuzione della legge 108/96 e dall’altro lato che il Tasso Soglia di Usura può essere fissato solo per legge e non anche da altri organismi, nella specie la Banca d’Italia.

Il Tribunale di Reggio Emilia ha pertanto escluso (è la prima pronuncia che si annovera sul problema specifico) che sia ammissibile un Tasso Soglia di Usura per il Tasso di Mora, diverso da quello previsto per la categoria di credito nella Tabella Ministeriale. 

IL CASO

Due coniugi avevano stipulato un mutuo per l’acquisto della casa di abitazione nel marzo del 2006. Ad un certo punto non erano più riusciti a pagare le rate del mutuo e la Banca aveva notificato il precetto e il pignoramento. Dopo tre aste andate deserte, i due coniugi si sono rivolti all’associazione antiusura Deciba (Dipartimento di Controllo degli Illeciti Bancari) i cui periti rilevavano immediatamente che il tasso di mora pattuito in contratto al momento del rogito era superiore al tasso soglia di usura.

Ricontabilizzati i pagamenti effettuati sul solo capitale, data la gratuità del mutuo, si scopriva che, non solo la Banca non aveva diritto di mandare all’asta la casa, ma anche che, i due coniugi avevano già pagato le rate fino al 2017. Si ricorreva, pertanto, al Giudice dell’esecuzione il quale affidava ad un ausiliario CTU la verifica del superamento della soglia di usura. L’esito della verifica, tuttavia, era inaspettatamente negativo per i due coniugi poiché il professionista incaricato dal Tribunale, nel proprio elaborato, applicava i principi emanati dalla Banca d’Italia in data 3/7/13 con una circolare nella quale l’Organo di Vigilanza forniva un metodo di calcolo diverso, rispetto alla regola, per la verifica del superamento della soglia con riferimento al tasso di mora.

Secondo la Banca d’Italia, infatti, poiché il tasso di mora non entra nelle rilevazioni statistiche trimestrali sulle quali vengono fissati, per decreto, trimestralmente, i tassi medi per le varie categorie di credito che fungono da base di calcolo per i rispettivi Tassi Soglia di Usura, allora sarebbe scorretto confrontare il tasso di mora con il tasso soglia a cui appartiene la categoria di credito, in quanto si tratterebbe di confrontare tra loro dati disomogenei. La Banca d’Italia, nella propria circolare, aggiunge anche che, poiché dal Decreto Ministeriale del 25/3/03 sono iniziate le rilevazioni statistiche delle maggiorazioni di mora, che è sempre stata mediamente di 2,1 punti percentuali in più del tasso corrispettivo, per determinare il Tasso Soglia di Usura per la Mora sarebbe necessario aggiungere la maggiorazione del 2,1 al correlativo tasso corrispettivo e poi moltiplicare tale somma per 1,50 (fino al 2° trim. 2011), così ottenendo un Tasso Soglia diverso e molto maggiore rispetto a quello ricavabile dal calcolo previsto per legge (tegm + 50% fino al 2° trim. 2011).

Grazie alle conclusioni di questo consulente tecnico d’ufficio il quale, anziché applicare la legge, ha applicato le indicazioni della Banca d’Italia, il Giudice dell’esecuzione aveva rigettato l’istanza di sospensione. La difesa dei due coniugi tuttavia non si è data per vinta ed ha proposto immediatamente reclamo, affermando che la Banca d’Italia non aveva alcuna delega legislativa per poter emanare un nuovo tasso soglia rispetto a quello indicato per legge e che la legge distingue solo tra categorie di credito, non tra tipi di interesse all’interno della medesima categoria e che il metodo di calcolo per la determinazione del Tasso Soglia di Usura è uno e unico.

 bankitalia

I tre giudici riuniti in collegio hanno accolto totalmente il reclamo, sospendendo l’asta, affermando che: “tale tesi (quella della maggiorazione del tasso soglia per la mora di 2,1 punti), sostenuta dal ceto bancario, appare oggettivamente di difficile compatibilità con la norma legislativa, la quale ha individuato un unico criterio di determinazione del tasso soglia, come riconosciuto dalla sentenza della Suprema Corte 9 gennaio 2013 n. 350….”. Il provvedimento in commento toglie di mezzo qualunque dubbio ingenerato dalla Banca d’Italia con la nota circolare del 3/7/13, a più livelli in dottrina, con conseguente spreco di fiumi di articoli e commenti oltre che migliaia di ore di conferenze in tutto il Paese.

Esiste una sola ed unica fonte alla quale attingere per sapere quale sia la soglia di usura: LA LEGGE. Tutto il resto è fantasia.

Presidente Deciba Gaetano Vilnò - Avv. Rosa Chiericati

Questo il video dove si spiega perfettamente come visionare il proprio Mutuo ( vedi video allegato-ndr )

Qui una esclusiva intervista dell’avvocato Rosa Chiericati che spiega l’ordinanza di Padova in cui si sospende il Mutuo per usura bancaria ( vedi video allegato-ndr )

NOTA DELL'ASSOCIAZIONE D.E.C.I.B.A.

Il gruppo D.E.C.I.B.A continua con i suoi grandi successi, l’associazione D.E.C.IB.A in collaborazione con l’Avv.Rosa Chiericati e la società MANAGEMENTITALIA SRL provocano sentenze uniche in Italia. Dopo il grande successo del tribunale di Padova dove il Giudice Santinello ha sospeso l’asta per Mutuo in Usura arriva un’altra eclatante ordinanza dal tribunale di Reggio Emilia. In esclusiva il nostro sito pubblica l’ordinanza di Reggio Emilia, televisioni, giornali, radio non si permettono di diffondere la notizia, l’unica nostra salvezza è la diffusione web, aiutaci, condividi nel tuo profilo e qualsiasi mezzo tu abbia, l’unione fa la forza.

Fonte: http://www.movimentorevolution.it/?p=2238


NOTA DI TU.DI.VI. Associazione Tutela Diritti Violati

Naturalmente, per un evento di una tale fondamentale importanza, sia attraverso il sito ufficiale dell'Associazione TuDiVi che quello di off-mainstream news ICONICON POST aderiamo con piacere all'invito a divulgare contenuto nella nota dell'Associazione D.E.C.I.B.A., anzi, facciamo nostra l'esortazione ad unirsi in coordinamento per un fronte comune tra canali di notizie alternativi e associazioni per i diritti, non solo perché una notizia dalle conseguenze così decisive per la gente venga al più presto risaputa, ma venga impiegata come riferimento giurisprudenziale per l'immensa mole di casi che ne può essere interessata, dal momento che stime molto prudenti parlano di almeno un terzo dei mutui in essere sul territorio nazionale che risultano, dopo questa ordinanza, FUORI LEGGE e quindi tali da comportare azioni legali di vario genere da parte dei mutuatari, non ultime anche COSTITUZIONI IN DANNO.

lapide-usura900

Tratto da: http://www.tudivi.it/blog/33-ordinanza-epocale-sull-usura

ORDINANZA EPOCALE SULL'USURA
Commenta il post