Overblog
Segui questo blog
Edit post Administration Create my blog
Blog della COMUNITA' IPHARRA

Non più destra, non più sinistra, non più etichette, non più finzioni nominalistiche ma attività mirate a creare le premesse culturali e politiche per una Costituente di Popolo che sia alternativa reale ed organica agli schemi partitici ed agli artifici ideologici. Momenti di lotta diretta a colpire le oligarchie di potere per le quali il " rito del voto" costituisce la legittimazione per continuare ad esercitare le loro angherie ai danni del Popolo.

OCCUPATI CONSIGLI E SEDI PROVINCIALI IN TUTTA ITALIA: A RISCHIO 19339 DIPENDENTI A TEMPO INDETERMINATO

Pubblicato su 20 Dicembre 2014 da cm in POLITICA

Proteste contro esuberi e tagli del 44% del personale a tempo indeterminato nella Pubblica amministrazione. Mobilitazione partita dalla Toscana si è diffusa in tutto il paese.
La mobilitazione indetta da CISL e CGIL partita da Firenze si è diffusa in tutta Italia.

I dipendenti delle provincie hanno gia occupato Pistoia, Massa, Lucca, Siena, Pisa, Livorno e Roma, mentre a Reggio Emilia è stata costituita una “unità di crisi” chiestaa dal presidente della Provincia Giammaria Manghi. Numerosi sit-in sono in preparazione in tutta la Sicilia.
I dipendenti pubblici protestano contro la legge di stabilità, un emendamento contenuto in essa applicherà alla lettera la riforma Delrio e taglierà i provinciali già da Gennaio 2015.
Questa riforma porterà al taglio del 44% dei dipendenti provinciali, si perderanno 19339 posti di lavoro a tempo indeterminato e 2000 posti precari.
Tagli che per i sindacati “mettono a rischio il funzionamento dei servizi di area vasta, dalla sicurezza scolastica alla tutela ambientale, passando per la viabilità e le politiche attive sul lavoro”. Insomma, avvertono, “la mobilitazione che è cresciuta in queste settimane oggi raggiungerà il suo apice in tutto il Paese, dopo le prime occupazioni di ieri”. E assicurano: “Senza un dialogo vero la mobilitazione continua”. Le sigle del pubblico impiego spiegano di volere “un riordino vero”, ma, aggiungono, “il Governo abbandoni certi toni”

 

R.G.

Tratto da:http://dannicollaterali.altervista.org

OCCUPATI CONSIGLI E SEDI PROVINCIALI IN TUTTA ITALIA: A RISCHIO 19339 DIPENDENTI A TEMPO INDETERMINATO
Commenta il post

annapaola 12/26/2014 09:22

ho bisogno mi venga detto che questo è un incubo o che sia solo uno scherzo di cattivo gusto

elegantissimo 12/20/2014 12:21

E nonostante i tagli effettuati da applicarsi da gennaio 2015 da lacrime e sangue, La Commisione 'UE( di stì coglioni) ha comunicato nel documento C 2014/8806 di novembre scorso, che l'Italia non rispetta e rispetterà i parametri del PSC ovvero entro il 1 marzo 2015, così come previsto dal reg. 4373/2013 c.d. two-pack ci penserà la TROIKA (FMI,BCE e CommissioneUE) a sanare i bilanci statali con ulteriori prelievi e tagli sopratutto sul versante pensioni, istruzione e sanità. LeggeteVi il documento C 2014/8806 e poi ne riparliamo, questi dal 2007 anno di sottoscrizione del Trattato di Lisbona ci hanno dichiarato guerra, invadendoci con i debiti. AKTM (a kitt e muert).