Overblog
Segui questo blog
Edit post Administration Create my blog
Blog della COMUNITA' IPHARRA

Non più destra, non più sinistra, non più etichette, non più finzioni nominalistiche ma attività mirate a creare le premesse culturali e politiche per una Costituente di Popolo che sia alternativa reale ed organica agli schemi partitici ed agli artifici ideologici. Momenti di lotta diretta a colpire le oligarchie di potere per le quali il " rito del voto" costituisce la legittimazione per continuare ad esercitare le loro angherie ai danni del Popolo.

Duemila zappe senza manico fuori Equitalia, sit-in di protesta di allevatori e contadini

Pubblicato su 10 Dicembre 2014 da frontediliberazionedaibanchieri in RIEQUILIBRIO FISCALE

L’Aquila. Sit-in di protesta stamani fuori la sede dell’Aquila di Equitalia. La manifestazion e’ stata organizata dal Cospa Abruzzo, associazione a tutela di allevatori contadini e agricoltori della regione, rappresentata da Dino Rossi, piccolo imprenditore di Ofena (L’Aquila). In via Strinella e’ arrivato un carellone trainato da un trattore con 2.000 zappe senza i manici. Solo una zappa e’ munita di manico, regalo per la direttrice di Equitalia con tanto fiocco natalizio. E per rimanere in tema Rossi – che con Equitalia ha delle pendenze per le quali non si riuscirebbero ancora a definire gli interessi vari riportati in cartelle tanto che si e’ ormai giunti alle vie legali – ha scritto una lettera di Natale alla stessa responsabile aquilana della societa’ di riscossione tributi. “Cara direttrice – scrive Rossi – questo e’ il mio regalo di Natale per conto di tutti gli agricoltori abruzzesi; la Zappa, uno degi strumenti piu’ antichi che ancora oggi si usa per le piccole rifinizioni, la’ dove il trattore non arriva. Questo strumento, a prima vista sembra una cosa inutile, ma per l’agricoltura e’ ed e’ stato essenziale. La zappa, per migliaia da anni ha acconsentito di sfamare intere famiglie, nel contempo ha dato l’opportunita’ ai contadini di produrre ricchezza, muovendo il volano dell’economia italiana. La zappa, per migliaia di anni ha mantenuto il territorio pulito riducendo il problema di disastro ambientale, come sta avvenendo in altri luoghi fuori regione. La zappa, oggi e’ stata messa da parte, persone come lei che sono ai quadri di comando ne ignorano addirittura l’esistenza: ecco la fine che abbiamo fatto! Tutti l’hanno abbandonata osserva Dino Rossi – tutti hanno voluto il posto statale o il posto fisso , guai se farsi dire dalla gente che sei un contadino, uno zappaterra! Da qui, l’abbandono della zappa”. (AGI) (AGI) – L’Aquila, 3 dic. – “Anche noi contadini – prosegue Rossi – siamo stati costretti ad abbandonarla, per passare da contadini a imprenditori agricoli e abbiamo acquistato il trattore. Quei contadini, anzi imprenditori agricoli rimasti, sfortunati di non essere raccomandati, di non aver avuto quel famoso calcio in culo. Siamo rimasti in pochi a produrre ricchezza.Per un periodo – ricorda nella lettera il rappresentante del Cospa Abruzzo – siamo stati bene, nessuno ci ha molestato, forse chi governava nel primo periodo sentiva ancora l’effetto zappa, dovuto anche al fatto che le casse dello Stato erano ancora piene perche’ si erano utilizzate le zappe. A mano a mano, i nuovi politicanti si sono abituati ad una vita agiata e per non ritornare alla zappa, per assicurarsi il proprio posto si sono inventati leggi e leggine allo scopo di creare posti di lavoro, anzi serbatoi di voti sicuri per il proprio posto in politica. Anche Equitalia – accusa Rossi – e’ uno di questi. Uffici di lusso sparpagliati su tutto il territorio nazionale, con l’aggravante che lo Stato non ha piu’ i soldi, in quanto non ci sono piu’ le zappe. Allora, ha pensato bene di prendere due piccioni con una fava: da una parte si e’ garantito il pacchetto dei voti, dall’altra il rientro forzoso delle tasse. Cosa fare? Si e’ pensato di darvi l’opportunita’ di farvi pagare dai contribuenti con interessi pesanti. Cara direttrice – si legge ancora nella lettera – visto il suo filo diretto verso lo Stato e la politica malata di oggi, le regaliamo questa zappa, perche’ noi non riusciamo a ricavare dalla terra ulteriore reddito sufficiente al sostentamento delle nostre famiglie e al mantenimento dei serbatoi di voti della politica impicciona italiana”. Poi l’affondo finale: “E’ ora che tornate gradualmente alla zappa altrimenti un ritorno brusco sara’ sicuramente traumatico. Con affetto dal tuo contadino buon natale e speriamo ad un felice 2015 pieno di zappe!”.

Tratto da: http://www.abruzzolive.it/?p=13471

Duemila zappe senza manico fuori Equitalia, sit-in di protesta di allevatori e contadini
Commenta il post

Luigi Maria Ventola 12/10/2014 16:06

Questo signor Dino Rossi mi sta simpatico moltissimo.......