Overblog
Segui questo blog
Edit post Administration Create my blog
Blog della COMUNITA' IPHARRA

Non più destra, non più sinistra, non più etichette, non più finzioni nominalistiche ma attività mirate a creare le premesse culturali e politiche per una Costituente di Popolo che sia alternativa reale ed organica agli schemi partitici ed agli artifici ideologici. Momenti di lotta diretta a colpire le oligarchie di potere per le quali il " rito del voto" costituisce la legittimazione per continuare ad esercitare le loro angherie ai danni del Popolo.

BOOM DI FALLIMENTI DI AZIENDE IN ITALIA: +14,1% (11.000 IMPRESE CHIUSE E FALLITE) E STRAGE DI PMI (IL 20% E' DEFUNTO)

Pubblicato su 8 Dicembre 2014 da frontediliberazionedaibanchieri in ECONOMIA

Non si arresta l'ascesa dei fallimenti. Tra luglio e' settembre di quest'anno, fa sapere il Cerved, l'incremento e' stato pari al 14,1% rispetto allo stesso periodo del 2013. Sommando le 3mila imprese del terzo trimestre a quelle fallite dall'inizio dell'anno, si arriva a superare quota 11mila. "Si tratta di un aumento del 12% rispetto ai primi nove mesi del 2013 - commenta Gianandrea De Bernardis, amministratore delegato di Cerved - e di un nuovo record negativo: per la prima volta dall'inizio della serie storica viene superata gia' a settembre quota 10mila. Senza un'inversione di tendenza del quadro macroeconomico e' un processo destinato a proseguire anche nei prossimi trimestri".

Sono soprattutto le societa' di capitale a fallire, con 8.300 procedure aperte tra gennaio a settembre, e le realta' operanti nel settore dei servizi che, con 5.700 procedure registrano un incremento del 16,2% rispetto allo stesso periodo dell'anno passato.

Il fenomeno aumenta in tutta la Penisola con tassi a due cifre, compresi tra il 13% e 14%, ad eccezione del Nord Est unica area in cui nei primi nove mesi tale aumento e' piu' contenuto: +4,4% rispetto allo stesso periodo del 2013.

L'analisi di Cerved stima che tra luglio e settembre 2014 siano 14.500 gli imprenditori italiani che hanno deciso - invece - di avviare la messa in liquidazione della propria azienda, in diminuzione dello 0,2% rispetto allo stesso periodo del 2013. E' il quarto trimestre consecutivo in cui si osserva un calo, portando cosi' il totale delle liquidazioni tra gennaio e settembre 2014 a quota 45.500. Probabilmente, la contemporanea crescita esponenziale dei fallimenti dimostra che sono sempre meno gli imprenditori in grado di mettere in liquidazione l'azienda invece di fallire.

Un'analisi dettagliata sulle piccole e medie imprese, societa' con un numero di addetti compresi tra 10 e 250 e un giro d'affari compreso tra 2 e 50 milioni di euro, evidenzia che il 9% di quelle attive nel 2007 sono fallite tra l'inizio del 2008 e la prima meta' del 2014.

Se si considerano anche le altre procedure concorsuali e le liquidazioni volontarie, emerge che sono 31mila le piccole e medie imprese - piu' di un quinto di quelle attive nel 2007 - interessate da almeno una di queste procedure.

Il fenomeno e' stato particolarmente duro in Campania, nelle Marche e in Puglia, regioni in cui un quarto di quelle attive nel 2007 sono fallite, hanno aperto procedure concorsuali o sono state chiuse volontariamente dall'imprenditore.

Ma il quadro complessivo della situazione è davvero desolante: mostra l'immagine di un Paese prossimo alla rovina.

Redazione Milano.

Tratto da: http://www.ilnord.it/

BOOM DI FALLIMENTI DI AZIENDE IN ITALIA: +14,1% (11.000 IMPRESE CHIUSE E FALLITE) E STRAGE DI PMI (IL 20% E' DEFUNTO)
Commenta il post