Overblog
Segui questo blog
Edit post Administration Create my blog
Blog della COMUNITA' IPHARRA

Non più destra, non più sinistra, non più etichette, non più finzioni nominalistiche ma attività mirate a creare le premesse culturali e politiche per una Costituente di Popolo che sia alternativa reale ed organica agli schemi partitici ed agli artifici ideologici. Momenti di lotta diretta a colpire le oligarchie di potere per le quali il " rito del voto" costituisce la legittimazione per continuare ad esercitare le loro angherie ai danni del Popolo.

La Mogherini non conta niente esclusa dal vertice sul nucleare

Pubblicato su 21 Novembre 2014 da frontediliberazionedaibanchieri in POLITICA

Ma non erano quelli che dovevano battere i pugni sul tavolo in Europa ?

Claudio Marconi

 

Non è stata ritenuta adeguata per gestire il summit di Vienna. Dagli Usa alla Cina la richiesta di di dialogare con il suo predecessore

 
 

Eh sì perché invece di occupare un posto prestigioso la povera Mogherini si ritrova incastrata su una poltrona per due, una poltrona da condividere con l'ingombrante e persistente presenza di un predecessore chiamato Lady Ashton. Per capire il trucco basta osservare quanto sta succedendo a Vienna. Nella capitale austriaca è in corso l'ultima fase del cruciale negoziato nucleare tra l'Iran e il cosiddetto «5 più 1», le cinque grandi potenze rappresentate nel Consiglio di Sicurezza delle Nazioni Unite (Usa, Russia, Cina, Inghilterra e Francia) con l'aggiunta della Germania. Un negoziato durante il quale - in base alle regole istituzionali sancite dal Consiglio di Sicurezza dell'Onu - l'Alto rappresentante per gli Affari esteri della Ue ha il compito, non indifferente, di trattare a nome dei «5 + 1».

Federica Mogherini a Vienna però non è mai arrivata. All'ex ministro italiano, titolare dal primo novembre della carica di rappresentante dell'Unione Europea, non viene riconosciuto il diritto - o la capacità - di gestire una questione tanto delicata ed importante. Al suo posto imperversa ancora, nonostante un mandato scaduto da tre settimane, l'inossidabile Lady Ashton. Martedì è stata lei ad accogliere a Vienna il ministro degli esteri iraniano Javad Zarif per discutere fasi e snodi del negoziato. E sarà lei - e soltanto lei - a presentare a Zarif le proposte dei 5+1 fino alla conclusione dei colloqui fissata, in teoria, per lunedì. L'importanza del ruolo lasciato in gestione alla Ashton è difficilmente trascurabile. Una positiva conclusione del negoziato potrebbe innescare un riavvicinamento tra Washington e Teheran, imprimere una svolta nella guerra allo Stato Islamico e aprire le porte, ad una soluzione politica del conflitto siriano mediata dall'Iran. La trattativa di Vienna potrebbe insomma cambiare il corso degli eventi mediorientali e garantire un posto nei libri di storia ai suoi protagonisti.

Peccato soltanto che dalla rosa di quei protagonisti sia stata preventivamente esclusa la nostra Commissaria. A giugno, non appena circolata voce di una sua possibile candidatura, i rappresentanti di Stati Uniti, Russia, Cina, Francia, Inghilterra e Germania si sono affrettati a ratificare un documento che chiedeva all'Unione Europea di lasciare il ruolo di mediatore nelle mani della Baronessa Ashton almeno fino al 24 novembre. Uno sgarbo giustificato forse dalla necessità di garantire la continuità dei negoziati, ma difficilmente digeribile dal punto di vista istituzionale. Eppure Bruxelles l'ha accettato senza fare una piega. E probabilmente continuerà ad accettarlo anche se i negoziati dovessero, come molti prevedono, esser prorogati per altri mesi. La prima a saperlo deve essere proprio Lady Ashton. Interrogata sulla possibilità di un' ulteriore estensione del suo mandato «fantasma» la Baronessa non si è fatta a problemi a garantire la propria disponibilità. «Mi è stato chiesto - ha detto - di continuare fino a quando il lavoro sarà concluso». Con buona pace di una accondiscendente e remissiva Federica Mogherini lasciata a scaldar la poltrona dell'ufficio di Bruxelles.

Tratto da:http://www.ilgiornale.it

La Mogherini non conta niente esclusa dal vertice sul nucleare
Commenta il post

annapaola 11/25/2014 07:27

sono meccanismi che non riuscirò a capire neppure vivendo un'altra vita. Traducendo: pur non avendo più l'investitura per poter rappresentare il carrozzone europeo nei 5+1, questa signora si è dichiarata disponibile a farlo lasciando a casa la Mogherini? Dov'è lo scandalo? Questi signori non si girano mica i pollici li......tanto per cambiare, hanno in mano la vita di milioni di persone,e come tutti, penso che una Mogherini qualsiasi non possa essre a l'altezza di portare un qualsiasi contributo in trattative simili. Un'affronto a l'italietta? Ma chi se ne frega....magari può essere un'affronto per la "fava" di Renzi, (non è una parolaccia, in Maremma si dice così) che ha" fortemente voluto questa rappresentanza", ora, il renzino nazionale che farà, batterà i pugni sul tavolo?

frontediliberazionedaibanchieri 11/25/2014 10:35

renzi si è circondato di " veline" perché così gestisce tutto lui senza rotture......l'unico cruccio è Padoan

pasquale 11/21/2014 17:04

che la pagano a fare,,ma chi l'ha messa in un delicato problema come mediatore tra potenze nucleari

Luigi Maria Ventola 11/21/2014 14:14

Governo di buffoni, camerieri, nani e ballerine. Mi vergogno profondamente di essere Italiano.