Overblog
Segui questo blog
Edit post Administration Create my blog
Blog della COMUNITA' IPHARRA

Non più destra, non più sinistra, non più etichette, non più finzioni nominalistiche ma attività mirate a creare le premesse culturali e politiche per una Costituente di Popolo che sia alternativa reale ed organica agli schemi partitici ed agli artifici ideologici. Momenti di lotta diretta a colpire le oligarchie di potere per le quali il " rito del voto" costituisce la legittimazione per continuare ad esercitare le loro angherie ai danni del Popolo.

“Inghilterra Viva Perchè Fuori Dall’euro”. Al Presidente Del Consiglio Di Banca Intesa Scappa La Verità

Pubblicato su 10 Novembre 2014 da frontediliberazionedaibanchieri in ECONOMIA

NUOVA BOLLA FINANZIARIA – GROS-PIETRO, INTESA SANPAOLO, A MIX24 SU RADIO 24:“SEMPRE PRESENTE IL RISCHIO DI UNA NUOVA BOLLA FINANZIARIA”
 
C’era sempre un rischio di bolla, quando ci sono in giro tante ricchezze finanziarie in circolazione. E questo rischio è diventato attuale nel 2007-2008. E di nuovo c’è questa possibilità.”
Lo afferma il presidente del consiglio di gestione di Intesa San Paolo, Gian Maria Gros Pietro a Mix24 di Giovanni Minoli su Radio 24 commentando come il prodotto lordo mondiale in questi 10 anni sia raddoppiato mentre le attività finanziarie sono triplicate. “E proprio perché l’Europa non sta uscendo dalla crisi, il rischio della bolla, è un rischio che viene attentamente monitorato e tenuto a bada – e conclude – però è sempre presente.”
 
 
“PRELIEVI FORZOSI SUI RISPARMI? NESSUNA PREOCCUPAZIONE PER I CORRENTISTI ITALIANI”
 
“Prelievi forzosi sui risparmi? Nessuna preoccupazione per i correntisti italiani”. E’ il pensiero e la rassicurazione del presidente del consiglio di gestione di Intesa San Paolo, Gian Maria Gros Pietro a Mix24 di Giovanni Minoli su Radio 24 sull’incubo dei prelievi forzosi sui conti correnti dopo l’esperienza del fallimento delle banche cipriote. “Le banche fallite a Cipro erano banche che andavano ben oltre l’isola di Cipro e che avevano degli agganci con i movimenti internazionali. Quindi che quei depositanti in qualche modo abbiano pagato, credo che non dovrebbe essere rimpianto. Le banche italiane non fanno di quelle attività. I correntisti italiani non si devono assolutamente preoccupare”.
 
 
“NON ABBIAMO BISOGNO DI UNA NUOVA IRI MA DI POLITICA INDUSTRIALE”
 
“Con la crisi del manifatturiero che c’è oggi si parla di un intervento pubblico nell’economia, ma certamente non con la formula Iri che abbiamo conosciuto negli ultimi anni del secolo scorso. Non abbiamo bisogno di una nuova Iri ma di politica industriale.” Lo dice il presidente del consiglio di gestione di Intesa San Paolo, Gian Maria Gros Pietro a Mix24 di Giovanni Minoli su Radio 24.
Cassa depositi e prestiti che faccia quella funzione? “Non è tanto importante quale strumento, l’obiettivo deve essere però chiaro. Quando Obama ha deciso che voleva salvare l’industria automobilistica, l’ha salvata. Ha prestato dei soldi, li ha riavuti indietro, ha creato o ha difeso dei posti di lavoro. Quindi non è un’epoca definitivamente tramontata, ma bisogna ripensarla.  – continua Gros Pietro – Bisogna ripensarla, ma soprattutto va pensata in un’ottica di tutela non solo dei posti di lavoro, ma anche del contribuente. Altrimenti si difendono dei posti di lavoro a spese dei contribuenti, cioè qualcuno paga per il posto di lavoro di altri.”
 
 
“A BRUXELLES POLITICA OSCURANTISTA. NON STIAMO USANDO TUTTI GLI STRUMENTI”
 
“Bruxelles ha attuato una politica quasi oscurantista, contraria ai più elementari principi di teoria economica. Il mio è un punto di vista in questo caso da economista, ritengo che, soprattutto durante l’ultimo secolo e soprattutto dopo la grande depressione degli anni ’30, la teoria economica ha fatto dei grossi progressi e ha trovato gli strumenti per rimediare. Qui invece in Europa siamo rimasti più o meno studenti.
 O per lo meno, non stiamo adoperando tutti gli strumenti. Non stiamo adoperando gli strumenti che le altre grandi aree monetarie stanno usando. Cioè il Dollaro, lo Yen e la Sterlina.” .” Lo dice il presidente del consiglio di gestione di Intesa San Paolo, Gian Maria Gros Pietro a Mix24 di Giovanni Minoli su Radio 24.  Quindi quando si dice che è un’Europa dei burocrati, fatta da burocrati, gestita da burocrati, non sarà vero ma gli assomiglia? Domanda Minoli. “Questi burocrati hanno alle spalle dei politici che li costringono, anche. E Che fanno i loro interessi.
 
 
“INGHILTERRA VIVA PERCHE’ FUORI DALL’EURO”
 
“Credo che Rupert Murdoch abbia ragione quando dice  che la fortuna dell’Inghilterra è non avere l’euro. E’ viva per questo”. Così commenta il presidente del consiglio di gestione di Intesa San Paolo, Gian Maria Gros Pietro a Mix24 di Giovanni Minoli su Radio 24.

 

Fonte: www.pressnewsweb.it

Tratto da: http://www.informarexresistere.fr

 
“Inghilterra Viva Perchè Fuori Dall’euro”. Al Presidente Del Consiglio Di Banca Intesa Scappa La Verità
Commenta il post