Overblog
Segui questo blog
Edit post Administration Create my blog
Blog della COMUNITA' IPHARRA

Non più destra, non più sinistra, non più etichette, non più finzioni nominalistiche ma attività mirate a creare le premesse culturali e politiche per una Costituente di Popolo che sia alternativa reale ed organica agli schemi partitici ed agli artifici ideologici. Momenti di lotta diretta a colpire le oligarchie di potere per le quali il " rito del voto" costituisce la legittimazione per continuare ad esercitare le loro angherie ai danni del Popolo.

CHOC A TRIESTE: CARITAS SI PAPPA 4,5 MILIONI DI EURO PER TENERE CLANDESTINI IN HOTEL – TUTTI GLI HOTEL E I NUMERI

Pubblicato su 16 Novembre 2014 da frontediliberazionedaibanchieri in POLITICA

Paolo Rovis consigliere comunale, sul suo blog ha illustrato luoghi (con indirizzi) e costi della ‘accoglienza.spa’ dei ‘profughi’ in città, utilizzando i dati e i documenti forniti dall’Area Protezione Sociale del Comune. Quella che emerge è l’angosciante occupazione  di edifici pubblici e la spartizione certosina del business tra Caritas e Coop.«A fine ottobre 2014, questa era la situazione nella nostra città: 20 posti presso il “Teresiano” con gestione a cura della Fondazione Caritas di Trieste; 13 posti presso la Foresteria di via Chiadino con gestione a cura della Fondazione Caritas; 20 posti presso il Villaggio del Fanciullo con gestione a cura della Fondazione Caritas; 50 posti presso la ex casa di riposo di via Gozzi, con gestione a cura di ICS(Consorzio Italiano di Solidarietà); 16 posti presso l’ex centro di salute mentale di via S. Vito, con gestione a cura di ICS; 23 posti preso appartamenti dell’ICS in via Corridoni n. 4; 33 posti presso Residence Sara (9 appartamenti con gestione a cura di ICS); 6 posti presso appartamento dell’ICS in via D’Alviano; 6 posti presso appartamento dell’ICS in via Madonna del Mare; 28 posti presso il campeggio Excelsior di Fernetti con gestione a cura di ICS; 18 posti presso lalbergo Baia Degli Uscocchi al Villaggio del Pescatore; 15 posti presso l’Hotel Città di Parenzo; 15 posti presso lHotel Villa Nazareth; 50 posti presso la ex scuola Combi che vengono messi a disposizione solo in caso di estrema emergenza». Il totale è di 330 persone ospitate sul territorio comunale.

«Si noti – sottolinea Rovis sul blog – che non è il Comune a occuparsi direttamente dei richiedenti asilo, bensì strutture private e, nella maggioranza dei casi, due associazioni: la Caritas e l’ICS. A quale titolo lo fanno? Attraverso convenzioni tra la Prefettura e i soggetti preposti all’assistenza. Nel caso di Caritas e ICS, però, la convenzione non è diretta. La Prefettura affida il “lavoro” al Comune e questi, a sua volta, lo passa con una propria convenzione alle due Associazioni».

«Vengono stanziati ed erogati dal Governo 35 euro al giorno per assistito – spiega Rovis -. Soldi che passano per il Comune, il quale li gira integralmente a Caritas e ICS. Di questi, 2,50 euro vengono erogati dalle Associazioni in contanti al profugo, il cosìdetto “pocket money”, mentre il resto viene speso da Caritas e ICS per la sussistenza delle persone affidate».

Quest’ultimo punto però vede una sostanziale differenza tra le richieste della Prefettura e quelle convenzionate tra il Comune e Caritas e ICS: «in questa seconda convenzione infatti un generico “servizio di ospitalità, comprensivo di pernottamento e pasti” appare qualcosa di molto più blando rispetto alla preparazione di tre pasti, all’abbigliamento da fornire, alle pulizie, ai prodotti per l’igiene personale ecc – spiega il consigliere triestino -. Ricordiamo che gli euro ricevuti sono sempre 35. Al giorno, a testa. Ancora, a parità di costo, è lecito chiedersi se l’ospitalità resa da una struttura alberghiera sia allo stesso livello di quella ottenibile in un appartamento privato – affittato per la circostanza – che ospita 6/8 persone. E se i costi sostenuti per ogni persona siano gli stessi».

blog rovis richieste prefettura per rifugiati-2

blog rovis convenzione comune per rifugiati-2

«L’accoglienza dei richiedenti asilo vale un “fatturato” di circa 4,5 milioni l’anno nella sola città di Trieste. Soldi pubblici il cui uso, previsto da norme europee e nazionali, sarebbe giusto venga rendicontato con totale trasparenza – chiede Rovis -. Così da conoscere precisamente quanto viene speso in stipendi per gli assistenti e mediatori, quanto per le pulizie, quanto per la preparazione dei pasti, quanto per l’acquisto di vestiario, quanto per gli affitti, eccetera. E, oltre a quanto, anche a quali ditte e cooperative vengono affidati tali servizi e acquisti. L’assessorato comunale competente si è impegnato a ottenere e rendere pubblici questi dati, in tempi brevi».

Hotel, appartamenti, villaggi, campeggi e case di riposo: questi sono qui in vacanza. A spese nostre. E Caritas/Coop ci mangiano sopra.

Tratto da:http://voxnews.info

CHOC A TRIESTE: CARITAS SI PAPPA 4,5 MILIONI DI EURO PER TENERE CLANDESTINI IN HOTEL – TUTTI GLI HOTEL E I NUMERI
Commenta il post

Luigi Maria Ventola 11/17/2014 00:24

Adesso avete capito perchè questo papa ci esorta quotidianamente all'accoglienza, mentre se ne infischia dei cristiani che vengono barbaramente trucidati dai suoi "fratelli" musulmani!!!!! Sveglia pecore !!!!

annapaola 11/20/2014 11:50

premesso che Bergoglio,non mi piace, predica bene e razzola male come tutti quelli in possesso di un potere inimmaginabile, ti faccio notare che non mi risulta abbia mai parlato di fratelli, parlando di musulmani in oltre quando si è tratta to di cristiani trucidati, ha sempre spronato alla preghiera perchè questa persecuzione avesse fine. Questo, solo per dovere di cronaca....