Overblog
Segui questo blog
Edit post Administration Create my blog
Blog della COMUNITA' IPHARRA

Non più destra, non più sinistra, non più etichette, non più finzioni nominalistiche ma attività mirate a creare le premesse culturali e politiche per una Costituente di Popolo che sia alternativa reale ed organica agli schemi partitici ed agli artifici ideologici. Momenti di lotta diretta a colpire le oligarchie di potere per le quali il " rito del voto" costituisce la legittimazione per continuare ad esercitare le loro angherie ai danni del Popolo.

A PROPOSITO DI ROM….

Pubblicato su 11 Novembre 2014 da frontediliberazionedaibanchieri in POLITICA

A forza di impietosirsi per ogni causa che implichi una qualsiasi forma di discriminazione siamo arrivati  al punto che nessuno piu’ giudica le situazioni nel merito, ma applica un pregiudizio “al contrario” giustificando ogni situazione, sebbene negativa, e gratificando di razzismo chiunque osi denunciare tale situazione.

Ci riferiamo in particolare al problema degli zingari che gia’ non si devono piu’ chiamare tali, ma vanno denominati “Rom” con la stessa ipocrisia per cui un cieco deve essere chiamato “non vedente” o un andicappato “diversamente abile” quasi che cambiandogli denominazione il cieco potesse fare gare di tiro a segno e l’andicappato potesse gareggiare nei cento metri ad ostacoli..!

Secondo la vulgata comune, gli zingari sono una popolazione dedita al furto, allo spaccio, allo sfruttamento dei mendicanti, e ad altre simili attivita’ ricreative.

Analizziamo allora la situazione generale di coloro che vivono nei Campi nomadi dove, tra l’altro, godono di agevolazioni economiche a carico dei comuni ed a spese dei cittadini che lavorano e pagano le tasse e vediamo in quali contesti essi vivano.

Nessuno di loro fa l’operaio in fabbrica o l’impiegato privato o pubblico.

Nessuno di loro ha una attivita’ commerciale.

Nessuno di loro fa il contadino.

Nessuno di loro fa l’artigiano.

Nessuno di loro fa una professione.

Nessuno di loro fa il militare o lavora nelle forze dell’Ordine.

Insomma. Nessuno ha una qualche attivita’ lecita che giustifichi un qualsiasi tenore di vita, anche il piu’modesto.

Al contrario, nelle zone limitrofe ai campi degli zingari si verifica una quantita’ notevolissima di furti e rapine ed ogni sera si vedono rientrare nei campi i mendicanti che passano le giornate a impietosire la gente per racimolare qualche centinaio di euro che vengono consegnati agli sfruttatori i quali, come testimoniato in diversi documentati girati, si sfogano con percosse e insulti se le somme racimolate non sono di loro soddisfazione!

D’altronde, quando gli zingari fanno festa per un matrimonio o una qualche altra occasione, sfoggiano oro e gioielli che non si capisce come possano avere ottenuto dato che non svolgono nessuna attivita’remunerata apparente..!

A questo punto la vulgata comune non ci sembra che sia molto lontana dalla realta’ perche’ gli zingari, se non ricevono dal cielo la manna, come gli ebrei nel deserto, per vivere hanno bisogno di soldi e se non se li guadagnano lavorando in qualche modo, e’ di tutta evidenza che se li procurano in altri modi molto meno leciti..!!

Accettare e giustificare questo stato di cose, come fanno i soliti “piagnoni savonarolani” della sinistra estrema o i bigotti divoratori di particole e fanatici dell’accoglienza, ci sembra illecito, immorale ed anche parecchio cretino!

Eppure agli zingari sono concesse agevolazioni e contributi come per esempio l’accesso gratuito ai mezzi di trasporto pubblici, la concessione di case popolari a scapito delle graduatorie di cittadini che aspettano da anni, la sanatoria dei debiti sulle bollette di energia elettrica, ecc ecc. mentre ai terremotati dell’Emilia Romagna che sono ancora senza casa arrivano le richieste ultimative di Equitalia, con il beneplacito del governo, che esige il pagamento delle tasse!

Insomma una discriminazione al contrario quasi che per combattere un supposto razzismo verso gli zingari si applicasse un razzismo verso i cittadini onesti, lavoratori ed italiani..!

E’ giunta l’ora di ribellarsi ad uno stato che discrimina i cittadini onesti a favore di una etnia di parassiti che vivono sfruttando e rubando sostenuti e difesi da una sparuta minoranza di masochisti velleitari ed un po’ cretini che sognano il comunismo senza tenere conto che ai tempi del bolscevismo gli zingari finivano nei gulag..!

 

Alessandro Mezzano

A PROPOSITO DI ROM….
Commenta il post

mustafa 11/11/2014 10:25

Il popolo italiano da popolo fiero dei tempi passati è diventato un popolo vergognoso.

Luigi Maria Ventola 11/11/2014 06:29

L'articolo è condivisibile in ogni sua parte ma non tiene conto che qui abbiamo a che fare con gente decerebrata, antitaliani criminali e traditori che, in altre epoche, sarebbero stati passati per le armi.