Overblog
Segui questo blog
Edit post Administration Create my blog
Blog della COMUNITA' IPHARRA

Non più destra, non più sinistra, non più etichette, non più finzioni nominalistiche ma attività mirate a creare le premesse culturali e politiche per una Costituente di Popolo che sia alternativa reale ed organica agli schemi partitici ed agli artifici ideologici. Momenti di lotta diretta a colpire le oligarchie di potere per le quali il " rito del voto" costituisce la legittimazione per continuare ad esercitare le loro angherie ai danni del Popolo.

"gangster"

Pubblicato su 13 Ottobre 2014 da frontediliberazionedaibanchieri in IPHARRA

La geopolitica della III Guerra Mondiale
 
La vera ragione del perché la Russia e la Siria sono presi di mira in questo momento.
Contrariamente alla credenza popolare, la condotta delle nazioni sulla scena internazionale non è quasi mai guidata da considerazioni morali, ma piuttosto da un cocktail oscuro di denaro e di geopolitica.Come tale, quando si vedono i portavoce della classe dominante e cominciano a demonizzare un paese straniero, la prima domanda nella vostra mente dovrebbe sempre essere "che cosa c'è qui di realmente in gioco?"
  
Da qualche tempo la Russia, la Cina, l'Iran e Siria sono stati messi nel mirino. Una volta che si comprende il motivo per cui, gli eventi che si stanno svolgendo nel mondo in questo momento si avrà il senso della realtà.
  
Il dollaro è una moneta unica. In realtà il suo design attuale e la sua relazione con la geopolitica è diverso da qualsiasi altra moneta nella storia. Anche se è stata la valuta di riserva mondiale dal 1944, non è questa che la rende unica. Molte valute hanno tenuto lo status di riserva e si sono spente nel corso dei secoli, ma ciò che rende il dollaro unico è il fatto che a partire dai primi anni 1970 è stato, con alcune eccezioni di rilievo, l'unica moneta utilizzata per acquistare e vendere olio/petrolio sul mercato globale.
 


Prima del 1971 il dollaro USA era legato allo standard dell'oro, almeno ufficialmente. Secondo il FMI, nel 1966, le banche centrali estere detenevano 14 miliardi di dollari, ma gli Stati Uniti ne avevano solo il 3,2 miliardi di dollari in oro assegnati a coprire le partecipazioni estere.
  
Traduzione: la Federal Reserve ha stampato più soldi di quello che avrebbe potuto detenere.
  
Il risultato è stata una rampante inflazione con la conseguente fuga generale dal dollaro. 
Nel 1971 in quello che poi venne chiamato il "Nixon shock" il Presidente Nixon rimosse completamente il dollaro dallo standard dell'oro.
  
A questo punto il dollaro è diventato una moneta basata puro debito.Con valute a debito basate letteralmente sul denaro esistente prestato. 
Circa il 70% del denaro circolante è creato dalle banche ordinarie che sono autorizzate prestando più di quanto in realtà hanno nei loro conti. Il resto è stato creato dalla Federal Reserve, che presta soldi che non hanno, per lo più li prestano al governo.
 


E' un po' come emettere assegni scoperti, tranne che per le banche è legale. Questa pratica, che viene indicata come riserva frazionaria è presumibilmente regolata dalla Federal Reserve, un'istituzione che sembra essere posseduta e controllata da un conglomerato di banche, mentre, nessuna agenzia o filiale di governo regola la Federal Reserve.

VIDEO 
  
Ora, per rendere le cose ancora più interessanti questa riserva frazionaria di prestiti ha interessi collegati, ma i soldi per pagare questo interesse non esiste nel sistema. Di conseguenza vi è un debito sempre più alto rispetto ai soldi in circolazione, ed infine, l'economia per rimanere a galla deve crescere continuamente.
  
Questo ovviamente non è sostenibile. 
Ora ci si potrebbe chiedere come il dollaro abbia mantenuto una posizione dominante a livello mondiale per oltre quarant'anni se non fosse per davvero poco più che un elaborato schema di un'agenzia investigativa di Tom Ponzi.
 


Beh, questo è dove il dollaro incontra la geopolitica. 
Nel 1973 sotto l'ombra dell'artificiale crisi petrolifera dell'OPEC, l'amministrazione Nixon cominciò negoziati segreti con il governo dell'Arabia Saudita per stabilire ciò che è venuto per essere indicato come il sistema di riciclaggio dei petrodollari. Secondo l'accordo i sauditi avrebbero solo dovuto vendere il loro petrolio in dollari USA, investendo così la maggior parte dei loro profitti olio/petrolio in eccesso in banche degli Stati Uniti e mercati capitalistici. Il FMI avrebbe quindi utilizzato questo denaro per agevolare i prestiti agli importatori di petrolio che stavano avendo difficoltà a coprire l'aumento dei prezzi del petrolio. I pagamenti e gli interessi su questi prestiti sarebbero naturalmente stati denominati in dollari USA.
  
Questo accordo è stato formalizzato "Negli Stati Uniti-Arabia Saudita in una Commissione congiunta sulla cooperazione economica" messa insieme da parte di Nixon e il Segretario di Stato Henry Kissinger nel 1974.
  
Un altro documento rilasciato dal Congressional Research Servicerivela che come funzionari degli Stati Uniti questi negoziati avrebbero avuto per loro un vantaggio, e hanno apertamente discusso la possibilità di cogliere i giacimenti petroliferi in Arabia Saudita militarmente.
  
Negli Stati Uniti, l'inflazione shock del petrolio e dei prodotti petroliferi, ha portato nuove preoccupazioni per gli investimenti stranieri dai paesi produttori di petrolio, e la speculazione ha aperto circa l'opportunità e la fattibilità di sequestrare militarmente giacimenti petroliferi in Arabia Saudita o in altri paesi. Sulla scia dell'embargo, in Arabia i funzionari degli Stati Uniti hanno lavorato per ri-ancorare le relazioni bilaterali sulla base di opposizione comune al comunismo, rinnovando la cooperazione militare, e attraverso iniziative economiche che hanno promosso il riciclaggio dei petrodollari sauditi verso gli Stati Uniti attraverso investimenti sauditi in infrastrutture, espandendo l'industria, ed emettendo titoli negli Stati Uniti.
  
Il sistema è stato ampliato nel 1975 per includere il resto dell'OPEC. 
Anche se è stato presentato come tampone per gli effetti recessivi dell'aumento dei prezzi del petrolio, questa disposizione ha avuto un effetto nascosto. Essa ha rimosso le restrizioni tradizionali sulla politica monetaria degli Stati Uniti. 
La Federal Reserve è ora libera di aumentare a volontà l'offerta di moneta. La sempre crescente domanda di petrolio avrebbe impedito una eventuale fuga dal dollaro, mentre distribuiva le conseguenze inflazionistiche in tutto il pianeta. 
Il dollaro è passato dall'essere una valuta in oro ad una valuta sostenuta dall'olio/petrolio. Diventando così l'esportazione primaria dell'America.
  
Vi siete mai chiesti come l'economia degli Stati Uniti sia stata in grado di rimanersi a galla per decenni durante l'esecuzione dei deficit commerciali multimiliardari? 
Vi siete mai chiesti come sia possibile che gli Stati Uniti detengano una tale quantità sproporzionata della ricchezza mondiale quando il 70% dell'economia degli Stati Uniti è basata sui consumatori?
  
In epoca moderna, i combustibili fossili fanno girare il mondo. Si sono integrati in ogni aspetto della civiltà: agricoltura, i trasporti, plastica, riscaldamento, la difesa e la medicina, e la domanda continua a crescere e a crescere.
  
Finché il mondo avrà bisogno di petrolio, e finché l'olio/petrolio sarà venduto solo in dollari americani, ci sarà una domanda di dollari, e ciò che da valore al dollaro, è la domanda .
  
Per gli Stati Uniti questo è un grande affare. I dollari escono, sia come carta o cifre in un sistema informatico, e entrate di prodotti e servizi tangibili reali. Tuttavia, per il resto del mondo, è una forma molto subdola di sfruttamento. 
Avere il commercio globale prevalentemente in dollari, fornisce anche a Washington una potente arma finanziaria attraverso le sanzioni. Ciò è dovuto al fatto che la maggior parte delle transazioni fatte in larga scala in dollari sono costrette a passare attraverso gli Stati Uniti.
  

Questo sistema di petrodollari rimase incontrastato fino al settembre del 2000, quando Saddam Hussein annunciò la sua decisione di cambiare le vendite del petrolio dell'Iraq dal dollaro ($) all'€uro.Senza dubbio, questo è stato un attacco diretto sul dollaro, il più importante evento geopolitico dell'anno, ma  esso, non viene menzionato in nessuno dei media occidentali nemmeno un articolo.
  
Nello stesso mese che Saddam ha annunciato il suo allontanamento dal dollaro, un'organizzazione chiamata "Il Progetto per un Nuovo Secolo Americano", di cui Dick Cheney è capitato ad esserne membro, ha pubblicato un documento intitolato "Ricostruire la strategia delle difese dell'America, Forze e Risorse per un Nuovo Secolo". Questo documento ha richiesto un massiccio incremento della spesa militare degli Stati Uniti e una politica estera molto più aggressiva al fine di espandere il dominio degli Stati Uniti a livello mondiale. Tuttavia, nel documento si lamentava che il raggiungimento di questi obiettivi ci sarebbero voluti molti anni "in assenza di qualche evento catastrofico e catalizzatore - come una nuova Pearl Harbor".
  
Un anno dopo ci sono riusciti.  
Cavalcando la reazione emotiva del 9/11, l'amministrazione Bush è stata in grado di invadere l'Afghanistan e l'Iraq e passare al Patriot Act il tutto senza alcuna resistenza significativa.
  
Non c'erano armi di distruzione di massa in Iraq, e questo non era una questione di cattiva intelligenza. Questo è stato un freddo calcolo menzognero, e la decisione di invadere è stato fatto in piena consapevolezza del disastro che sarebbe seguito.


VIDEO 
  
Sapevano esattamente cosa stava per accadere, ma nel 2003, hanno fatto lo stesso. Una volta che i campi petroliferi iracheni erano sotto il controllo degli Stati Uniti, le vendite di petrolio sono state immediatamente commutata al dollaro. Missione compiuta.
  

Subito dopo l'invasione dell'Iraq l'amministrazione Bush ha tentato di estendere queste guerre in Iran. Presumibilmente il governo iraniano stava lavorando per costruire un'arma nucleare. Dopo il fiasco della credibilità in Iraq di Washington è stato gravemente danneggiato in seguito non sono stati in grado di raccogliere il sostegno internazionale e nazionale per un intervento. I loro sforzi sono stati ulteriormente sabotati da elementi all'interno della CIA e del Mossad che si sono manifestati e affermando che l'Iran non aveva nemmeno preso la decisione di sviluppare armi nucleari, tanto meno iniziarne un tentativo. Tuttavia la campagna di demonizzazione contro l'Iran ha continuato anche nel l'amministrazione Obama.
  
Perché? 

Beh, potrebbe avere qualcosa a che fare con il fatto che dal 2004 l'Iran è stato in procinto di organizzare una borsa petrolifera indipendente? Stavano costruendo il proprio mercato del petrolio, e che non aveva intenzione di essere legato al dollaro. Le prime spedizioni di petrolio sono state vendute attraverso questo mercatonel mese di luglio del 2011.
  
Impossibile ottenere la guerra che volevano, gli USA hanno usato le Nazioni Unite per imporre sanzioni contro l'Iran. L'obiettivo delle sanzioni era di rovesciare il regime iraniano. Mentre questo ha fatto infliggere un danno per l'economia iraniana, le misure non sono riuscite a destabilizzare il paese. Ciò è dovuto in gran parte allaassistenza della Russia bypassando le restrizioni bancarie degli USA. 
Nel febbraio del 2009 Muammar Gheddafi, è stato nominato presidente dell'Unione africana. Ha subito proposto la formazione di uno stato unitario per una moneta unica. Era la natura di quella moneta proposta che ha portato alla sua eliminazione uccidendolo.
 


Nel marzo del 2009 l'Unione Africana ha pubblicato un documento intitolato "Verso una moneta unica africana". pagine 106 e 107 di tale documento specificamente discute i vantaggi tecnici di gestione della banca centrale africana sotto un "gold standard". A pagina 94 si afferma esplicitamente che la chiave per il successo dell'Unione monetaria africana sarebbe "l'eventuale collegamento monetario ad un'unica moneta d'oro africana legata a tutti i prodotti." (Si noti che ci sono diverse pagine su altre versioni del documento che hanno pubblicato.)
  
Nel 2011 la CIA si trasferì in Libia e ha iniziato il backup dei gruppi militanti nella loro campagna per rovesciare Gheddafi e gli Stati Uniti e la NATO si sono spinti attraverso la risoluzione della nofly zona delle Nazioni Unite per nascondere il bilanciamento con attacchi aerei. Tra questi combattimenti, la presenza degli estremisti di Al-Qaeda tra questi combattenti ribelli è stato spazzata sotto il tappeto.
  
La Libia, come l'Iran e l'Iraq aveva commesso l'imperdonabile crimine di sfidare il dollaro statunitense.
  

L'intervento della NATO in Libia è continuata in una guerra segreta siriana. Le armerie del governo libico sono state saccheggiate e le armi sono state spedite attraverso la Turchia ai gruppi di lavoro dei ribelli siriani per rovesciare Assad. Era già chiaro a questo punto che molti di questi combattenti avevano legami con organizzazioni terroristiche. Tuttavia l'apparato di sicurezza nazionale degli Stati Uniti ha visto tutto questo come un male necessario. Infatti il Council on Foreign Relations ha pubblicato un articolo nel 2012, affermando che "L'afflusso di jihadisti porta disciplina, fervore religioso, esperienza nella battaglia dall'Iraq, finanziamenti di simpatizzanti sunniti del Golfo, e, soprattutto, i risultati mortali. In breve, la FSA ora ha bisogno di al-Qaeda."
  
(Per comprendere meglio questo, visita il sito theantimedia.org.) 
Cerchiamo qui di essere chiari, sono stati gli Stati Uniti a mettere al potere l'ISIS.

VIDEO 
  
Nel 2013 gli stessi di Al-Qaeda legati ai ribelli siriani hanno lanciato due attacchi di gas sarin. Questo è stato un tentativo di destabilizzare Assad e raccogliere il sostegno internazionale per un intervento militare. Fortunatamente sono stati esposti dalle Nazioni Unite e 
quando la Russia è intervenuta per mediare una soluzione diplomatica da parte degli investigatori russi, la spinta per gli attacchi aerei è completamente crollata. 

VIDEO 
  
La campagna per un cambio di regime in Siria, come in Libia è stata presentata in termini di diritti umani. Ovviamente questo non è il vero motivo. 

Nel 2009, il Qatar ha messo avanti una proposta per eseguire un gasdotto attraverso la Siria e la Turchia in Europa. Assad tuttavia ha respinto questa proposta, e nel 2011 ha forgiato un patto con l'Iraq e l'Iran per eseguire una conduttura verso est tagliando completamente il Qatar e l'Arabia Saudita fuori dal giro. Non sorprende che il Qatar, l'Arabia Saudita e la Turchia siano stati i più aggressivi giocatori regionali nella spinta per rovesciare il governo siriano. 
Ma perché questo controverso gasdotto ha messo la Siria nel mirino di Washington? I motivi sono tre:
  
1 L disposizione di questo gasdotto rafforzerebbe significativamente la posizione dell'Iran, consentendo loro di esportare verso i mercati europei, senza dover passare attraverso qualsiasi alleato di Washington. Questo riduce ovviamente l'influenza del governo americano.
  2 La Siria è il più stretto alleato dell'Iran. E' il suo crollo porterebbe  intrinsecamente ad indebolire l'Iran.
  3. La Siria e Iran hanno un accordo di mutua difesa, e un intervento degli Stati Uniti in Siria potrebbe aprire la porta ad un conflitto con l'Iran. 
Nel febbraio del 2014 questa globale partita a scacchi ha riscaldato in una nuova parte del mondo: l'Ucraina. Ma però il vero obiettivo era la Russia.
  
La Russia va vista anche come il secondo più grande esportatore di petrolio nel mondo, e non solo, sono anche stati 
diplomaticamente una spina nel fianco di Washington, ma hanno anche aperto una borsa per l'energia nel 2008 , con vendite denominate in rubli e oro.Questo progetto era nelle loro intenzioni dal 2006. Hanno anche lavorato con la Cina per tirarsi fuori del dollaro in tutti i loro scambi bilaterali.
  
La Russia è stata anche presente nel processo di organizzazione di una Unione economica eurasiatica, che include piani nell'adottare un'unità monetaria comune, e che è anche previsto per avere il proprio mercato energetico indipendente.
  
Che ha portato alla crisi in Ucraina, presentata con una scelta: o unirsi con l'Unione europea nel quadro di un accordo di associazione o di unirsi all'Unione Eurasiatica. La UE ha insistito sul fatto che questa è solo l'unica proposizione . L'Ucraina non ha potuto partecipare ad entrambe le opzioni. La Russia, d'altra parte, ha affermato che l'adesione non poneva alcun problema. Il Presidente Yanukovich ha deciso di andare con la Russia.
  
In risposta l'apparato di sicurezza nazionale degli Stati Uniti ha fatto quello che sa fare meglio: hanno rovesciato Yanukovich e installato un governo fantoccio. Per vedere l'intera prove del coinvolgimento di Washington nell'orologio del  colpo di stato "La crisi ucraina quello che non ti viene detto" leggi 

Questo articolo del Guardian che vale la pena di leggere.
  
Anche se tutto
 questo sembrava andare bene in un primo momento, gli Stati Uniti persero rapidamente il controllo della situazione. La Crimea ha tenuto un referendum e la gente ha votato in massa la separazione dall'Ucraina per riunificarsi con la Russia. La transizione è stata ordinata e pacifica. Non si è verificato nessun incidente e nessuno è stato ucciso, ma l'Occidente ha immediatamente inquadrato l'intero evento come un atto di aggressione russa, e questo, da quel punto in poi è diventato il mantra. 
La Crimea è di un'importante vista geo-strategico a causa della sua posizione nel Mar Nero che consente l'agibilità della potenza navale nel Mediterraneo. E' stato anche un territorio russo per la maggior parte della storia recente.
  
Gli Stati Uniti stanno spingendo per l'inclusione dell'Ucraina nella NATO ormai da anni. Una tale mossa avrebbe posto le forze statunitensi proprio sul confine della Russia e avrebbe potuto potenzialmente portare la Russia a perdere la loro base navale in Crimea. Questo è il motivo per cui la Russia immediatamente accettato i risultati del referendum della Crimea e ha rapidamente consolidato il territorio.
  
Nel frattempo, nell'Ucraina orientale, due regioni hanno dichiarato l'indipendenza da Kiev, tenuto con un proprio referendum. Gli schiaccianti risultati hanno favorito l'autogoverno.
  
Kiev ha risposto a questa iniziativa con quello che viene indicato come operazioni anti-terrorismo. In pratica, questa è stata una campagna di bombardamenti massiccii e indiscriminati che ha ucciso migliaia di civili. A quanto pare per l'Occidente, uccidere i civili non viene considerata come aggressione. Infatti il FMI ha avvertito esplicitamente il governo provvisorio che il loro pacchetto di prestiti di 17 miliardi di dollari potrebbe essere in pericolo se non saranno in grado di debellare la rivolta in Ucraina orientale.
  
Mentre infuriava la guerra contro l'Ucraina orientale, si sono svolte le 
elezioni e Petro Poroshenko è stato eletto presidente. Si scopre che Poroshenko, è stato implicato in un caso diplomatico trapelato e pubblicato da Wikileaks nel 2008 dopo aver lavorato come talpa per il Dipartimento di Stato degli Stati Uniti dal 2006, si riferiscono a lui come "La Nostra Ucraina insider" e gran parte del caso parla di informazioni che stava fornendo. (In un caso separato è stato dimostrato che gli Stati Uniti sapevano che Poroshenko era corrotto anche su questo separato punto.)
  
Anche se gli Gli Stati Uniti avevano per le mani un burattino, tuttavia, non si è rivelato essere abbastanza concreto per dare a Washington il sopravvento in questa crisi. Che cosa fa Washington 
quando non ha altre effetti leva? Essi impongono le sanzioni, demonizzando con l'uso dei media (o creano una false flag).

VIDEO 
  
Questa non è una buona strategia quando si tratta con la Russia. In realtà ha già fallito. Le sanzioni hanno semplicemente spinto la Russia e la Cina in una più stretta cooperazione e accelerato il programma di de-dollarizzazione della Russia. E nonostante la retorica, questo non ha portato all'isolamento della Russia. Gli Stati Uniti e la NATO hanno messo un cuneo tra loro e la Russia, ma non tra la Russia e il resto del mondo (basta guardare un po più in alto per capire che i BRICS sono molto chiari su questo).
  
Questo nuovo asse anti-dollaro va molto più nel profondo dell'economia. Questi paesi capiscono quello che è in gioco qui.Questo è il motivo per cui sulla scia della crisi in Ucraina la Cina ha proposto un nuovo patto di sicurezza eurasiatica che dovrebbe includere la Russia e l'Iran.
  
Qui vanno considerate le implicazioni dell'amministrazione Obama, se inizia i bombardamenti in Siria, Siria, che ha anche un accordo di mutua difesa con l'Iran. Questa non sarà la guerra fredda 2.0. Questa è la guerra mondiale 3.0. Le masse possono non aver capito ancora, ma la storia si ricorderà dei fatti. 
Le alleanze sono già state consolidate per una guerra calda in corso su più fronti. Se le provocazioni e le guerre per procura continueranno, è solo una questione di tempo prima che i grandi giocatori si confrontino direttamente, la quale sarà una ricetta per il disastro.
  
Tutto questo suona folle per voi? Beh, avete ragione. Le persone che gestiscono il mondo in questo momento sono dei pazzi, e il pubblico è come un sonnambulo su di una corda che può trasformarsi in tragedia. Se desideriamo modificare il corso di quello che stiamo vivendo, c'è un solo modo per farlo. Dobbiamo svegliare l'opinione pubblica. Anche le più potenti armi da guerra si possono neutralizzare se si raggiunge la mente di un uomo dietro il grilletto della sua arma. 
 
Qualcuno si chiederà come possiamo svegliare le masse da questa catastrofe incombente? Non aspettatevi che qualcun altro risponda per voi. Siate creativi. Agite per il futuro dei vostri figli e nipoti che dipendono da voi, perché loro 
(i pazzi) non lo faranno.

VIDEO 

http://scgnews.com/the-geopolitics-of-world-war-iii 
articolo tradotto da lady  
 
Tratto da:http://ningizhzidda.blogspot.it
"gangster"
Commenta il post

carlo tompetrini 10/14/2014 21:47

Le linee tratteggiate che uniscono i tanti puntini,si sono fatte più comprensibili,più nitidamente libere da giochi di nascondimenti,o finte da driblin.Gli schieramenti si vanno sempre più palesando,tra chi aggredisce e chi si difende,nello spazio di manovra rimasto,prima che la risposta sia distruttiva,ed inevitabile,a meno che,l'intelligenza e la creatività dei popoli,non spenga sul nascere questa arrogante e mortale sfida imperialista-sionista.Auguriamocelo,affinche il genere umano non conosca mai questo sterminio totale.

annapaola 10/16/2014 19:33

eih. Carlo, mi sei piaciuto un casino, per favore aiuta i nostri connazionali a capire. Io ci sto provando da un po, ma i miei risultati sono penosi.......

annapaola 10/14/2014 09:04

sostengo che questo articolo vada letto da TUTTI, forse sembra un pò lungo ma le informazioni sono tante e tutte di estrema importanza. Erano già apparse su questo blog ma frammentate in diversi articoli e già facevano "paura" Ora, con questo quadro di insieme estremamente chiaro diventa ancora più evidente il discorso CAUSA-EFFETTO. Qui viene spiegato tutto nei minimi dettagli LEGGETELO LEGGETELO LEGGETELO