Overblog
Segui questo blog
Edit post Administration Create my blog
Blog della COMUNITA' IPHARRA

Non più destra, non più sinistra, non più etichette, non più finzioni nominalistiche ma attività mirate a creare le premesse culturali e politiche per una Costituente di Popolo che sia alternativa reale ed organica agli schemi partitici ed agli artifici ideologici. Momenti di lotta diretta a colpire le oligarchie di potere per le quali il " rito del voto" costituisce la legittimazione per continuare ad esercitare le loro angherie ai danni del Popolo.

Desecretato il documento sulla Nato economica: Dop e Igp possono sparire

Pubblicato su 30 Ottobre 2014 da frontediliberazionedaibanchieri in POLITICA

Il Consiglio Ue ha reso pubblico il documento contenente il mandato dei nostri negoziatori per il Trattato transatlantico di libero scambio. Con la Nato economica in pericolo le denominazioni d’origine

Alla fine l’Europa ha deciso di togliere il segreto sul negoziato per l’accordo di libero scambio con gli Stati Uniti. Il Ttip, bruttissimo acronimo che sta per Transatlantic trade and investment partnership, più conosciuto come Nato economica, è diventato di pubblico dominio. Per lo meno ora è noto il documento stilato dal Consiglio della Ue con le direttive per i negoziatori europei. Ecco il link da cui lo potete scaricare. Vale la pena di leggerlo attentamente, tenendo conto che in questi casi il diavolo si nasconde nei dettagli. È importante anche quel che non c’è scritto.

Al made in Italy e alla tutela dell’origine è dedicato un passaggio sintetico ma pericolosissimo [punto 11, pagina 5]:

I negoziati mireranno a conciliare l’approccio della UE e degli Stati Uniti in materia di norme di origine in modo da facilitare il commercio tra le Parti e tenere conto delle norme di origine della UE e degli interessi dei produttori dell’Unione.

I due approcci, in realtà si escludono. O vale uno oppure l’altro. In Europa le denominazioni d’origine, Dop e Igp, sono tutelate da disciplinari di produzione molto rigidi. Ma quelle stesse denominazioni vengono declinate negli Usa come «nomi comuni». I grandi produttori (in realtà sarebbe meglio dire: taroccatori) del Wisconsin e della California hanno addirittura fondato un Consorzio per la difesa dei nomi comuni proprio per contrastare le nostre legittime richieste di veder tutelati i campioni del made in Italy.

Caduta la richiesta europea di estendere anche agli States le norme sulla non imitabilità di Dop e Igp, ora gli americani pretendono libero accesso ai nostri mercati per i loro tarocchi: Parmesan, Combozola, Italian Grana e via dicendo. Su questo il negoziato si era interrotto. Ora la decisione di Bruxelles di rendere pubblico il documento su cui si sviluppa la trattativa può preludere a un’accelerazione improvvisa.

Vista la posta in gioco, la tutela del vero made in Italy, mi chiedo come si possa spiegare il silenzio delle organizzazioni di categoria italiane sul trattato Ttip. A cominciare da quelle dei produttori agricoli. Se c’è un momento per picchiare i pugni sul tavolo e portare in piazza gli associati è questo: entro la primavera potrebbe arrivare la bozza (definitiva) di accordo. A quel punto, come sempre quando si tratta della Ue, gli spazi di manovra sarebbero ridotti a zero. Sveglia!

Tratto da:http://www.italiainprimapagina.it

Desecretato il documento sulla Nato economica: Dop e Igp possono sparire
Commenta il post

fiammaverde 10/30/2014 16:39

L'ennesimo sfascio compiuto dalla casta/cosca. Ma noi dove siamo? Continuiamo a russare! E ben ci sta!

annapaola 10/30/2014 15:51

tanto per non fare il bastian contrario, non ritengo affatto sia solo nell'interesse dei produttori di qualsiasi dop o igp bensì nell'interesse di tutti i consumatori attuali e futuri, non è che questi hanno fatto battaglie della miseria per sport, queste sono state fatte a nostra tutela sotto qualsiasi profilo la si voglia guardare. Anche noi consumatori DOVREMMO prendere una posizione, e questa dovrebbe essere una posizione inflessibile, si tratta anche di una posizione di difesa della salute oltre quella della dignità....Cerchiamo di mantenere le poche cose che ci distinguono per favore

frontediliberazionedaibanchieri 10/30/2014 16:28

la difesa del Dop o Igp non appartiene ad una categoria, ma a tutto il popolo