Overblog
Segui questo blog
Edit post Administration Create my blog
Blog della COMUNITA' IPHARRA

Non più destra, non più sinistra, non più etichette, non più finzioni nominalistiche ma attività mirate a creare le premesse culturali e politiche per una Costituente di Popolo che sia alternativa reale ed organica agli schemi partitici ed agli artifici ideologici. Momenti di lotta diretta a colpire le oligarchie di potere per le quali il " rito del voto" costituisce la legittimazione per continuare ad esercitare le loro angherie ai danni del Popolo.

Un déjà vu chiamato Maastricht

Pubblicato su 11 Settembre 2014 da frontediliberazionedaibanchieri in ECONOMIA

1992-2014: uno stesso schema consolidato per cedere al “vincolo esterno”


di Cesare Sacchetti
Coordinatore Roma Movimento base Italia
 

Esiste forse un legame tra il 1992 e il 2014, un ricorso storico che lega queste due date? Nel 1992 il Paese si trovava sull’orlo di un grande stravolgimento politico e si consumò una lacerazione di cui ancora oggi portiamo il segno. Sul banco degli imputati della crisi istituzionale sistemica, finirono la corruzione della classe politica e l’eccessivo debito pubblico. Uno schema che vediamo ripetersi anche oggi, quando l’attenzione dei media è concentrata esclusivamente su questi due fenomeni, rappresentandoli come se l’uno fosse la conseguenza dell’altra e infondendo nella pubblica opinione quel senso di colpa per essere andati oltre i propri limiti, per “aver vissuto al di sopra delle nostre possibilità” come se tutto ciò che abbiamo vissuto in passato fosse stato un lusso che non potevamo più permetterci. Perciò, buoni e tranquilli, seguimmo le indicazioni che ci diedero i tecnici e non ci siamo chiesti perché mai un Paese che aveva toccato le vette dell’eccellenza a livello mondiale, precipitò in quell’abisso. Può essere ancora valida l’equazione corruzione uguale debito pubblico, propinata pedissequamente da media e giornalisti?
 
Viene spesso omesso che negli anni precedenti alla crisi del ‘92 ci fu lo smantellamento degli strumenti economici che lo Stato aveva a disposizione per controllare la propria economia. Si cominciò nel 1979  limitando  la flessibilità valutaria della Lira con lo SME (Sistema Monetario Europeo) padre dell’Euro, un accordo di cambi fissi che permetteva agli speculatori di attaccare costantemente la Lira, e si proseguì nel 1981 con il divorzio tra Bankitalia e Tesoro, che come ammisero i loro stessi protagonisti Ciampi e Andreatta in uno scambio epistolare, fece schizzare il debito pubblico oltre il 100% del PIL in pochi anni impedendo la monetizzazione dei titoli di Stato che permetteva di mantenere i livelli dei tassi di interesse a basse percentuali. La bolla del debito era così nata, e si era messo in moto il meccanismo per il quale gli stessi artefici del problema trovano la soluzione, quella di iniettare massicce dosi di austerità e tagli alla spesa sopprimendo le politiche dello Stato sociale.  Le conseguenze di questa operazione sono taciute da media, stampa e economisti mainstream all’opinione pubblica convinta che il problema scaturisca esclusivamente dalla corruzione e dal malaffare. Il terreno per agganciare il Paese al vincolo esterno e privarlo definitivamente della sua sovranità era così spianato e si iniziò con la firma del Trattato di Maastricht del 7 febbraio 1992, con la cessione della sovranità monetaria e legislativa e la previsione di  limiti all’indebitamento statale  con il famigerato 3% di deficit sul PIL e il  tetto del 60%  di debito pubblico/PIL,  disinnescando la leva dell’indebitamento statale prevista in Costituzione e creando un vulnus tra i Trattati e la Costituzione ancora irrisolto. A distanza di dieci giorni  dalla firma venne arrestato Mario Chiesa ed è l’inizio di un’ondata giudiziaria che avrebbe spazzato via l’intera classe dirigente, fortemente indebolita dagli arresti e dai processi  e che approverà in quel clima di confusione e orgia moralizzatrice la ratifica di Maastricht, senza che l’opinione pubblica avesse la minima idea delle conseguenze dell’integrazione forzata europea. Mentre eravamo impegnati a rincorrere lo scippatore, lasciavamo la porta di casa aperta e i ladri indisturbati si appropriavano dei gioielli di famiglia. Volevamo castigare la classe politica per le sue malefatte indiscutibili, ma nello stesso istante inconsciamente abbiamo spalancato le porte della sovranità nazionale e permesso che la clava del vincolo esterno ci governasse definitivamente convinti di essere irredimibili e che fosse meglio farci governare da apparati di potere esteri.Perché mai solamente in quell’anno la magistratura si mosse per colpire la corruzione della classe politica, sancendo quello che in realtà era un segreto di Pulcinella da decenni? Il Pool di Mani Pulite divenne l’emblema dell’Italia giusta e retta e la questione morale fu agitata come un panno rosso davanti agli italiani che caricarono con tutta la loro furia i politici dell’epoca, fino ad arrivare al famigerato lancio di monetine contro Craxi all’Hotel Raphael. Il potere fu dissacrato e il popolo volle umiliare e maramaldeggiare i cadaveri della Prima Repubblica e nel terremoto giudiziario che sconquassava la Penisola riuscirono a sopravvivere solo i dirigenti dell’ex partito comunista che salirono al Governo nella seconda metà degli anni’90, quegli stessi dirigenti che ci trascinarono nell’unione monetaria senza una consultazione popolare e importatori del liberismo economico fino ad allora ignoto nel nostro ordinamento, facendosi vanto della privatizzazione di aziende in attivo poi spolpate da capitalisti di ventura. E’ in questo clima di caccia alle streghe, tra gli arresti di Mario Chiesa, il suicidio di Sergio Moroni e gli attentati terroristici paramilitari contro i giudici Falcone e Borsellino che lo Stato Imprenditore protagonista del Miracolo Economico viene soppresso dall’allora Governo Amato, tra i pochi superstiti del Partito Socialista travolto dagli arresti, e dall’attuale presidente della BCE Mario Draghi allora direttore generale del Tesoro, svendendo gioielli come la Nuovo Pignone, la Lebole, il polo chimico e l’IRI, quel gruppo industriale in grado di realizzare utili da capogiro che il mondo ci invidiava. Allora come oggi, gli speculatori stranieri, Goldman Sachs in testa, si giocavano le vesti dell’Italia ai dadi e la parola d’ordine è sempre la stessa: abbattere il debito pubblico creato dalla corruzione e instillare negli italiani quel senso di colpa e quel disprezzo verso se stessi che un popolo esterofilo come il nostro poteva facilmente accogliere. Ad oggi non esiste un solo caso di Stato a moneta sovrana con cambi flessibili che sia imploso per il debito pubblico e l’arma utilizzata dai finanzieri speculatori come George Soros per attaccare la nostra economia fu proprio lo SME,  e in questi giorni stiamo assistendo a una situazione analoga a quella del’92, ma certamente peggiore sotto il profilo economico, perché agli inizi degli anni’90 venivamo da 40 anni di crescita costante con un tasso medio del 4,36% di PIL, piazzandoci al primo posto in Europa. Sì, la nostra economia era leader in Europa. Francia e Germania ci guardavano con timore, perché sapevano che occorreva eliminare questo pericoloso concorrente. L’aggressione riuscì grazie anche al vuoto politico e dirigenziale innescato da Mani Pulite, che lasciò il Paese sguarnito di una classe politica certamente macchiatasi di gravi responsabilità e odiose ruberie, ma che aveva permesso all’Italia di toccare l’apice del benessere economico.
 
A distanza di anni ci sembra più facile ricordare politici del calibro di Giulio Andreotti, di Luigi Spaventa, di Aldo Moro e di Bettino Craxi che annunciò e predisse l’inferno europeo in una memorabile intervista del 1997, denunciando l’assurdità dei parametri economici di Maastricht. Per colpire l’Italia era necessario abbattere quel muro maestro rappresentato dalla classe politica della Prima Repubblica. Oggi l’Eurozona rappresenta la tomba delle costituzioni democratiche dei Paesi europei posti sotto schiaffo dalle direttive di una Commissione Europea non eletta democraticamente e  simbolo di un sistema “robotizzato”,come definito puntualmente dal Professor Guarino e che prosegue su questa linea direttrice senza guardare indietro, distruggendo tutto ciò che si frappone sul suo cammino. Nella situazione odierna la finanza ha una potenza di fuoco ancora maggiore di quella che aveva nel 1992, con Stati privi di una moneta sovrana e succubi dei mercati di capitali e con strumenti finanziari come i derivati che rappresentano bombe a orologeria innescate nel sistema che aspettano solo di detonare. Nel 2014, dopo 5 anni consecutivi di recessione economica, e un PIL che ha registrato un calo complessivo di 6 punti percentuali e con l’Eurozona che ci ha sottratto del tutto la sovranità monetaria e la leva della spesa pubblica, ci sono analogie con quell’epoca ma non avendo più alle spalle quel benessere economico che è stato il nostro scudo, e soprattutto privi di una classe politica, sostituita da figurine la cui caratteristica principale è la parlata svelta con termini anglosassoni mal pronunciati, dalle maniche di camicia arrotolate e dal tacco 12 svettante di una dilettante che cita a sproposito Fanfani. I ministri di oggi sono anonimi e privi di identità politica, sono controfigure che non rispondono al popolo italiano, ma hanno i loro referenti negli speculatori finanziari d’oltremanica e d’oltreoceano ai quali stanno svendendo il Paese e il suo patrimonio culturale,sociale e industriale, fedeli al culto dei capitalisti delocalizzatori sempre pronti a maledire lo Stato quando si mette tra i piedi e non avalla i loro piani di deflazione salariale, ma subito pronti a invocarlo per ripianare i buchi di bilancio delle loro dissennate gestioni. Le perdite, si sa, sono collettive e i profitti privati, con tanti saluti al libero mercato del Paese delle Meraviglie. Il futuro che ci attende è cupo e incerto in questi giorni di saldi dei nostri beni pubblici, ma il faro a cui dobbiamo rivolgerci è quello che ci donarono i padri costituenti nel 1948: la Costituzione e gli articoli della parte economica che prevedono un intervento diretto dello Stato per arrestare la crisi indotta dalla finanziarizzazione del sistema economico e abbandonare quella zona grigia governata dalle corporation che si sono sostituite ai governi eletti democraticamente e soffocano il libero sviluppo sociale, culturale ed economico della nazione.
 
Tratto da:http://www.lantidiplomatico.it
Un déjà vu chiamato Maastricht
Commenta il post