Overblog
Segui questo blog
Edit post Administration Create my blog
Blog della COMUNITA' IPHARRA

Non più destra, non più sinistra, non più etichette, non più finzioni nominalistiche ma attività mirate a creare le premesse culturali e politiche per una Costituente di Popolo che sia alternativa reale ed organica agli schemi partitici ed agli artifici ideologici. Momenti di lotta diretta a colpire le oligarchie di potere per le quali il " rito del voto" costituisce la legittimazione per continuare ad esercitare le loro angherie ai danni del Popolo.

Perchè hanno ucciso Gheddafi?

Pubblicato su 26 Settembre 2014 da frontediliberazionedaibanchieri in ESTERI, IPHARRA

Il risultato della dipartita del leader Africano è il caos assoluto in Libia, ormai ridotta ad una polveriera, fulcro del traffico d’armi clandestino verso ogni direzione, con l’ ISIS che conquista l’areoporto di Tripoli a 400km dalla sicilia e fonda il califfato di Bengasi, il parlamento voluto e appoggiato da Stati Uniti, Francia ed Inghilterra che scappa da Tripoli per rifugiarsi a Tobruk, e infine gli estremisti islamici che non smetteranno mai di ringraziare Usa e Ue per averli liberati dall’ unico e vero nemico del caos… dell’ impero del caos, il Rais Mu’ammar Gheddafi.

Luca Pinasco – Perchè Mu’ammar Gheddafi è stato ucciso? Forse per liberare il popolo libico dal cattivo dittatore sanguinario che uccideva la propria gente? La propaganda occidentale lo ha descritto così, come un pericolo per la pace internazionale, giustificando in tal modo il solito copione di “bombardamenti umanitari”, droni e missili contro il cattivo di turno.Vediamo di analizzare quali sono i reali motivi che hanno spinto le elites occidentali a sradicare dalla Libia e dall’ Africa intera, il sistema di Potere e di Relazioni instaurato dal Rais.

Nel 2007 Gheddafi in accordo con la maggior parte dei leader africani, finanzia e commissiona a Russia e Cina, al prezzo di 400 milioni di dollari, la costruzione e la messa in orbita di un satellite per l’Africa, di proprietà dei paesi africani, capace di coprire sia la trasmissione telefonica e televisiva, sia la diffusione di internet. Appare chiaro dunque che questa mossa spiazza le elites occidentali da almeno due punti di vista: quello economico, in quanto l’Africa è tra i più grandi mercati mondiali di telefonia mobile e frutta ai proprietari occidentali miliardi di dollari ogni anno, e quello di controllo del potere, poichè i paesi occidentali, in specie gli Stati Uniti, attraverso la propaganda televisiva riescono a mantenere al comando i loro uomini, o a destituire i loro nemici, in tutti i paesi del mondo, compresi quelli africani. Oltre che l’indipendenza dalla propaganda e dal controllo delle reti di comunicazione da parte di USA ed Europa, Gheddafi voleva ottenere l’indipendenza finanziaria del continente attraverso la costituzione di 3 istituzioni bancarie:la Banca Centrale Africana, con sede ad Abuja in Nigeria, avente lo scopo di creare una moneta indipendente, sia per gli stati ex colonia costretti ad utilizzare valute straniere, sia per la commercializzazione del petrolio da effettuarsi obbligatoriamente in dollari.Il Fondo Monetario Africano con sede in Camerun a Yaounde, con lo scopo di concedere prestiti agli stati africani a condizioni molto più convenienti di quelle del Fondo Monetario Internazionale, oltretutto facendo imbestialire le elites bancarie occidentali, non concedendo loro di partecipare finanziariamente al progetto dunque estromettendole da qualsiasi potere decisionale.

La Banca Centrale Degli Investimenti con sede in Libia, e con lo scopo di diffondere in tutta L’Africa gli stessi investimenti di modernizzazione infrastrutturale realizzati da Gheddafi in Libia.In ultimo, Mu’ammar Gheddafi voleva realizzare gli Stati Uniti d’Africa, un lungimirante progetto che mira alla costituzione di un unione politica ed economica, con lo scopo di poter utilizzare le immense risorse del continente a vantaggio dei popoli che lo abitano, riscattandoli da centinaia di anni di sfruttamento ed umiliazione.A questo punto risulta difficile credere che il popolo libico, dopo aver ricevuto istruzione, sanità gratuiti, una casa per i neo sposi , pane e benzina quasi gratuiti, dividenti dagli utili nazionali del petrolio nei conti correnti, si sia rivoltato contro il proprio leader senza le consuete devastanti manipolazioni occidentali.

Il risultato della dipartita del leader Africano è il caos assoluto in Libia, ormai ridotta ad una polveriera, fulcro del traffico d’armi clandestino verso ogni direzione, con l’ ISIS che conquista l’areoporto di Tripoli a 400km dalla sicilia e fonda il califfato di Bengasi, il parlamento voluto e appoggiato da Stati Uniti, Francia ed Inghilterra che scappa da Tripoli per rifugiarsi a Tobruk, e infine gli estremisti islamici che non smetteranno mai di ringraziare Usa e Ue per averli liberati dall’ unico e vero nemico del caos… dell’ impero del caos, il Rais Mu’ammar Gheddafi.

http://www.lintellettualedissidente.it/perche-hanno-ucciso-gheddafi/

Tratto da:http://www.cogitoergo.it

Perchè hanno ucciso Gheddafi?
Commenta il post

stefano l. 09/26/2014 20:39

... mi chiedo una cosa: sapendo contro CHI si andava a mettere, come mai Gheddafi non si è protetto dalle inevitabili ritorsioni che avrebbe subito? come mai è stato la sciato solo dagli altri leaders africani coinvolti nel suo progetto? come mai Cina e Russia stanno zitte? e, inoltre, mi risulta che volesse creare una moneta islamica basandosi sull'acquisizione di grandi riserve auree ... che fine ha fatto il progetto? è mai possibile che un fatto così importante sia stato lasciato nelle mani di un solo uomo? non sembra alquanto strano tutto ciò?

frontediliberazionedaibanchieri 09/26/2014 22:17

Non è strano. La fine di Gheddafi è iniziata con le " primavere arabe " di Tunisia ed Egitto che sono servite alle giacche blu per avere l'accordo di quei paesi, senza il quale l'aggressione alla Libia sarebbe stata di difficile attuazione