Overblog
Segui questo blog
Edit post Administration Create my blog
Blog della COMUNITA' IPHARRA

Non più destra, non più sinistra, non più etichette, non più finzioni nominalistiche ma attività mirate a creare le premesse culturali e politiche per una Costituente di Popolo che sia alternativa reale ed organica agli schemi partitici ed agli artifici ideologici. Momenti di lotta diretta a colpire le oligarchie di potere per le quali il " rito del voto" costituisce la legittimazione per continuare ad esercitare le loro angherie ai danni del Popolo.

Marco Rizzo e l'invasione immigrati pianificata

Pubblicato su 9 Settembre 2014 da frontediliberazionedaibanchieri in POLITICA

Commenta il post

stefano l. 09/09/2014 23:36

..condivido, il problema è che per favorire gli interessi dello SFRUTTAMENTO degli schiavi africani e con l'intento di annichilire i lavoratori europei e metterli in concorrenza con i primi, si sta importando massicciamente un problema sociale di convivenza che esploderà con risvolti INCONTROLLABILI mettendo in crisi i sistemi di polizia fino al punto che si tornerà a forme di guerra civile, caccia al nero, regimi stile Messico e una società europea regredita a paese latino-americano con povertà, droga, prostituzione e rapine e omicidi: questo NON VIENE FERMATO IN MODO COMPLICE dagli attuali governi europei con opportune politiche di intervento sociale in Africa, di aiuti veri ecc.: questo sporco gioco delle guerre in Africa sobillate dagli USA ( e da noi) per vendere armi è un gioco al massacro delle nostre economie e della democrazia ecco perché il gioco va smascherato, reso pubblico e denunciato apertamente: gli europei sono un numero sufficiente per opporsi a questo destino disegnato (malamente) a tavolino ... da gente senza scrupoli che bisognerebbe appendere a marcire a testa in giù davanti alle coste africane come monito ai vari "signori" della guerra ...

frontediliberazionedaibanchieri 09/10/2014 12:14

Sopratutto si dovrebbe far smettere alle multinazionali la predazione delle materie prime africane e lasciarle in mano alle popolazioni locali