Overblog
Segui questo blog
Edit post Administration Create my blog
Blog della COMUNITA' IPHARRA

Non più destra, non più sinistra, non più etichette, non più finzioni nominalistiche ma attività mirate a creare le premesse culturali e politiche per una Costituente di Popolo che sia alternativa reale ed organica agli schemi partitici ed agli artifici ideologici. Momenti di lotta diretta a colpire le oligarchie di potere per le quali il " rito del voto" costituisce la legittimazione per continuare ad esercitare le loro angherie ai danni del Popolo.

Le élites del mondo vogliono che gli esseri umani muoiano presto

Pubblicato su 28 Settembre 2014 da frontediliberazionedaibanchieri in IPHARRA

Credono che la sovrappopolazione sia una piaga sulla terra e la principale causa dei problemi

Le persone più potenti al mondo, e i loro più diretti servitori, sono convinte che la sovrappopolazione sia la causa principale dei problemi della terra.  Alcuni di loro hanno fatto dichiarazioni pubbliche che non lasciano dubbi sul proprio credo:  gli esseri umani sono una piaga sulla terra. Così per sconfiggerla offrono i modi per combatterla.
 
Qui riportiamo alcune delle citazioni più controverse dei leader dei diversi paesi, nelle quali si promuovono idee sul da farsi per affrontare la sovrappopolazione. Eccone alcune:
 
L’ex consulente alla Salute del presidente Barack Obama e uno dei costruttori del progetto Obamacare, Ezekiel Emanuel: 
"La società sarebbero migliori se la gente non vivesse più di 75 anni." "È inutile sprecare risorse mediche su coloro che non possono avere un’elevata qualità della vita."
 
L’ex consulente scientifico di Obama, John P. Holdren:
"Un programma di sterilizzazione delle donne dopo il secondo o terzo figlio, anche se si tratta di un’operazione più difficile della vasectomia, potrebbe essere più facile da implementare che cercare di sterilizzare gli uomini." 


 
L’ex consulente scientifico del presidente George W. Bush, Paul Ehrlich: 
 "La soluzione fondamentale è quello di ridurre la scala delle attività umane, incluse le dimensioni della popolazione, mantenendo la loro capacità di consumare le risorse nella capacità di carico che ha la terra".  "Nessuno, a mio parere, ha il diritto di avere 12 figli, o anche tre, a meno che la seconda gravidanza non sia di due gemelli". 
 
La consigliera di Hillary Clinton, Nina Fedoroff: 
"Dobbiamo continuare a diminuire il tasso di crescita della popolazione mondiale. Il pianeta non può sostenere molte più persone". 
 
Il marito della regina Elisabetta II e co-fondatore del World Wildlife Fund, il principe Filippo di Edimburgo:  
"Se potessi reincarnarmi, mi piacerebbe tornare come un virus mortale, per contribuire a risolvere la sovrappopolazione". 
 
Il ministro del Giappone, Taro Aso, parlando di pazienti affetti da gravi malattie, ha detto: "Non puoi dormire bene quando pensi che tutto è pagato dal governo. Questo non si risolverà a meno che non si acceleri la loro morte".

Tratto da:http://www.lantidiplomatico.it
Le élites del mondo vogliono che gli esseri umani muoiano presto
Commenta il post

annapaola 09/30/2014 09:33

la sensazione di rappresentare la voce "fuori dal coro" , anche se come coro non mi sembra numeroso, non mi entusiasma. Detto questo, aggiungo che io da sempre , sostengo che in ogni realtà sia indispensabile la selezione naturale, è una cosa che appartiene alla natura, purtroppo o per fortuna. Oggi questa non esiste più, ne conosciamo bene i motivi e questi non mi risultano essere proprio motivi "etici". Ora io, con questa premessa non voglio sostenere certo certi tipi di "soluzioni finali", ma vorrei solo invitare ad una riflessione. Non voglio parlare di umani, non me la sento, ma posso parlare di animali ai quali vengono "imposte vite" che non possono essere definite tali.....cani e gatti con il pannolone perchè non controllano più minzione e evacuazione, cani e gatti con carrellini anteriori o posteriori per mancanza di zampe, piccioni con una sola ala costretti a zampettare e tentare svolazzi grotteschi..potrei raccontarne a centinaia....Quando si fermerà questa forma di...... non so come definire questo rifiuto della morte... la proiezione "naturale dell'uomo" verso l'immortalità? Siamo TUTTI coscienti che l'uomo non è destinato a questo.....ora, sono tante le ragioni per le quali "averla a morte" con questi signori, ma a me e magari solo a me, questo non sembra il motivo più importante. Da notare che io tra non molto, se non adesso, potrei cadere nel loro"mirino"...

Daniele Gentilini 09/30/2014 12:01

La natura si evolve continuamente, ogni suo elemento ha una funzione ben definita e contribuisce a mantenerne l'equilibrio. Il progresso spinto all'eccesso per desiderio di guadagno e di potere sta stravolgendo questo equilibrio e mette a repentaglio la vita del nostro pianeta. I quesiti che pongo a me stesso e a Voi sono questi:
- Ha senso tutto quello che stiamo facendo, progresso esasperato, ricerca dell' eterna giovinezza, lotta alle malattie soprattutto per fini commerciali, anziché azioni forti di prevenzione, ecc..? - A cosa serve accumulare ricchezza che poi quando la vita finisce finiamo in polvere e non la possiamo più utilizzare, se la godono o la sperperano chi resta? - Qual'è il senso della vita dell'uomo sulla terra se non quello di preservare il pianeta su cui vive, vivere in pace con i suoi simili, ovvero creare il paradiso terrestre che si è giocato nella notte dei tempi? Io penso che occorra una profonda riflessione sul nostro modo di vivere e iniziare a prospettare scenari di vita e di sviluppo della società più rispettosi della persona umana e dell'ambiente in cui viviamo. Grazie a tutti per l'attenzione.

stefano l. 09/29/2014 21:11

... segnalo un articolo del Sole 24 ore: "Hedge, l'avvoltoio Singer che punta sui default sovrani" su Finanza e mercati. Allora chiediamoci, se oggi un solo uomo può speculare sui disastri di intere nazioni in questo modo e non c'è sistema di fermare questi "giochi", allora il destino umano viene gestito effettivamente da pochi "pazzi" che si possono permettere di ricavare denaro in un modo malato, che non porta l'economia in avanti ma cresce in rapporto a quanto l'altro decresce. Questa finanza non è etica e non è umana. Allora la possiamo anche considerare "aliena", nel senso di estranea all'umanità e al progresso e a tutti i valori nei quali si possa costruire qualcosa che ci riguarda tutti in quanto esseri umani...

Daniele Gentilini 09/29/2014 09:59

L'egoismo dei pochi, la sete di potere, l'esasperazione del progresso tecnologico senza alcun senso, se non l'arricchimento di alcuni a discapito dei molti, ci porterà alla distruzione, non è un problema di alieni. La terra e la sua popolazione hanno vissuto esperienze e situazioni tragiche sia per eventi naturali che creati direttamente dall'uomo con le guerre e altro, ma in un modo o nell'altro si è salvata e si salverà ancora. Certo, se non si inizia a diffondere un modello di sviluppo basato sulla difesa della persona e dell'ambiente, indirizzando le risorse verso la tutela del nostro pianeta e del vivere civile, sarà dura salvaguardarne l'equilibrio necessario per consentire un futuro sereno alle popolazioni. Occorre eliminare il consumismo sfrenato che non serve a nulla, solo ad arricchire pochi e incentivare la condivisione delle risorse, dei beni e dei servizi, altrimenti, dei periodi bui l'umanità ne dovrà vivere ancora. Le risorse del pianeta, se ben gestite ed utilizzate, permettono di sostenere una popolazione anche doppia di quella attuale, perché la stragrande maggioranza di esse si rigenerano continuamente, il problema è il loro utilizzo e sfruttamento dissennato e senza senso che le rende limitate.

stefano l. 09/28/2014 14:34

... se è vero che questi "meravigliosi" pensieri sono ispirati da alieni che desiderano sterminarci, credo che queste elìtes avranno una "bella" sorpresa quando ... una volta eliminata gran parte della popolazione mondiale, loro stessi si accorgeranno di essere diventati un facile bocconcino per questi predatori spaziali ... comunque l'umanità è stata salvata altre volte nella sua storia, evidentemente chi ci vuol male non è poi così forte come crede di essere, anche perché in fondo siamo noi a dargli questo potere ...