Overblog Segui questo blog
Edit post Administration Create my blog
Blog della COMUNITA' IPHARRA

Non più destra, non più sinistra, non più etichette, non più finzioni nominalistiche ma attività mirate a creare le premesse culturali e politiche per una Costituente di Popolo che sia alternativa reale ed organica agli schemi partitici ed agli artifici ideologici. Momenti di lotta diretta a colpire le oligarchie di potere per le quali il " rito del voto" costituisce la legittimazione per continuare ad esercitare le loro angherie ai danni del Popolo.

L’Argentina revoca l’autorizzazione al Banco di New York di operare nel Paese

Pubblicato su 28 Agosto 2014 da frontediliberazionedaibanchieri in ECONOMIA, ESTERI

Secondo una comunicazione della stampa locale, la banca centrale argentina (BCRA) ha ordinato, in relazione alla disputa in corso con i cosiddetti fondi avvoltoio, di revocare l’autorizzazione della banca Bank of New York-Mellon (BoNY) grazie alla quale l’entità finanziaria opera nel Paese.

 

Il capo di gabinetto Jorge Capitanich anuncia che la rappresenzanza del BONY in Argentina è stata chiusa aggiungendo che la misura è stata presa tramite la Sovrintendenza delle Entità Finanziarie e Cambiarie della BCRA.

Secondo la risoluzione il BONY “non ha registrato operazioni attive, né sono in corso operazioni attive attuali dal tempo della chiusura dei conti nel dicembre 2012.” E che la entità “è l’unica che non partecipa al finanziamento di entità residenti nel paese dal gennaio 2013 fino ad oggi.”

La comunicazione intorno alla misura presa vuole evidenziare altresì “che non è stato ottemperato l’obbiettivo operazionale che devono raggiungere le entità finanziarie straniere che operano in Argentina, cioè quello di offrire garanzie o finanziamenti a favore dei residenti in Argentina. Cosa che è l’aspetto più rilevante della concessione operativa che ricevono dallo stato Argentino.”

D’altra parte Capitanich ha risaltato le domande di inadempimento contro il Bank of New York-Mellon iniziate dal finanziere ungano-americano George Soros e dal titolare e dal titolare del fondo di copertura Hayman Capitale, Kyle Bass, ai quali l’entità newyorkese deve 226 milioni di euro, corrispondenti all’ultima scadenza di interessi dei titoli. Il denaro è bloccato per un’ordine del giudice statunitense Thomas Griesa, in favore del richiamo del fondi avvoltoio nella lite contro l’Argentina.

Traduzione e adattamento di Thorwald Eiriksson

Fonte: RT

Tratto da:http://www.statopotenza.eu

L’Argentina revoca l’autorizzazione al Banco di New York di operare nel Paese
Commenta il post