Overblog
Segui questo blog
Edit post Administration Create my blog
Blog della COMUNITA' IPHARRA

Non più destra, non più sinistra, non più etichette, non più finzioni nominalistiche ma attività mirate a creare le premesse culturali e politiche per una Costituente di Popolo che sia alternativa reale ed organica agli schemi partitici ed agli artifici ideologici. Momenti di lotta diretta a colpire le oligarchie di potere per le quali il " rito del voto" costituisce la legittimazione per continuare ad esercitare le loro angherie ai danni del Popolo.

Italia Verso la Bancarotta

Pubblicato su 15 Agosto 2014 da frontediliberazionedaibanchieri in ECONOMIA

Ohhh e dovremmo essere vicini al TOP del debito pubblico per il

2014, 0vvero 2168,4

miliardi, diciamo che a Novembre si dovrebbe chiudere con un

limite di 2175 mld a occhio.

In realtà però l’aumento del debito è largamente dovuto alle

disponibilità liquide in mano

al Tesoro che raggiungono la cifra record di 105,273 miliardi di

euro, con un aumento di ben 13 miliardi di euro in un solo mese.

E arrivando ad un livello mai toccato nella storia Italiana (mai

neppure vagheggiato).

Sul perché di tanto cash impilato, spazio alla fantasia:

  • Approfittare di tassi troppo bassi per ricomprarsi debito a
  • prezzi più bassi (tassi più alti)
  • Assicurarsi contro un periodo di chock ovvero di aumento
  • dei tassi
  • Preparare la strada per un default o un ritorno alla lira
  • (e perché no? Io farei cosi come fase preliminare, visto che
  • tanti idioti ci prestano denaro a costo zero)

Ma la buona notizia è che Laffer sta facendo il suo porco lavoro, e

finalmente il complesso delle entrate fiscali cala, e secondo

Banca d’Italia la tendenza dovrebbe accentuarsi. 

Nei primi 6 mesi dell’anno siamo ad un calo delle entrate dello

0.7%, tanto per incominciare.

Ehi… ma ne avete di popcorn?

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

dal Sole 24 Ore

Il debito delle Amministrazioni pubbliche è salito a giugno di

2,1 miliardi di euro, raggiungendo un nuovo massimo storico

a 2.168,4 miliardi. Lo comunica Bankitalia nel supplemento al

Bollettino Statistico «Finanza pubblica, fabbisogno e debito».

Debito pubblico in umento di 2,1 miliardi a giugno 
L’incremento di 13 miliardi delle disponibilità liquide del

Tesoro (pari a fine giugno a 105,3 miliardi; 76,3 a giugno 2013

), spiega via Nazionale, ha più che compensato l’avanzo di

10,3 miliardi delle Amministrazioni pubbliche. L’emissione di

titoli sopra la pari, l’apprezzamento dell’euro e gli effetti della

rivalutazione dei Btp indicizzati all’inflazione (Btpi) hanno

contenuto l’incremento del debito per 0,6 miliardi.

Nei primi 6 mesi +100 miliardi debito pubblico


Con riferimento alla ripartizione per sottosettori, il debito delle

Amministrazioni centrali è aumentato di 5,6 miliardi, quello

delle Amministrazioni locali è diminuito di 3,6 miliardi; il

debito degli Enti di previdenza è rimasto sostanzialmente

invariato. 

Nei primi sei mesi il debito pubblico è aumentato di 99,1

miliardi, riflettendo il fabbisogno delle Amministrazioni

pubbliche (36,2 miliardi) e l’aumento delle disponibilità liquide

del Tesoro (67,6 miliardi).

Giù entate tributarie a giugno: -7,7%. In sei mesi entrate

a -0,7%
Le entrate tributarie contabilizzate nel bilancio dello Stato sono

state pari in giugno a 42,7 miliardi, in diminuzione del 7,7 per

cento (3,5 miliardi) rispetto allo stesso mese del 2013.

 E’ quanto si legge nel Supplemento al Bollettino statistico

della Banca d’Italia, secondo cui nei primi sei mesi dell’anno

le entrate sono diminuite dello 0,7 per cento (1,3 miliardi).

«Tenendo conto di una disomogeneità nella 

contabilizzazione di alcuni incassi», avverte però via

Nazionale, «la riduzione delle entrate tributarie sarebbe

stata più pronunciata».

Fonte: rischiocalcolato.it

Tratto da:http://www.ecplanet.com
Italia Verso la Bancarotta
Commenta il post