Overblog
Segui questo blog
Edit post Administration Create my blog
Blog della COMUNITA' IPHARRA

Non più destra, non più sinistra, non più etichette, non più finzioni nominalistiche ma attività mirate a creare le premesse culturali e politiche per una Costituente di Popolo che sia alternativa reale ed organica agli schemi partitici ed agli artifici ideologici. Momenti di lotta diretta a colpire le oligarchie di potere per le quali il " rito del voto" costituisce la legittimazione per continuare ad esercitare le loro angherie ai danni del Popolo.

TROPPO FACILE GRIDARE " AL LUPO, AL LUPO" QUANDO SI E' STATI COMPLICI

Pubblicato su 19 Luglio 2014 da frontediliberazionedaibanchieri in POLITICA

Servono 6 kg di pesche italiane per pagare un caffé, 20 kg per un bitter, 49 kg per comprare una crema abbronzante. La Coldiretti Piemonte si indigna per una situazione che, indubbiamente, appare insostenibile. Mentre la grande distribuzione importa pesche dal mondo, senza qualità e senza tutele. Tutto vero, tutto giusto. Già, ma dov'era la Coldiretti in questi anni? Dov'era la più grande organizzazione agricola italiana quando i nostri ministri dell'Agricoltura facevano danni a Bruxelles, accettando i diktat che distruggevano l'agricoltura italiana? Dov'era la Coldiretti quando le grandi catene straniere della distribuzione si compravano supermercati, ipermercati, catene italiane? Troppo impegnati a stringere le mani dei ministri e degli assessori per aver tempo di prendere a schiaffi i responsabili del disastro. E l'alternativa qual è stata? Qualche mercato contadino piazzato, saltuariamente, in alcune grandi città. Ma a prezzi alineati con quelli dei negozi, della grande distribuzione. Perché i prezzi dei prodotti agricoli sono bassissimi, vergognosamente bassi, nei campi. I mediatori e la grande distribuzione pagano poco e male: tutto vero. Ma quando sono i contadini e gli allevatori a portare i loro prodotti in città, i prezzi si allineano verso l'alto, anche se la filiera si accorcia tanto da annullarsi, anche se non ci sono più intermediari o ricatti delle grandi catene. E la truffa dei km zero? Si annunciano mercati del territorio e ci si ritrova con prodotti calabresi in Piemonte e trentini in Puglia. Per non parlare dei gruppi d'acquisto di prodotti delle campagne. La distribuzione in città viene fatta come se si trattasse di merce rubata o di spaccio di droga, in ore serali, di nascosto. E questa dovrebbe essere l'alternativa al commercio dei grandi gruppi internazionali? Mancano strategie, mancano investimenti, manca la comunicazione. Non si può risolvere tutto con qualche piagnisteo periodico e poi tutti a pranzo con il ministro di turno o con l'assessore locale. Non ci si può eccitare per un'intervista a Mela Verde o in qualche altra trasmissione televisiva, ignorando che i problemi del settore rimangono anche se il presidente locale dell'associazione ha fatto "ciao" con la manina in tv. Non ci si può illudere che il Salone del Gusto o l'Expo di Milano sul cibo risolvano problemi strutturali che stanno distruggendo, scientificamente, il settore primario italiano. E se un tubetto di crema abbronzante costa come 49 kg di pesche, forse è perché i produttori della crema hanno avuto il coraggio e l'intelligenza di investire in marketing ed in comunicazione. Mentre i produttori di pesche stringevano le mani all'assessore.
Pubblicato da ala gra a 09:43 AUGUSTO GRANDI

TROPPO FACILE GRIDARE " AL LUPO, AL LUPO" QUANDO SI E' STATI COMPLICI
Commenta il post

annapaola 07/21/2014 17:20

bè io questo signore, grazie alla mia ignoranza, è la prima volta che lo leggo, ma mi piace un casino...sempre dal mio punto di vista, questo pezzo non fa una piega, dirò di più, nel mio paesello abbiamo un'edicola, i proprietari hanno un agriturismo....,che vende prodotti della terra, sostengono la loro terra, dove i prodotti costano un buon 10% più del piccolo super mercato del paese....spiegatemi il senso di questo.....

elegantissimo 07/21/2014 11:44

Basterebbe leggersi attentamente la relazione introduttiva della Commissione europea a proposito della PAC 2014-2020 di novembre 2011 a cui fa seguito 6 regolamenti attuativi per un totale di 887 pagine e capire di cosa parliamo e con chi abbiamo a che fare. Criminali è dire poca cosa in confronto a quanto ci costerà ancora in termini di occupazione e di economia reale sul versante dei redditi alle aziende agricole. La Commissione mette in guardia dopo la crisi del 2007 che perdurerà chissà per quanto ancora, a difendersi e riguardarsi dai paesi del MERCOSUR(Brasile, Argentina, Cile, Perù, Colomnbia, Costarica, Venezuele, Uruguay,... che da soli fanno il 50% del mercato agricolo mondiale) atteso l'ulteriore riduzione dei dazi doganali e l'abbatiment delle dogane in virtù del principio della globalizzazione. E noi come ci difendiamo!? La politica deve necessariamente andare a gente che ha i coglioni quadrati nell'agricoltura, disconoscere le associazioni dei produttori(CIA,Coldiretti, e Confagricoltura) tant'è che non assolvono al loro statuto nel senso della trasparenza delle operazioni e del controllo degli associaci nei confronti degli organismi interni. Basti pensare chi abbiamo come ministro un bravo ragazzo che ha fatto carriera nel partito dei PiDocchi, ex DS, ex PCI attaccando manifesti. Come il ns assessore all'agricoltura: un muratore prestato al settore primario più importante che si interconnette con gli altri dell aproduzione, trasformazioe, servizi, commercio, ricerca e d innovazione. A mamma in quali mani siamo finiti, scusate mi stanno rivoltando i coglioni solo a leggere uno dei regolamenti della PAC 2014-2020 solo per leggerlo è necessario un esercito di specialisti di burocrati. A kitt e murt i stramurt!! Claudio scusami , amichevolmente, se sul Vs Blogg eccezzionale per la qualità degli interventi e delle notizie, mi permetto questi mezzi termini. Non nè posso più, stò aggredendo verbalmente nelle riunioni ufficiali ed istituzionali stè mezze calzette di dirigenti locali, regionali e nazionali nonchè europei dei miei coglioni.

frontediliberazionedaibanchieri 07/21/2014 19:08

Bravissimi

elegantissimo 07/21/2014 12:20

Claudio, non mi arrendo, giovedì p.v. viene in città un dirigente dell'Ufficio regionale repressione frodi, ad illustrare le modalità di compilazione del DO:C.O. e le relative sanzioni secondo il reg. 1234/07 abrogato dal reg. 1308/13 (nuova PAC). Ho preavvertito un migliaio di agricoltori lo faremo scappare allucinato non gli daremo tempo di fare il suo intervento, deve e devono capire con chi hanno a che fare!!!

frontediliberazionedaibanchieri 07/21/2014 12:15

Non ti preoccupare. Di fronte a questa genia di criminali i termini non sono mai abbastanza duri. Ma questo articolo, ancora una volta, dimostra che la colpa non è dei tedeschi - che si fanno. giustamente, gli affari di casa loro - ma dei politici italiani che hanno firmato i trattati europei e di tutte quelle associazioni " sindacali " ( sic! ) che hanno avallato quelle scelte. Mi sto convincendo che per questa nostra povera nazione non c'è più niente da fare: hanno distrutto il tessuto produttivo e stanno terminando l'opera.

Tiziano A. BEDONI 07/20/2014 15:36

Dobbiamo avere nomi e cognomi di queste CANAGLIE che quando avevano l'incarico di MINISTRO della REPUBBLICA hanno tradito il NOSTRO PAESE: LI DOBBIAMO IMPICCARE NELLE PUBBLICHE PIAZZE QUANDO VERRÀ IL MOMENTO. Insieme all'alto tradimento questi BASTARDI SI SONO VENDUTI PER QUALCHE MANCIATA DI MILIONI DI EURO DA POTER SPENDERE CON I LORO VIZIOSI MARCHETTARI E PUTTANE TUTTE LE RICCHEZZE DEL NOSTRO PAESE: ultimamente i bastardi TEDESCHI ci stavano provando con la nostra FERRARI ; ma Marchionne, in uno dei suoi rarissimi momenti di sobrietà e di orgoglio PATRIOTTICO aveva rimarcato, con voce ferma e che non si poteva prestare ad equivoci che: "LA FERRARI È FUORI DISCUSSIONE, NON È MAI STATA IN VENDITA NE È PENSABILE LO POSSA ESSERE IN FUTURO !!!" Immediatamente era salito quel malefico artificio che tutti noi meglio conosciamo come SPREAD! Una delle invenzioni delle canaglie giudaiche del Bilderberg in accordo con i banditi tedeschi! Ma che stiamo a fare in questa unione europea dove siam circondati solo da nemici che ci hanno mosso una guerra che chiesa quando avrà fine! Ma questi contemporanei italioti di merda non hanno uno scatto d'orgoglio per ribellarsi a questa ingerenza e dar l'assalto finale a queste nostre istituzioni occupate da quinte colonne nemiche? Li dobbiamo impiccare tutti......Non tutti a casa come dice il buffone di Genova ma tutti al patibolo......CONGIUNTI E FAMILIARI, E LORO AMICI INCLUSI; SENZA PIETÀ NE MISERICORDIA!!!

Tiziano A. BEDONI 07/20/2014 15:36

Dobbiamo avere nomi e cognomi di queste CANAGLIE che quando avevano l'incarico di MINISTRO della REPUBBLICA hanno tradito il NOSTRO PAESE: LI DOBBIAMO IMPICCARE NELLE PUBBLICHE PIAZZE QUANDO VERRÀ IL MOMENTO. Insieme all'alto tradimento questi BASTARDI SI SONO VENDUTI PER QUALCHE MANCIATA DI MILIONI DI EURO DA POTER SPENDERE CON I LORO VIZIOSI MARCHETTARI E PUTTANE TUTTE LE RICCHEZZE DEL NOSTRO PAESE: ultimamente i bastardi TEDESCHI ci stavano provando con la nostra FERRARI ; ma Marchionne, in uno dei suoi rarissimi momenti di sobrietà e di orgoglio PATRIOTTICO aveva rimarcato, con voce ferma e che non si poteva prestare ad equivoci che: "LA FERRARI È FUORI DISCUSSIONE, NON È MAI STATA IN VENDITA NE È PENSABILE LO POSSA ESSERE IN FUTURO !!!" Immediatamente era salito quel malefico artificio che tutti noi meglio conosciamo come SPREAD! Una delle invenzioni delle canaglie giudaiche del Bilderberg in accordo con i banditi tedeschi! Ma che stiamo a fare in questa unione europea dove siam circondati solo da nemici che ci hanno mosso una guerra che chiesa quando avrà fine! Ma questi contemporanei italioti di merda non hanno uno scatto d'orgoglio per ribellarsi a questa ingerenza e dar l'assalto finale a queste nostre istituzioni occupate da quinte colonne nemiche? Li dobbiamo impiccare tutti......Non tutti a casa come dice il buffone di Genova ma tutti al patibolo......CONGIUNTI E FAMILIARI, E LORO AMICI INCLUSI; SENZA PIETÀ NE MISERICORDIA!!!

Tiziano A. BEDONI 07/20/2014 15:36

Dobbiamo avere nomi e cognomi di queste CANAGLIE che quando avevano l'incarico di MINISTRO della REPUBBLICA hanno tradito il NOSTRO PAESE: LI DOBBIAMO IMPICCARE NELLE PUBBLICHE PIAZZE QUANDO VERRÀ IL MOMENTO. Insieme all'alto tradimento questi BASTARDI SI SONO VENDUTI PER QUALCHE MANCIATA DI MILIONI DI EURO DA POTER SPENDERE CON I LORO VIZIOSI MARCHETTARI E PUTTANE TUTTE LE RICCHEZZE DEL NOSTRO PAESE: ultimamente i bastardi TEDESCHI ci stavano provando con la nostra FERRARI ; ma Marchionne, in uno dei suoi rarissimi momenti di sobrietà e di orgoglio PATRIOTTICO aveva rimarcato, con voce ferma e che non si poteva prestare ad equivoci che: "LA FERRARI È FUORI DISCUSSIONE, NON È MAI STATA IN VENDITA NE È PENSABILE LO POSSA ESSERE IN FUTURO !!!" Immediatamente era salito quel malefico artificio che tutti noi meglio conosciamo come SPREAD! Una delle invenzioni delle canaglie giudaiche del Bilderberg in accordo con i banditi tedeschi! Ma che stiamo a fare in questa unione europea dove siam circondati solo da nemici che ci hanno mosso una guerra che chiesa quando avrà fine! Ma questi contemporanei italioti di merda non hanno uno scatto d'orgoglio per ribellarsi a questa ingerenza e dar l'assalto finale a queste nostre istituzioni occupate da quinte colonne nemiche? Li dobbiamo impiccare tutti......Non tutti a casa come dice il buffone di Genova ma tutti al patibolo......CONGIUNTI E FAMILIARI, E LORO AMICI INCLUSI; SENZA PIETÀ NE MISERICORDIA!!!