Overblog
Segui questo blog
Edit post Administration Create my blog
Blog della COMUNITA' IPHARRA

Non più destra, non più sinistra, non più etichette, non più finzioni nominalistiche ma attività mirate a creare le premesse culturali e politiche per una Costituente di Popolo che sia alternativa reale ed organica agli schemi partitici ed agli artifici ideologici. Momenti di lotta diretta a colpire le oligarchie di potere per le quali il " rito del voto" costituisce la legittimazione per continuare ad esercitare le loro angherie ai danni del Popolo.

La Fed si prepara allo scoppio “controllato” di una gigantesca bolla finanziaria

Pubblicato su 10 Luglio 2014 da frontediliberazionedaibanchieri in ECONOMIA

Un report della Banca per i Regolamenti Internazionali invita la Fed

a fare scoppiare la bolla ora

Come la maggior parte degli osservatori della Fed sanno, la scorsa settimana il governatore della Federal Reserve, Janet Yellen, intervenendo al FMI, ha dichiarato qualcosa di molto sorprendente.  In poche parole, ha detto che "Non è compito della Fed far scoppiare le bolle". In realtà, si legge su NotQuant, la Fed potrebbe essere in procinto di fare esattamente quello che ha detto che non avrebbe fatto.
 
Nella relazione annuale recentemente rilasciata dalla BRI: la Banca dei Regolamenti Internazionali (comunemente intesa come "la banca centrale delle banche centrali" ) ha fatto una raccomandazione piuttosto inquietante alle banche aderenti: “fate scoppiare questa bolla adesso”. Il loro linguaggio non era così diretto, ma il messaggio era chiaro.
 
“Non va sottostimato il rischio di una normalizzazione troppo tardiva e troppo graduale.  ... Vi sono incentivi molto forti e fin troppo naturali che spingono in quella direzione..
 
"La strada da percorrere potrebbe essere lunga. A maggior ragione, quindi, occorre iniziare il viaggio il più presto possibile. "
 
Ci sono un paio di cose interessanti da notare su questa raccomandazione. Innanzitutto, per chi pensa che il concetto di crollo intenzionalmente causato del  mercato azionario sia roba da teorici della cospirazione, tale nozione è ormai morta e sepolta. E' estremamente chiaro dal linguaggio della BRI che il concetto di avviare un collasso viene apertamente discussa come una misura politica.  
 
Un'altra cosa affascinante è che pochi giorni dopo il rapporto della BRI, Janet Yellen sembrava contrastare la BRI nel suo intervento al FMI :
 
"A questo punto, dovrebbe essere chiaro che penso che gli sforzi per costruire la resilienza del sistema finanziario sono fondamentali per ridurre al minimo il rischio di instabilità finanziaria e i potenziali danni . Questo focus sulla resilienza si differenzia da gran parte della discussione pubblica che spesso riguarda se qualche particolare asset sta vivendo una 'bolla' e se i politici dovrebbero tentare di far scoppiare la bolla. Poiché un sistema finanziario resiliente è in grado di sopportare gli sviluppi imprevisti, l'identificazione di bolle è meno critica. "
 
Quello che la Yellen sembrava dire - molto probabilmente in risposta alle raccomandazioni della BRI - è che non è compito della Fed far scoppiare le bolle, né vede un motivo per intervenire nel loro sviluppo.
 
Quindi, per riassumere: La BRI ha raccomandato pubblicamente di far scoppiare la bolla ora ... e la Yellen ha risposto di no .
 
Allora, cosa sta succedendo?
 
Si potrebbe concludere che la BRI stia giocando da falco e la Fed da colomba. E questa potrebbe essere un’interpretazione.
 
Ma c'è un altro pezzo del puzzle, la Yellen ha apertamente dichiarato che non avrebbe offerto una chiara guida al mercato. L'età della Fed- glastnost sta apparentemente volgendo al termine.
 
NotQuant presenta allora un'altra possibilità: La Yellen sta per orchestrare un crollo controllato.   O, almeno quello che ci auguriamo sia controllato.
 
Ci sono alcune considerazioni politiche da fare: la Fed, che è stata oggetto di critiche in passato per la palese manipolazione del mercato, ma che è anche profondamente preoccupata per la percezione del mercato,semplicemente non può permettersi di essere percepita come la causa del crollo del mercato. Essere vista come l'istigatrice di un incidente potrebbe arrecare un danno irreparabile all'istituzione.
 
Una cosa è certa, a questo punto: un incidente deliberatamente orchestrato è la diretta raccomandazione della BRI, contenuta nella sua relazione annuale. Che questa azione esista come una misura politica potenziale è ormai confermato.
 
La domanda che rimane è: Può la Federal Reserve perseguire una tale misura politica apertamente, o agirà dietro i veli che hanno celato la maggior parte delle politiche emanate in passato?
 
Riconsiderando il discorso della Yellen al FMI,  NotQuant si dice meno certo che la Fed sia disposta a intervenire come il suo governatore vorrebbe farci credere. 
Tratto da;http://www.lantidiplomatico.it
La Fed si prepara allo scoppio “controllato” di una gigantesca bolla finanziaria
Commenta il post