Overblog
Segui questo blog
Edit post Administration Create my blog
Blog della COMUNITA' IPHARRA

Non più destra, non più sinistra, non più etichette, non più finzioni nominalistiche ma attività mirate a creare le premesse culturali e politiche per una Costituente di Popolo che sia alternativa reale ed organica agli schemi partitici ed agli artifici ideologici. Momenti di lotta diretta a colpire le oligarchie di potere per le quali il " rito del voto" costituisce la legittimazione per continuare ad esercitare le loro angherie ai danni del Popolo.

Israele invade Gaza. È guerriglia nelle strade

Pubblicato su 18 Luglio 2014 da frontediliberazionedaibanchieri in ESTERI

Gaza, 18 lug – L’esercito israeliano che da giorni era ammassato al confine della striscia di Gaza ha ricevuto alle ore 21.23 di ieri l’ordine dal leader Benjamin Netanyahu di invadere l’enclave palestinese.

La linea di confine concordata dopo l’armistizio del 1950 che avrebbe dovuto garantire alla popolazione palestinese della Striscia uno spazio di autogoverno e indipendenza, ma che di fatto, l’ha rinchiusa in una sorta di “riserva indiana”, è stata invasa dalle truppe di terra dello Tzahal coadiuvate da un fitto bombardamento dal mare e dai raid degli elicotteri israeliani. “L’operazione margine protettivo è entrata in una nuova fase”, come annunciano i portavoce militari israeliani. Il teatro delle operazioni è per ora concentrato nell’area nord della striscia ma le autorità palestinesi denunciano numerose esplosioni su tutto il territorio.

Carri armati israeliani e truppe di fanteria rastrellano le strade e già si contano i primi morti e feriti, ci sarebbe un morto tra le fila israeliane secondo fonti militari di Tel Aviv, più di 200 feriti e 26 morti tra i palestinesi tra cui un neonato di cinque mesi che aumenta drammaticamente il conto dei bambini rimasti uccisi dalle operazioni delle forze israeliane.

L’attacco è massiccio, sono stati richiamati alle armi circa 18.000 riservisti in Israele e si pensa che l’obbiettivo strategico sia quello di tagliare in due la striscia per dividere il nord, dove vivono più di 100mila persone, dal sud, creando di fatto una sacca da cui non c’è possibilità di fuga. Secondo il portavoce militare israeliano, l’operazione si svolge senza risparmio di mezzi: fanteria, carri armati, artiglieria, ingegneri e intelligence sul campo sono fra le forze entrate a Gaza. A loro sostegno – ha aggiunto il portavoce – forze aree, navali e altre unità di sicurezza. L’obiettivo dichiarato dall’esercito israeliano sarebbe, quello di colpire i tunnel palestinesi usati da Hamas per infiltrarsi in Israele e colpire le infrastrutture che permettono i lanci dei razzi Quassam e non rovesciare la fazione islamica al potere nella striscia ( Hamas n.d.r.).

“Aspettavamo con ansia questa operazione di terra per impartire una lezione” agli israeliani, ha tuonato un portavoce delle Brigate Ezzedin al-Qassam, braccio militare di Hamas che viene accusata dal governo di Israele di aver fatto naufragare il piano egiziano per un cessate il fuoco.guerra-gaza

Il leader della comunità ebraica romana Riccardo Pacifici afferma che “C’è bisogno di estirpare il male di Hamas” e rivolge una preghiera per i soldati israeliani impegnati nell’ invasione.

“Non ci può essere una soluzione militare a questo conflitto” dichiara invece il segretario generale delle Nazioni Unite Ban Ki-moon che ha preso una posizione netta esprimendo il suo rammarico perché “nonostante le mie ripetute sollecitazioni e quelle di molti leader regionali e mondiali, un conflitto già pericoloso si è intensificato ancora di più”. Ha definito deplorevole l’azione di terra di Israele a Gaza, e ha anche esortato Israele a fermare le uccisioni dei civili.

Resta la drammatica realtà di un’invasione in forze da parte di uno dei più potenti eserciti del pianeta in una piccolissima area densamente popolata, già vessata da settimane di bombardamenti e raid, che ospita una popolazione di fatto intrappolata e senza vie di fuga, difesa solamente da un pugno di militanti male armati, isolati dai media e dalle istituzioni internazionali. Restano gli appelli alla pace del Papa e dell’ Onu ignorati dal governo israeliano che da ieri di fatto si è lanciato alla conquista di Gaza.

Alberto Palladino

Tratto da:http://www.ilprimatonazionale.it

Israele invade Gaza. È guerriglia nelle strade
Commenta il post