Overblog
Segui questo blog
Edit post Administration Create my blog
Blog della COMUNITA' IPHARRA

Non più destra, non più sinistra, non più etichette, non più finzioni nominalistiche ma attività mirate a creare le premesse culturali e politiche per una Costituente di Popolo che sia alternativa reale ed organica agli schemi partitici ed agli artifici ideologici. Momenti di lotta diretta a colpire le oligarchie di potere per le quali il " rito del voto" costituisce la legittimazione per continuare ad esercitare le loro angherie ai danni del Popolo.

Boeing malese precipitato in Ucraina: la colpa ricade su Poroshenko

Pubblicato su 18 Luglio 2014 da frontediliberazionedaibanchieri in ESTERI

 

La tragedia del Boeing malese non sarebbe accaduta, se Kiev non avesse scatenato la fratricida guerra civile nel Sud-Est del Paese.

Il Boeing-777 della Malaysia Airlines, in volo da Amsterdam a Kuala Lumpur, è precipitato il 17 luglio intorno alle 16:30 (17:30 ora di Mosca) vicino al villaggio di Grabovo nella regione di Donetsk. Tutti coloro che si trovavano a bordo - 298 passeggeri e 15 membri dell’equipaggio, sono morti. La rotta del volo era indicata come sicura dall’Organizzazione internazionale dell’aviazione civile (ICAO), mentre l’Associazione internazionale dei trasporti aerei (IATA) sosteneva che lo spazio aereo riservato al volo non era “soggetto a limitazioni”.

Va rilevato che in precedenza l’Ucraina aveva chiuso il cielo sopra la zona di quella che Kiev chiama “operazione antiterroristica”, ma il divieto riguardava soltanto livelli di volo più bassi, mentre la quota di 10000 metri era considerata sicura. Dice l’esperto brasiliano Nelson Francisco During:

Anche quando è in corso un conflitto, il volo avviene a determinate quote. Si sapeva che c’erano dei sistemi antiaerei portatili che possono colpire bersagli alle quote di 2-4 mila metri, ma non sono in grado di abbattere un aereo che vola a 12-14 mila metri. Quindi, c’era uno spazio di volo sicuro abbastanza grande e non ci dovevano essere problemi.

Eppure il Boeing malese, che volava a 10 mila metri, è stato abbattuto da un missile non ancora identificato della difesa contraerea. Dice il Direttore della rivista “Nazionalnaja oborona” (Difesa nazionale), Igor Korotchenko:

Un aereo che vola a questa quota può essere abbattuto soltanto con missili terra-aria. Le forze della difesa contraerea dell’Ucraina hanno in dotazione dei sistemi missilistici “Buk”. A proposito, la contraerea ucraina era stata portata in stato d’allerta a seguito, come dicevano loro, di una minaccia di violazione dello spazio aereo dell’Ucraina da parte della Russia. È chiaro che gli equipaggi della contraerea di Kiev hanno verificato il funzionamento del sistema passando da un regime all’altro. Tuttavia, a seguito di inesperienza dei militari, o per puro caso, il sistema ha eseguito il puntamento, ha lanciato il missile e così gli ucraini hanno abbattuto il Boeing malese.

Dei missili “Buk” ci ha parlato l’ingegnere Nelson Francisco During.

“Buk” è un’evoluzione dei missili “Kub”, diventati famosi durante la guerra nel Medio Oriente. I missili “Buk” possono colpire bersagli alle quote fino a 12 mila metri. Quindi, con la massima gittata il missile è in grado di abbattere un aereo che vola alla quota di crociera degli aerei di linea, cioè, appunto, alla quota di 12-14 mila metri. Non serve neanche il contratto diretto. Se il sensore rileva la presenza del bersagliio, cioè se il bersaglio è vicino, il missile esplode e lancia schegge di metallo in tutte le direzioni. La forza dell’esplosione e le schegge sono sufficienti per far precipitare un aereo di linea privo dei sistemi di protezione.

Secondo la maggioranza degli esperti, la responsabilità dell’accaduto ricade sull’esercito ucraino, sebbene Kiev cerchi di accusare i ribelli. Tutto ciò è ancora da verificare, ma è ovvio che i miliziani non hanno sofisticati sistemi missilistici. Dice il socio corrispondente dell’Accademia di cosmonautica russa Yuri Karash.

È molto probabile che l’aereo sia stato abbattuto dalla contraerea ucraina, ma non credo che l’abbiano fatto apposta. L’esercito ucraino è in uno stato pietoso. Anche il livello professionale dei militari è piuttosto basso. Pensate a quello che è successo 13 anni fa, quando hanno abbattuto un Tupolev Tu-154 delle linee russe. Non mi sorprenderebbe se alla fine si saprà che ai comandi dei missili non c’erano gli ufficiali, ma dei militari di leva.

Il tragico episodio menzionato dall’esperto è accaduto il 4 ottobre 2001, quando l’aereo della compagnia russa “Sibir”, in volo da Tel Aviv a Novosibirsk, è stato casualmente abbattuto da un missile S-200 dell’esercito ucraino, lanciato nell’ambito delle esercitazioni che in quel momento erano in corso in Crimea. Allora sono morti 66 passeggeri e 12 membri dell’equipaggio. È significativo che il tribunale di Kiev si è rifiutato di riconoscere la colpa dei militari ucraini, spiegando che gli esperti non erano riusciti a raggiungere una conclusione univoca. Infatti, mancando i resti dell’aereo e le scatole nere, che furono mai trovate, è stato deciso che non era possibile accertare le cause dell’incidente. Ciò nonostante, Kiev ha praticamente riconosciuto la colpa, congedando dalle forze armate alcuni alti ufficiali.

Il Comitato interstatale per l’aviazione (IAC) rileva che sul caso del Boeing malese deve indagare l’ICAO, ma c’è il pericolo che il governo di Kiev possa cercare di bloccare l’indagine indipendente. Dice Igor Korotchenko.

Siccome la sciagura è accaduta nel territorio dell’Ucraina, saranno le autorità ucraine a svolgere l’indagine. Naturalmente, ci saranno delle falsificazioni. Penso che l’Ucraina semplicemente negherà l’accesso agli esperti internazionali con la scusa di essere lei la responsabile dell’indagine. Intanto sentiremo un mucchio di menzogne, perché riconoscere che la contrearea ucraina ha abbattuto un aereo di linea sarebbe la fine del regime di Poroshenko. Kiev non lo farà.

La responsabilità ricade comunque sull’Ucraina, perché nulla sarebbe successo se il Presidente Poroshenko non avesse deciso di riprendere le azioni di forza nel Sud-Est del Paese.

Tratto da:http://italian.ruvr.ru

Boeing malese precipitato in Ucraina: la colpa ricade su Poroshenko
Commenta il post