Overblog
Segui questo blog
Edit post Administration Create my blog
Blog della COMUNITA' IPHARRA

Non più destra, non più sinistra, non più etichette, non più finzioni nominalistiche ma attività mirate a creare le premesse culturali e politiche per una Costituente di Popolo che sia alternativa reale ed organica agli schemi partitici ed agli artifici ideologici. Momenti di lotta diretta a colpire le oligarchie di potere per le quali il " rito del voto" costituisce la legittimazione per continuare ad esercitare le loro angherie ai danni del Popolo.

Viktor Orban: la sua lotta per la sovranità dell’Ungheria e la strategia di disinformazione dei media italiani.

Pubblicato su 30 Giugno 2014 da frontediliberazionedaibanchieri in ESTERI

(Capitolo tratto dal libro Azzannate le iene di Francesco Amodeo.http://www.francescoamodeo.net)

“Sono andati via con i carri armati. Sono tornati con le banche.” (Viktor Orbán)
 

È una lanterna nel buio Viktor Orbán, il Primo Ministro che ha sfidato e cacciato via i poteri forti, denunciando il nuovo ordine mondiale e lottando per la sovranità del proprio paese: l’Ungheria. È una lanterna nel buio, col suo discorso in cui ha dichiarato di “aver respinto gli attacchi ed aver dato qualche botta ai piagnoni del Parlamento Europeo”; è una lanterna nel buio, per la sua lotta contro le multinazionali e le banche straniere, colpevoli di essere “lo strumento mediante il quale gli ungheresi si impoveriscono, a favore dei poteri forti europei al cui vertice ci sono la finanza USA” (a cui Orbán dà la colpa di “tentare in ogni modo di impedire ad altri paesi di mettersi al passo economicamente”), e la grande industria tedesca, che “sta imponendo la propria egemonia sull’Europa.” Nei suoi ultimi discorsi il premier ungherese ha infatti parlato del predominio dei grandi stati membri all’interno dell’Unione Europea (in sostanza la Germania e la Francia), e della sua convinzione che alcuni poteri, in realtà, stiano sfruttando i paesi piccoli, drenando via da essi risorse finanziarie ed umane. “L’obiettivo per l’Ungheria”, dice Orbán, “è quello di prevenire e contrastare tale sfruttamento e la fuga di cervelli”.                                     Questa è l’essenza della strategia nazionale ungherese. Orbán ha un grande carisma, una personalità che ha conquistato gli ungheresi e non solo, visto che in molte parti d’Europa viene visto come modello per una rivoluzione politica e pacifica che ridia sovranità ai popoli; il suo governo, in carica dal 2010, si è contraddistinto per un braccio di ferro contro la Commissione Europea, e soprattutto contro la BCE ed il FMI; Orbán infatti ha, in passato, rigettato i termini proposti dal Fondo Monetario Internazionale, rifiutandosi di tagliare le pensioni a copertura di un prestito al suo paese, ed ha quindi invitato quelli

del FMI ad andare via. Dopo la riforma della Costituzione del suo paese, infatti, Orbán ha risposto agli attacchi dell’Unione Europea in maniera secca e decisa: “Siamo uno statodi diritto, il governo sta rispettando le norme europee, il potere costituente spetta solo al Parlamento ungherese. Siamo sovrani, decidiamo noi.”
Tutto questo, nei mesi a seguire, gli è costato anche una feroce campagna mediatica nella quale è stato dipinto come un nuovo dittatore, o come colui che sta restringendo le libertà civili nel paese magiaro. Tuttavia la campagna sembra non aver attecchito, anzi, ha fatto crescere la popolarità di Orbán in tutta Europa, e nei sondaggi elettorali, in vista delle elezioni del 2014, i dati gli danno ragione: il suo partito potrebbe avere la maggioranza assoluta dei voti. Orbán è in questo momento un treno inarrestabile, nonché forse l’unico capo di governo europeo ad andare controcorrente rispetto alle scellerate linee politiche tracciate da Bruxelles, e questo certamente gli ha creato nemici
tra le lobby e le élite internazionali. Non solo i dati dei sondaggi, ma anche i dati economici danno ragione al “modello ungherese” di Orbán, che prevede interventi per la conversione in valuta locale dei prestiti contratti in valuta estera, e, soprattutto, finanziamenti a tasso zero per gli istituti di credito che si impegnino a finanziare a loro volta le piccole e medie imprese ad un interesse non superiore al 2%. Sono questi, infatti, i punti salienti del piano annunciati dalla Banca Centrale ungherese con l’obiettivo di favorire la crescita del paese.
La sua carta vincente, che è poi quella che l’ha reso nemico da combattere per l’Unione Europea, è, infatti, proprio quella di porre sotto controllo governativo la Banca Centrale (vale la pena ricordare che l’Ungheria non fa parte dell’Euro), quindi sottraendola alle banche private manipolate dalle élite in questione. Mossa ovviamente aspramente criticata dalla BCE e dalla commissione guidata da Barroso.
Il governo ungherese ha assunto la sovranità della sua moneta, che adesso emette senza debito. Come trapela dal quotidiano ungherese Magyar Nemzet, nella recente riunione di Londra del Bilderberg il caso ungherese sarebbe stato tra i punti più trattati. In particolare, le lobbies finanziare e massoniche sarebbero preoccupate circa un eventuale effetto contagio dell’Ungheria, vista la grande presa sull’opinione pubblica che ha Viktor Orbán; infatti, sempre secondo il quotidiano magiaro, sarebbe stato elaborato un piano per finanziare il principale partito di opposizione e scatenare una campagna mediatica robusta
anti-Orbán subito dopo la certa vittoria elettorale della prossima primavera. Ora sentite bene quello che è accaduto, e ragionate sulla tempistica e sulla incredibile coincidenza.   A pochi mesi da quella riunione del Bilderberg, in cui si è discusso di come fermare l’ascesa di Orbán, quest’uomo è stato vittima di un “incidente” d’auto, come fu vittima di un “incidente” con il suo bimotore Nigel Farage, dopo aver preso anche lui a schiaffi con un suo discorso i poteri forti che si nascondono dietro l’Unione Europea. È successo durante una visita del premier ungherese in Romania; improvvisamente, un’auto è piombata sul
corteo di Orbán, centrando in pieno il mezzo blindato che precedeva l’auto nella quale si trovava il premier. Per fortuna non ci sono state conseguenze, anche se, guardando la vettura che è stata colpita, si può ben capire la forte entità dell’impatto, che solo per una fatalità non ha travolto l’auto del primo ministro ungherese, particolare questo che risulta molto inquietante. Sarà solo una coincidenza l’incidente avuto a poche ore dal suo messaggio contro il Fondo Monetario Internazionale, ed a pochi mesi dalla riunione Bilderberg, dove si è discusso del pericolo dei nazionalismi, ed in particolare del caso Orbán? In questo contesto, le voci circa un presunto attentato perpetuato ad Orbán si moltiplicano: su alcuni blog ungheresi, si punta il dito contro un presunto cambiamento di strategia delle lobby – inaridite ulteriormente dopo le parole anti FMI di Orbán, e soprattutto per il fatto che il governo abbia assunto la sovranità della propria moneta – le quali mirerebbero adesso ad un’eliminazione fisica del primo ministro, e non più ad una campagna mediatica volta contro di lui. Se siano vere o false queste voci, non spetta a me dirlo, ma è ovvio che Orbán ha dichiarato “guerra” ad un sistema anti-etico governato da banchierie lobbysti senza scrupoli, un sistema che ha ramificazioni ovunque, e che non
si darà pace finché non avrà messo fuori dai giochi il suo nemico. È già cominciata
una campagna di odio, di disinformazione e diffamazione del premier ungherese, ed i nostri media servili e burattini dei poteri forti si sono subito prostrati al nuovo diktat, come dimostrato da “Repubblica”, che, essendo tra i media che prendono parte al Bilderberg, ha subito cominciato la sua opera diffamatoria anche in Italia.                                                  In un articolo di “Repubblica” dal titolo L’Ungheria di Orbán sfida l’UE e il FMI. A rischio indipendenza Banca Centrale, il premier viene definito “autocrate”, e le sue azioni vengono bollate come “nuova, gravissima sfida ai principi del mondo libero e alle sue istituzioni economiche e finanziarie, dalla Banca Centrale Europea al Fondo Monetario Internazionale.” Queste, secondo il giornalista, sono le istituzioni del mondo libero. Ma non è tutto, perché continuando a leggere c’è davvero da rabbrividire. Si parla, infatti, di Gyorgy Matolcsy, il ministro dell’Economia nominato dal premier come il nuovo governatore della Banca Centrale ungherese. Il giornalista lo definisce “discusso ministro dell’Economia”, ed anche “pericoloso incompetente e un fautore di politiche economiche piegate al volere del regime”. Sì, avete capito bene: il giornalista ha chiamato “regime” quello di un primo ministro democraticamente eletto per ben due volte, che dopo anni sempre all’opposizione, ha ora i due terzi della maggioranza di governo. Il giornalista in questione continua schierandosi apertamente con il governatore uscente della Banca ungherese Andras Simor – il quale, al termine dei sei anni di mandato per statuto, non poteva ripresentarsi – affermando che “con Simor esce di scena un banchiere centrale apprezzato e stimato in tutto il mondo, da Draghi, da Bernanke, dalla Merkel e da Obama, e soprattutto l’ultimo difensore del principio-chiave della separazione dei poteri, costitutivo di ogni democrazia, e dell’autonomia della Banca Centrale.” Avete letto bene anche questa volta? Il giornalista di “Repubblica” ha definito l’ex governatore come uno “amato in tutto il mondo”, e poi ha anche elencato chi sarebbe “tutto il mondo” secondo lui, ossia la Merkel (eletta dai tedeschi ed odiata dalla maggior parte dei paesi europei), Draghi (non eletto da nessuno), Bernanke (non eletto da nessuno) e Obama, eletto dai poteri forti americani. Abbiamo quindi scoperto che “tutto il mondo” che conta per il giornalista di “Repubblica” altro non sono che i poteri forti americani. Ma ora arriva la ciliegina sulla torta: il giornalista si dà la zappa sui piedi, sfoderando il massimo del servilismo nel definire “pazzesco” l’ultimo discorso di Matolcsy, che avrebbe sostenuto che “i big di economia e finanza europei e internazionali complottano e tramano contro la nostra patria”.
Per questa frase il servile giornalista paragona il discorso di Matolcsy a quello del “demoniaco ministro della propaganda di Adolf Hitler” contro la “grande finanza ebraica internazionale”, e a quello di Mussolini sulla “demoplutocrazia massongiudaica”. Ma nel suo articolo non si è fatto mancare proprio nulla, dimostrandosi abile servo dei poteri forti che manipolano la stampa italiana, ed ha concluso dicendo che “Mario Draghi, nella sua conferenza-stampa, si è detto molto preoccupato per gli sviluppi politici a Budapest.” Chissà come mai un governo che vuole avere il controllo della propria Banca Centrale debba preoccupare così tanto Mario Draghi. Questo, però, l’intrepido giornalista che scrive da Berlino non se l’è chiesto, ed il suo articolo è l’emblema della nostra stampa al servizio dei poteri forti, della disinformazione e della manipolazione delle masse per gli interessi delle élite mondialiste. Non sono stato di certo l’unico ad aver notato questa assurda ed ingiustificata campagna di fango contro Orbán da parte del famoso quotidiano italiano: addirittura l’ambasciatore di Ungheria in Roma, in data 24 maggio 2013, ha fatto pervenire una lettera al direttore del quotidiano Ezio Mauro, accusando il corrispondente da
Berlino del suo giornale di attribuire, in maniera faziosa, affermazioni al Primo Ministro Ungherese, che questi, in realtà, non ha mai pronunciato, come per esempio l’aver paragonato la cancelliera Merkel ad Hitler, come il giornalista di “Repubblica” ha addirittura scritto e virgolettato nel titolo del suo articolo. “Non vorrei commentare le altre accuse ridicole del vostro corrispondente (legge bavaglio, partito-stato, nazional-populista, regime)”, scrive indignato l’ambasciatore, “perché è stato tutto già smentito diverse volte da fori ed autorità europee, che ormai sono diventate scenografie permanenti nei suoi articoli. Esprimo però rammarico e delusione per il fatto che le mie lettere correttive non vengano mai pubblicate sul vostro giornale, ricordando che la fedele rappresentazione dei fatti è un requisito assoluto, inerente all’etica giornalistica universale”, conclude il rappresentante diplomatico ungherese. L’ambasciatore, infatti, aveva già varie volte in passato scritto lettere al direttore di “Repubblica”, lamentando l’inaccettabile attacco mediatico da parte del giornalista in questione nei confronti del primo ministro Orbán, rilevando le false accuse mosse attraverso il suo giornale al governo ungherese, smentendo nella missiva in maniera documentata quanto dichiarato in due precedenti articoli pubblicati a novembre 2011, dal titolo Ungheria, l’autarchico Orbán chiede aiuto al FMI e Ora gli ultranazionalisti ungheresi si sentono accerchiati.
Resta da chiedersi chi abbia incaricato “Repubblica”, ed in particolare questo giornalista, di intraprendere una campagna di fango contro il governo ungherese, utilizzando, a quanto pare, la menzogna e la diffamazione. Credo però che tutti voi possiate avere, a questo punto, una precisa idea al riguardo. In Ungheria, comunque, i cittadini hanno ritenuto opportuno manifestare per strada la loro solidarietà al ministro ungherese con cartelli con su scritto “Abbiamo votato per Orbán e non per Goldman Sachs”, un cartello che in una
sola frase racchiude tutto quello che i nostri media non riporteranno mai, e che il giornalista di “Repubblica” dovrà solo continuare a fingere di non aver visto.

Francesco Amodeo

 

 

Viktor Orban: la sua lotta per la sovranità dell’Ungheria e la strategia di disinformazione dei media italiani.
Commenta il post