Overblog
Segui questo blog
Edit post Administration Create my blog
Blog della COMUNITA' IPHARRA

Non più destra, non più sinistra, non più etichette, non più finzioni nominalistiche ma attività mirate a creare le premesse culturali e politiche per una Costituente di Popolo che sia alternativa reale ed organica agli schemi partitici ed agli artifici ideologici. Momenti di lotta diretta a colpire le oligarchie di potere per le quali il " rito del voto" costituisce la legittimazione per continuare ad esercitare le loro angherie ai danni del Popolo.

Le tasse non vanno pagate perchè:

Pubblicato su 21 Giugno 2014 da frontediliberazionedaibanchieri in POLITICA

- sono ESTORSIONI perchè le cartelle sono criptiche, ovvero non si capisce un cacchio, o ci vuole uno con la doppia laurea per spiegarle, e neanche lui ci riesce, perchè non hanno logica, e son fatte apposta perchè non si capiscano; ma se non le paghi ti ipotecano la casa
- le cartelle sono quasi tutte sbagliate da qualche parte, han vizi di forma e di sostanza; applicano l’anatocismo che è vietato e così superano quasi sempre i tassi soglia di usura, ma non avendo prestato soldi – fanno solo gli esattori – usura forse non è, anche se il tasso è certamente superiore ai tassi soglia di usura del periodo
- Loro le irregolarità le fanno a bizzeffe; per dirne una, a Udine la responsabile dell’Agenzia Entrate, tale Dottoressa in scienze politiche Eliana Kodermac, non era un Dirigente di primo livello, il che rende nulle le cartelle emesse durante il suo periodo di dirigenza. Soluzione? Da due mesi l’hanno trasferita a Pordenone dove dirige l’Agenzia Entrate, ed essendo il “business” – così me l’ha definito una talpa mia amica di Agenzia Entrate – minore, è sufficiente il secondo livello. Eh già, perchè per loro le tasse sono un business, una fonte di utile pazzesco con cui si garantiscono stipendi alla Befera e premi da babbo natale. Qui a Udine è venuto facendo finta di niente uno che il primo livello ce l’ha, un pugliese; e adesso firma lui anche i ricorsi del periodo nullo di prima facendo finta di niente. Alla faccia dell’eticità.
- il triangolo della Bermuda è: Agenzia entrate, Guardia di Finanza, Equitalia. Tutti al servizio del cartello bancario; nessuno è responsabile, tutti intoccabili, la casta di si fende con leggi ad hoc
- le cartelle pazze sono una vergogna, e sono tuttora la norma; nessun PM che vuole fare il mestiere per cui è pagato ed andare a verificare chi le spedisce rovinando la vita alle persone ?? Equitalia no risponde se sbaglia, ma intanto ti ipoteca i tuoi beni, e toglier l’ipoteca lo paghi tu
- le tasse sono tantissime, oltre 110, e nessuno le conosce a fondo, sono troppe
- le tasse sono illogiche; perchè scaricare il 15% di una cosa, e non un’altra, o solo se sei nell’aliquota del 55% di qualcosa, è l’anno dopo invece cambia, e l’irpef la scarichi al 60% in 10 anni, e il leasing si e il mutuo no …… troiate pazzesche, senza logica nè filo conduttore che non porti al vero scopo: quello di togliere denaro dalla circolazione per obbligarci ad andare in banca a chiedere soldi al tasso che vogliono loro, indebitarci in eterno e poi portarci via la casa, e farci diventare pazzi dietro a queste cose che ci impediscono di fare cose utili e creative
- chi fa i soldi veri, le banche e le multinazionali, le tasse non le pagano
- molte tasse sono incostituzionali, per esempio lo studio di settore, o quella che non mi ricordo mai come si chiama in cui paghi non sull’utile, ma sul fatturato per cui la paghi anche se sei in perdita – ma con che cazzo di soldi la paghi non si sa – , oppure l’iva che se vai a credito col piffero che la incassi; se sei a debito invece, arriva la Finanza e poi finisci in galera
- se hai 3 attività, di cui una in utile e 2 in perdita, su quella in utile paghi il 120% di tasse e su quelle in perdita paghi lo stesso perchè è previsto che tanto freghi, per cui devi pagare lo stesso; non puoi compensare, e non si capisce perchè: la persona ha più attività, ma non può compensare … mah
- se l’attività cala di fatturato, paghi come se così non fosse, se no arriva la finanza, e dice che sei incongruo
- la finanza se arriva non puoi prevedere cosa succede; “deve trovare qualcosa”, e anche te lo dicono; vivi nel continuo terrore di aver sbagliato qualcosa, malgrado i consulenti pagati apposta
- il vero nero lo fanno le banche al momento della creazione del denaro; lo riciclano con Clearstream ed Euroclear, ma questo non interessa nessuno, mentre lo scontrino fiscale non emesso dal panettiere comporta, se recidivo, la chiusura dell’esercizio per qualche giorno
- la vita del tassato è un incubo; non sai mai cos’hai sbagliato; nel 1995 presi L. 500 milioni di multa perchè l’intestazione delle fatture era sbagliata, e questo errore formale si era ripetuto su 500 fatture, che al costo di un milione di sanzione l’una faceva 500 milioni. Volevo emigrare. Poi mi spiegarono che bisognava difendersi; presi un commercialista, e finii dopo 2 anni di preoccupazioni a dare 15 milioni al commercialista “che conosceva le persone giuste” e 10 milioni al fisco
- mi è arrivata ieri un’Equitalia di 18.000€ da pagare per il 2010 su una società che nel 2010 era in perdita di 32.000€. Il consulente non se ne capacita, ma bisogna opporsi pagando uno specialista che andrà a baruffare contro i muri di gomma
- questa menata delle tasse porta via tantissimo tempo, energia e dignità; tanto han ragione sempre loro, non puoi controbattere, non c’è avvocato nè commercliasta che ti garantisca di essere in una botte di ferro in caso di verifica
- nel 1996, dopo la multa del 500 milioni, andai dalla guardia di finanza con tutta la mia contabilità a chiedere di verificare se vi fossero errori; mi dissero che non sono pagati per far ciò, se vengono devono dar multe
- le tasse danno vita a una serie di lavori inutili alla produzione (dichiarazioni redditi etc), e ad una lista di attività umane ma considerate criminali o quantomeno “illecite” atte a salvarsi dalla depredazione. Il “nero” viene considerato un crimine, per cui chi paga i dipendenti invece degli F35 finisce in galera. Un mio amico, Pierpaolo, è fallito con 8 milioni da avere dalle USL (vendeva flebo per ospedali) e 8,5 milioni di usura e 4 di anatocismo dalle banche. E rischiava la galera per 1,5 milioni di contributi non pagati. Ma come poteva pagarli con 20,5 milioni da avere dallo Stato e dalle Banche ??!! 
- Se metti 10.000€ nella tua srl per non farla fallire, e te li riprendi dopo un anno, e la srl fallisce, ti prendi certamente la bancarotta fraudolenta, e anni di galera col marchio di delinquente
- avevo creato una società di omeopatici, sempre in perdita: vi mettevo ogni anni decine di migliaia di € per non farla chiudere, e ogni anno dovevo toglierli la bilancio rinunciandovi, per cui son tutti soldi che non ho potuto scaricare. Mi dicono che è giusto; a me sembra una cazzata megagalattica.
- La Finanza lo ha dichiarato a Report un anno fa: se incassassero davvero le evasioni che rilevano nelle aziende, il 90% chiuderebbero per mancanza di liquidità
- la dichiarazione dei redditi è fatta apposta per incastrarti; la multa arriva di sicuro
- all’ultimo momento devi firmare la dichiarazione del Commercialista, senza leggerla o quantomeno capirla, poichè te l’ha presentata all’ultimo momento avendo ricevuto le istruzioni nuove 2 ore prima del deposito delle dichiarazioni. OGNI ANNO da quando lavoro è la stessa solfa. Un incubo: firmo senza capire, in fretta, firmando qui, qui e qui.
- ci sono nazioni che pagano il 10% di tasse e stanno benissimo
- mandando tasse a Roma peggioriamo la crisi di liquidità sul territorio: non c’è insufficiente liquidità in circolazione, e lo dimostrano le RIBA senza le quali ormai non si vende piu niente, ed il fatto che lo Stato paga se e quando vuole/può. Un mio amico deve incassare una fattura dell’Azienda Sanitaria di Cosenza che è datata 2009; gli han detto di aspettare, che non ci sono soldi; se fa un decreto ingiuntivo, i prossimi appalti se li sogna
- troppe cose non puoi scaricarle, per cui finisce che dovresti pagare oltre il 100% di tasse, cosa impossibile: o non le paghi, o incassi senza dichiarare: non hai alternative
- i soldi è meglio che rimangano sul territorio; se vanno a Roma sappiamo che fine fanno: vanno a pagare gli f35 e gli interessi sul debito pubblico, il MES e le altre porcate europee; inoltre nutrono il nemico, ovvero l’Unione europea che ci sta distruggendo
- Gandhi scrisse che il modo migliore per combattere il governo ladro è non pagare le tasse.
Detto ciò passiamo all’alternativa.
SOLUZIONE: lo Stato crea il denaro che gli serve in misura del 10% del circolante e lo spende senza tassare nessuno; TASSE ZERO, non è uno scherzo, creando il 10% di inflazione, ma solo dopo aver raggiunto l’Euflazione, ovvero la quantità di denaro adeguata a favorire gli scambi commerciali (10 anni al ritmo di 700 miliardi l’anno, che è il budget richiesto a far girare la baracca statale). Tutti quelli convolti nel circo delle tasse (dai commercialisti alla guardia di finanza, dai fiscalisti ai giornalisti economisti), si dedicano finalmente a cose più serie.

Fonte
Antonio Miclavez FB

http://altrarealta.blogspot.it/

Tratto da: http://davi-luciano.myblog.it

Le tasse non vanno pagate perchè:
Commenta il post