Overblog
Segui questo blog
Edit post Administration Create my blog
Blog della COMUNITA' IPHARRA

Non più destra, non più sinistra, non più etichette, non più finzioni nominalistiche ma attività mirate a creare le premesse culturali e politiche per una Costituente di Popolo che sia alternativa reale ed organica agli schemi partitici ed agli artifici ideologici. Momenti di lotta diretta a colpire le oligarchie di potere per le quali il " rito del voto" costituisce la legittimazione per continuare ad esercitare le loro angherie ai danni del Popolo.

FACCIA TOSTA BOLDRINI: UNA NUOVA “PERLA” SUI CLANDESTINI! LEGGI COSA HA AVUTO IL CORAGGIO DI DIRE!

Pubblicato su 18 Giugno 2014 da frontediliberazionedaibanchieri in POLITICA

Boldrini: “Diremo agli immigrati: benvenuti in un posto sicuro”

La Presidente della Camera: “Tutte le regioni italiane si facciano carico dell’accoglienza di migranti. L’emergenza è nei loro Paesi, non da noi”

Fogli pieni di numeri e parole piene di passione, questa è Laura Boldrini, Presidente della Camera, quando parla del tema dell’immigrazione, alla vigilia del suo viaggio in Sicilia, venerdì, per la giornata mondiale del rifugiato. «Conosco le emergenze umanitarie da una vita, ho visto di persona, nelle aree più difficili del mondo, che significa scappare da un bombardamento e vivere in una tenda, cercare solo l’ombra, soffrire l’”habub”, le tempeste di sabbia che ti costringono a ripararti dove la temperatura arriva fino a cinquanta gradi. A Kassala, in Sudan, la sera si dormiva nelle bettole, un buco per terra come bagno, e prima di coricarsi bisognava fare una cortina di polvere intorno al letto per evitare che gli scarafaggi ti camminassero addosso». E poi l’Angola, l’Afghanistan, il Kosovo, la Macedonia, il Caucaso. «Gli unici che mi riuscivano a raggiungere in qualsiasi posto del mondo erano quelli di Radio Radicale», ricorda sorridendo.

Presidente Boldrini, cosa dirà ai rifugiati che incontrerà fra due giorni in Sicilia in veste di rappresentante dello Stato italiano?

«A loro dirò: “Welcome, benvenuti in un posto sicuro, qui non vi succederà nulla, nessuno vi torturerà, nessuno vi ammazzerà, nessuno vi perseguiterà più”. E allo stesso tempo però aggiungerei: “Ora che siete qui, organizzatevi, non riposate sugli allori, perché bisogna essere realistici, l’Italia può fare molto, ma non può fare tutto”».

Le nostre coste sono prese d’assalto, la Sicilia è in affanno. Anche secondo lei l’Europa non sta facendo abbastanza?

«Il senso della mia visita in Sicilia è proprio questo: rendere omaggio ai Corpi dello Stato che stanno lavorando in modo strenuo per salvare le persone e difendere principi sacrosanti del diritto internazionale. Ma vado anche a dare solidarietà a una regione che si sta prendendo il carico più grande dei flussi di richiedenti asilo. Le cifre parlano chiaro: in Sicilia sono ospitati il 33% dei migranti, in Veneto il 3%, in Lombardia il 7%. Il presidente Maroni, quando era agli Interni, aveva lanciato il progetto di una equa ridistribuzione tra Regioni. Oggi che è presidente della Regione però sembra non pensarla più così. Prima di lamentarci con l’Europa pensiamo a come organizzarci meglio al nostro interno».

Parliamo di emergenza: dove va gestita? Qui nei centri di accoglienza, o nei Paesi in cui le fughe cominciano?

«Ecco, intanto intendiamoci sulla parola “emergenza”. Chi sono le persone che arrivano? Il Mediterraneo è passato da rotta di migranti economici a via dell’asilo: oggi la gran parte delle persone – soprattutto siriani, eritrei, somali – scappano dalla morte, e prima di arrivare qui si fermano in ben altre zone. Prendiamo la Siria: 2milioni e 800 persone sono scappate nei Paesi confinanti. Nel Libano, che ha 4 milioni di abitanti, i rifugiati siriani sono 1 milione. E’ come se in Italia ce ne fossero 14 milioni, e invece ce ne sono 65.000, di tutte le nazionalità. Non sono solo numeri: se si ha una quantità così enorme di persone in fuga, è ovvio che una piccola percentuale arriva anche in Europa. Sa quanti ne arrivano in tutti i Paesi europei messi insieme? Meno dell’1%. L’emergenza non è qui, è lì».

Anche tra gli stati dell’Unione Europea la distribuzione dei flussi non è equa, non trova?

«Prima di lamentarci di essere stati lasciati soli chiediamoci quante domande di asilo sono state fatte negli altri Paesi, perché in quel caso scopriremmo – e mi scusi se torno sui numeri, ma mi sembrano la risposta migliore – che la Germania ha ricevuto nel 2013 109.600 domande d’asilo, la Francia 60.000, la Svezia 54,200, l’Italia 27.800. Quante persone sono arrivate via mare quest’anno? 55.000, tante, ma non tantissime, se paragonate alle 800.000 che stanno in Giordania».

Lei conosce i nostri centri. Le sembrano all’altezza di contenere questi numeri?

«Ci sono carenze nel nostro sistema, le stesse di sempre. La realtà è che gli arrivi via mare sono un dato strutturale, non possono essere gestiti come emergenze».

Si spende poco per l’accoglienza o si spende male? 

«Ci vuole una cabina di regia capace di far colloquiare tutti gli attori e un monitoraggio che impedisca quello che avvenne nel 2011, quando si spesero tantissimi soldi per l’accoglienza, ma furono spesi male, con le persone alloggiate nei ristoranti cinesi e nei bed and breakfast, senza i servizi e senza mediatori culturali. Bisogna controllare dove finiscono i soldi, che vengano usati come previsto dalla convenzione».

E un maggiore coordinamento europeo?

«Si, innanzitutto nei valori, nell’assunzione di responsabilità rispetto al salvataggio di vite umane. E poi bisogna pensare a rilanciare processi di pace, a isolare i dittatori e non farci affari, trattare, sanzionare chi non ottempera. E dare delle alternative alla fuga nel Mediterraneo».

In che modo?

«L’operazione “Mare nostrum”, che pure ha il grande merito di salvare le vite, da sola non basterà mai. Per ridurre il numero di persone che si affidano ai trafficanti e prendono il largo, bisogna prevedere nei paesi di transito sedi diplomatiche dell’Ue attrezzate per accogliere domande d’asilo e per trasferire legalmente le persone nei paesi di destinazione. Oppure applicare il programma del “re- insediamento” dell’Unhcr, un sistema di screening dei rifugiati da cui gli stati membri possono poi pescare delle quote. Queste sono proposte concrete, che spero siano prese in considerazione nel prossimo vertice Ue e nell’imminente semestre di Presidenza italiana».

Tratto da:http://www.grandecocomero.com

FACCIA TOSTA BOLDRINI: UNA NUOVA “PERLA” SUI CLANDESTINI! LEGGI COSA HA AVUTO IL CORAGGIO DI DIRE!
Commenta il post

annapaola 06/21/2014 17:38

sotto certi profili trovo non abbia torto, senza meno è vero che quelle povere anime che arrivano qui, fuggono da situazioni drammatiche, è anche vero che qui, al momento, non abbiamo tempeste di sabbia, ma potendo porrei una domanda alla signora Boldrini. Cara signora, io ho il semplicissimo problema di non riuscire a pagare le tasse sulla casa che mi è arrivata in eredità dai miei genitori. Io non ho un reddito, lavoretti saltuari, una mano di mia figlia, una mano dal mio compagno, quando riesce a riscuotere.....Riusciamo ancora a mangiare pasta a pranzo e cena....non mi sembra una vita di gran lusso. Tutto questo preambolo per dire... ma come può una nazione in questo stato reale permettersi di aiutare almeno come sembra dovrebbe fare, migliaia di disperati???? secondo questa tipa si è disperati solo quando c'è una guerra, soprassedendo su come e da chi è cominciato il casino ormai mondiale, ma magari non è sufficiente che sempre più italiani per mangiare, debbano rovistare nei cassonetti, non è sufficiente che tanti, ormai tanti italiani debbano dormire in macchina con le famiglie? Dovrebbe chiedere a questi, magari anche loro non dovranno fare un buco nella sabbia per defecare ma magari dovranno andare a farlo dietro un albero in un parco pubblico... ma vogliamo un poco pensare a casa nostra, cavolo la religione cristiana stessa suggerisce che prima di tutti si debba aiutare il vicino di casa, il parente...é passato di moda anche il Cristianesimo?....La mia conclusione è una e unica, GUARDIAMO PRIMA A CASA NOSTRA...sono certa che gli italiani in una situazione di normalità non rifiuterebbero mai a nessuno un piatto di pasta e un letto, però , per quanto ne sò, gli "altri" hanno e avranno ciò che a noi non è mai stato concesso.. e questo mi fa furiosamente girare le balle. Fossi giovane avrei un escabotage...potrei trasferirmi che ne so in Libia? Mi farei trovare su una spiaggia mezza spatasciata in Sicilia..... dopo di chè potrei avere una casa uno stipendio, per me mia figlia e il mio compagno , i saponi la biancheria pulita.....ma non converrebbe veramente???? So di dire uno sproloquio, una serie di cose schifose....ottuse e stronze, soprattutto sbagliate...mi scuso con i "disgraziati" ma si sta andando veramente troppo oltre...ma le br dove sono finite?

elegantissimo 06/19/2014 10:15

Nessuno parla del nuovo accordo NAFSAN (new alliance for food, safety african nutrition) o nuova colonizzazione dell'Africa?! Chiedetelo alla Boldrin. A kitt' e muert i stramuert.

unoqualunque 06/18/2014 22:10

della serie... cittadini rassegnatevi stiamo colonizzando per noi...

Barbara 06/18/2014 21:17

Guarda che la Boldrini ha perfettamente ragione, PER GLI IMMIGRATI il codice penale e civile NON SI APPLICA, sarebbe razzismo. Il problema è per gli italiani che non più un posto sicuro.
GLI STRANIERI INCIDONO PER IL 63% DEI BORSEGGI, PER IL 54% DEI FURTI IN CASA E 47% DELLE RAPINE -
vedi http://www.dagospia.com/rubrica-29/cronache/mani-alto-nell-italia-mutande-aumentano-rapine-furti-maggior-78341.htm