Overblog
Segui questo blog
Edit post Administration Create my blog
Blog della COMUNITA' IPHARRA

Non più destra, non più sinistra, non più etichette, non più finzioni nominalistiche ma attività mirate a creare le premesse culturali e politiche per una Costituente di Popolo che sia alternativa reale ed organica agli schemi partitici ed agli artifici ideologici. Momenti di lotta diretta a colpire le oligarchie di potere per le quali il " rito del voto" costituisce la legittimazione per continuare ad esercitare le loro angherie ai danni del Popolo.

UKRAINA: “CAMERATI” CON LE RUNE O RATTI AL SOLDO DELL’OCCIDENTE?

Pubblicato su 9 Maggio 2014 da frontediliberazionedaibanchieri in ESTERI

Noi siamo lontani dalle ideologie, e le evitiamo come la peste, ma questo articolo ci sembra illuminante su quello che un " certo mondo" ancora intende per " Occidente".

Non esiste una terza via, esistono solo dei popoli che debbono riprendersi la loro sovranità, e chi afferma il contrario è al servizio, più o meno consapevolmente, delle attuali oligarchie al potere, praticamente delle lobby mondialiste. Quando sentiamo che ci sono ancora partiti che si dichiarano eredi del MSI ci viene da ridere, ma ci sarebbe da piangere. Claudio Marconi

Di: Maurizio Barozzi

Chi passa il tempo in facebook e sonda migliaia di “contatti” o chi frequenta ambienti politici  si sarà accorto come il variegato ex mondo dell’area di destra è totalmente sconcertato e allo sbando, rispetto alla questione Ukraina.

Si dà il caso, infatti, che da quelle parti, ci sono gruppi che molto superficialmente vengono definiti “neonazisti” o fascisti, i quali ostentano simboli runici e via di questo passo, ma che hanno cooperato totalmente in favore dell’Occidente, determinando la consegna dell’Ukraina nella mani di un premier ebreo ex bancario,  il paese nelle mani della UE e del FMI,  senza considerare gli accodi atlantici  che preludono ad un totale inserimento dell’Ukraina nella Nato.

Il tutto nella gioia di tutti i mass media occidentali che a mala pena hanno digerito la perdita della Crimea grazie al sacrosanto intervento di Putin.

Come al solito in una certa area, già ai tempi preda dei marpioni del MSI a cui bastava sbandierare qualche simbolo nostalgico per spacciarsi da “camerati”, il fatto di vedere queste rune, qualche svastica, ecc.,  ha fatto perdere l’orientamento.

Eppure bastava vedere il comportamento degli ebrei del posto che non si dispiacevano di queste “svastiche”, per subdorare qualcosa che non quadrava.

Oltretutto si dovrebbe ben sapere come, per esempio, i movimenti neonazisti, specialmente americani, quelli che si vestono come a carnevale da SS e SA sono una diretta espressione dei Servizi se non addirittura finanziati da ebrei, ai quali tornano  opportuni.

Per fortuna la maggioranza delle persone di questa area si è ben resa conto che qui non stiamo parlando di “camerati”, ma di veri e proprio ascari al servizio delle Intelligence Occidentali, gente che in Ukraina si è macchiata di crimini orrendi, come ad esempio il rogo di Odessa.

Tuttavia  chi ha interesse ad intorbidire le acque, a giocare sugli equivoci, si è fatto forte del fatto che, i programmi, i manifesti di questi gruppi di destra ukraini, in particolare il famigerato Pravy Sektor, hanno una intonazione da “TERZA VIA”,  si riferiscono ad una Identità nazionale europea e quindi in definitiva non sarebbero poi così favorevoli alla UE e alla Nato che però, ma guarda un po’, hanno contribuito a installare  a Kiev!

Tutto questo delirare parolai in realtà  è solo fumo negli occhi, sono solo espedienti per nascondere i veri intendimenti, di questi gruppi ukraini, che infatti si sono poi manifestati chiaramente.

Come sempre accade in politica, i programmi, le enunciazioni, e gli slogan contano fino ad un certo punto, perché quello che veramente conta sono i fatti, le prese di posizione, le azioni poste in atto. E questi fatti, queste azioni ci  dicono che questi gruppi di destra sono stati una quinta colonna dell’occidente mondialista e del suo braccio armato Usa – Israel.

A dar retta ai programmi, che lasciano il tempo che trovano, chi per esempio leggeva i proclami di Wanda Marchi poteva anche essere indotto che a credere che i suoi intendimenti, i suoi prodotti e le sue fatture erano finalizzate al bene delle persone che ne avevano bisogno!

Non vorremmo sbagliare, ma tornando un poco indietro, a nostro avviso la situazione internazionale ha indotto le Intelligence occidentali a sfruttare quei settori di destra che storicamente hanno sempre, in qualche , manipolato.

La  stessa cosa la si può constatare nella questione venezuelana.

In Europa non è un caso che nei mesi scorsi c’erano stati vari tentativi di organizzare un “congresso”, una specie di meeting di tutti i gruppi e movimenti di destra europei, genericamente definiti “neofascisti”. Ci si chiedeva allora, chi veramente lo organizzava, chi pagava, che intenti c’erano, cosa ci si riproponeva da questi incontri.

E oggi ci chiediamo, c’è una relazione tra quei tentativi e quanto sta accadendo in Ukraina?

Quanto è accaduto in Ukraina, infatti,  evidenzia l’opera scellerata proprio di gruppi  di destra, decisivi per creare manifestazioni e incidenti, nei quali poi appositi cecchini organizzati dalla Nato, hanno sparato sui poliziotti inducendoli a reazioni sulla folla, in modo da creare vittime. Ne è seguita la rivolta sotto la benedizione dei mass media occidentali, e il defenestramento del precedente governo pur democraticamente eletto.

Oggi questi gruppi sono scatenati contro i cittadini dell’Ukraina filo Russi che non voglio la UE e la Nato.

Tuttavia, pur constatando tutto questo, bisogna mettere in guardia che non è con il complottismo che si esce da queste contraddizioni. Accusare per esempio ambienti italiani che sostengono questi ratti  ukraini, “camerati con le rune”, di essere anche loro  strumentalizzati dai Servizi, non serve a nulla.

Bisogna convincere le persone con il confronto, con le idee. Ad esempio oggi come oggi, solo un imbecille può credere che dietro rivolte nazionaliste come in Ukraina ci siano possibilità di “terza via”, o identità europee a cui riferirsi.

Possibilità di “terza via” già non c’erano più  neppure ai tempi di Jalta, figuriamoci oggi, e per quanto riguarda le identità europee,  dopo il dissolversi culturale delle vecchia Europa, dopo il rimescolamento multietnico oramai irreversibile, è meglio non parlarne.

Quindi è inutile ingannare la gente, prospettando chimere di una posizione autonoma da “terza via”.

Oggi la sola posizione chiara, possibile e soprattutto necessaria è quella contro l’OCCIDENTE MONDIALISTA, e quindi in appoggio a tutti quegli Stati, come attualmente la Russia di Putin, a quelle forze, che, per qualsivoglia motivo o interesse, vi si oppongono.

Differentemente  ci si rende complici dell’Occidente.

UKRAINA:  “CAMERATI” CON LE RUNE  O RATTI AL SOLDO DELL’OCCIDENTE?
Commenta il post