Overblog
Segui questo blog
Edit post Administration Create my blog
Blog della COMUNITA' IPHARRA

Non più destra, non più sinistra, non più etichette, non più finzioni nominalistiche ma attività mirate a creare le premesse culturali e politiche per una Costituente di Popolo che sia alternativa reale ed organica agli schemi partitici ed agli artifici ideologici. Momenti di lotta diretta a colpire le oligarchie di potere per le quali il " rito del voto" costituisce la legittimazione per continuare ad esercitare le loro angherie ai danni del Popolo.

Padoan e Renzi pronti a svendere Enel e Eni

Pubblicato su 17 Maggio 2014 da frontediliberazionedaibanchieri in POLITICA

La politica italiana prosegue nella più abbietta strada delleprivatizzazioni selvagge senza calcolare le conseguenze nulle sull'economia e nefaste per la popolazione che tali manovre possono causare. In particolare la sinistra dalla fine degli anni '80 ha scelto di intraprendere la strada del capitalismo selvaggio, quella visione del mondo, ben lontana dalla sua controparte marxiana, in cui chi è più ricco arraffa anche a discapito degli individui più indigenti. 

Renzi e il suo fido Pier Carlo Padoan intendono seguire le orma già tracciate dai vari Prodi, Amato e D'Alema, volendo rientrare ad ogni costo negli assurdi parametri europei, secondo i quali il debito pubblico è visto come una sorta di "patata bollente" pronta ad esplodere. In realtà, ahinoi, di debito si vive purtroppo in un siffatto sistema: se anche l'ultimo dei cittadini è dotato di carta di credito per comprare un lusso che non potrebbe permettersi, figuriamoci lo Stato quanto debito sarà costretto a contrarre con le banche, le uniche vere responsabili di questa carneficina. 

Così il nostro debito è lanciato ormai al 127% e sembra non fermarsi mai, eppure Padoan e Renzi vogliono interrompere questa corsa con una manovra che ha del ridicolo: la svendita del 10% di quote di Eni e Enel. Anche l'economista più inesperto saprebbe dire che una tale operazione è senza dubbio a perdere, perché il misero guadagno di 10 miliardi di euro a seguito della svendita non andrebbero a intaccare se non di qualche zero virgola l'indice del debito, cui però si devono aggiungere gli interessi. Insomma lo Stato avrebbe solo da perdere il guadagno su entrambe le aziende, oltre alla perdita di peso all'interno del consiglio di amministrazione (dove già il governo è stato messo più volte in minoranza). 

Oltre all'evidenza di queste previsioni esistono infiniti esempi storici che smentiscono qualsiasi beneficio ricavabile da una svendita di settori strategici del pubblico per combattere il debito, perché dunque questa ostinazione?

Tratto da:http://elzeviro.eu
Padoan e Renzi pronti a svendere Enel e Eni
Commenta il post

annapaola 05/18/2014 08:47

qual'è lo scopo di una domanda così retorica? I così detti renziani non leggeranno mai questo articolo, e se lo faranno verrete tacciati non so di cosa...ho molte conoscenze collocate in quella zona, hanno visto la Madonna, per cui non potete contare sulla loro capacità di discernimento. Lasciamogli il tempo di agire, questo è ciò che pensano, anche dipendenti enel. Quando l"'illuminazione sulla via di Damasco" sarà spenta, spero non sia troppo tardi, perchè a quel punto una buona parte della responsabilità, sarà anche la loro, e allora....