Overblog
Segui questo blog
Edit post Administration Create my blog
Blog della COMUNITA' IPHARRA

Non più destra, non più sinistra, non più etichette, non più finzioni nominalistiche ma attività mirate a creare le premesse culturali e politiche per una Costituente di Popolo che sia alternativa reale ed organica agli schemi partitici ed agli artifici ideologici. Momenti di lotta diretta a colpire le oligarchie di potere per le quali il " rito del voto" costituisce la legittimazione per continuare ad esercitare le loro angherie ai danni del Popolo.

IL MINISTRO LORENZIN: UN INCENTIVO ALLA VERGOGNA ITALIANA.. ECCO LE SUE DICHIARAZIONI A PRATO

Pubblicato su 17 Maggio 2014 da frontediliberazionedaibanchieri in MEDICINA ALTERNATIVA

Dall'articolo originale abbiamo omesso l'ultima parte in quanto conteneva un appello elettorale. C.M.
 

Visita del Ministro della Sanità Beatrice Lorenzin a Prato tra proteste di massa e polemiche sterili. Un coro di "Vergogna" l'ha accolta in segno di dissenso al suo immorale operato di Ministro.. Mentre mostrava tutta la sua indignazione viste le urla dei genitori dei bambini malati che, da troppo tempo attendono risposte alle cure compassionevoli e la rabbia degli esponenti di "Io Cambio" che, sostengono attivamente la causa di Stamina e Vannoni. Lo stesso Vannoni come sempre, in ogni luogo in cui si manifesti, era presente e la faccia di quella Lorenzin che, con aria incredula, non riusciva ad associare quella "Vergogna" alla sua persona.

Uno scambio a distanza tra il ministro Lorenzin e i genitori di Sofia la bambina di Firenze divenuta il simbolo delle cure con il metodo Stamina. Rimasti poi ore ed ore ad aspettare i comodi del Ministro della "malaSanità" che prima ha presenziato ad un congresso, poi ha accolto le associazioni di categoria.. Ha un pò gironzolato qua e la per l'ospedale nel tentativo forse di mostrare quella sua competenza in materia di sanità raggiunta grazie alla sua qualifica del liceo classico che, le consentiva di annuire col capo, come per dare l'illusione di comprendere tutto ciò che le veniva mostrato. Ha anche cercato di mostrare quella sua sensibilità tipica della donna/mamma così ben celata nella sua persona, facendosi fotografare in ostetricia con Adele, una dolcissima bimba (sana ringraziando Dio) nata solo ieri. 

Una puntatina veloce verso la zona di terapia intensiva neonatale mentre il direttore dell'ospedale il Dott. Simone Magazzini tentava invano di spiegarle le criticità del nuova struttura. ma li ha resistito poco, già boccheggiava. Una sua dichiarazione rilasciata ai giornalisti mentre cercava di arrampicarsi sui vetri sulle problematiche dell'ospedale e senza nemmeno toccare minimamente il problema che riguardava il fatto che l'intero parcheggio dell'ospedale sia stato messo a pagamento. Un grave problema in termini di costi e disagio per i familiari che devono accudire gli ammalati.. Ha parlato un pò con le dottoresse della terapia del sorriso, quella terapia che con il buonumore allevia la degenza in ospedale a tanti bambini, soprattutto a quelli del reparto di oncologia. Una terapia rivoluzionaria nella medicina che destabilizzò quel concetto arcaico di distanza tra medico e paziente.. Ne fu promotore Hunter Doherty, " un nome che però lui preferiva semplificare in Patch.. Patch Adams.. La sua forza strabiliante stava nella sua qualità congenita di riuscire a vedere al di la della realtà che si prospettava davanti.. Una realtà che una persona come la Lorenzin non potrà mai vedere, nemmeno se se ne mettesse due di nasi rossi.. Lei si basa sulle regole e solo sull'aspetto scientifico che deve sostenere al di la di ogni concetto di umanità per difendere uno Stato che ha raggiunto il più totale degrado in termini di valori. 

 

 

Poi la domanda fatidica posta da una giornalista che si è presentata come un fulmine a ciel sereno per la Lorenzin..

 

Ministro scusi, ma perché non fate applicare la legge Ex Balduzzi approvata dal suo governo in merito alle cure Stamina..? La Lorenzin con le sue ridotte capacità linguistiche si esprime con queste testuali parole che non abbiamo di proposito voluto correggere:

"La legge è applicata, non c’è una disapplicazione della norma e c’è su questa vicenda due temi che sono di competenza del ministero della salute e c’è la realizzazione della sperimentazione e c’è il secondo comitato che è in campo e poi c’è tutto il tema spinosissimo legato all’aspetto processuale e allo scandalo gravissimo che è stato rilevato e su cui si è chiusa l’inchiesta per quanto riguarda Vannoni e si ipotizzano dei reati veeeramente molto gravi e quindi l’unico mio pensiero in questo caso è di non strumentalizzare ulteriormente le famiglie e la loro sofferenza e il loro dolore. Capisco benissimo il fatto che famiglie che non hanno nessuna speranza di cura vogliano qualsiasi cosa. Questo è umanamente molto comprensibile, ma io rappresento lo Stato italiano, uno Stato che ha un "Primato" per quanto riguarda la ricerca scientifica e per l’assistenza sanitaria e questo è un primato che io devo difendere."

La potete udire nel video a fine articolo..

Nel frattempo che si tutelano i primati e un'assistenza sanitaria che ormai conosete tutti bene com'è, i nostri figli muoiono. Muoiono perchè questo è il loro intento.. Morti i bambini malati, finito il problema, finito il dilemma di Stamina se funzionava o no, e a quel punto il secondo comitato di sperimentazione dove potrebbe verificare i miglioramenti dei bambini..? Anche i miglioramenti saranno deceduti..! Il senso di omertà che si sta sviluppando attorno a questo caso ha dell'incredibile. Parli di Stamina con la gente, associazioni, soprattutto qui nella zona del bresciano e tutti spariscono, si dileguano.. Ci chiediamo anche Le Iene che fine abbiano fatto.. Prima Giulio Golia di Le Iene era così attento al problema, ne ha fatto di audience a forza di far servizi su quel bambino.. Quando parlava di Gioele, gli si inumidivano gli occhi, mostrava commozione, ma.... Oggi dov'è finito..? Gioele è ancora la, in quell'ospedale e tu grande Golia dove sei..? E' per caso passato un Davide qualsiasi a suggerirti di riversare i tuoi interessi verso altro..? C'ha l'obiezione di coscienza pure la redazione di Le Iene..? Mah.. Resto perplesso difronte a tutte queste persone che dimostrano nel tempo di speculare su queste tristi faccende.. 

Ma veniamo alla piccola Sofia che, è divenuta il simbolo delle cure con il metodo Stamina. Secondo mamma Caterina e papà Guido, l'ospedale di Brescia che fino a qualche tempo fa  somministrava le cure a Sofia ora si rifiuterebbe, ma in realtà sono le pressioni sui medici che hanno portato al blocco totale. I medici che potrebbero intervenire in questo momento si trovano tra l'incudine e il martello.. Come dicevamo nell'articolo precedente, in questo momento si trovano davanti ad una scelta precisa.. Beccarsi una denuncia e continuare ad astenersi dal curare i bambini, oppure curare i bambini e mettersi contro a quella organizzazione che è l'Ordine dei medicila regioneil ministero della sanità e questo, per loro, significherebbe essere bollati a vita e aver finito la loro carriera per sempre.

Nell'incontro con la Lorenzin durato esattamente 9 minuti e 44 secondi, per oltre 6 minuti il ministro si è lamentata delle contestazioni dei sostenitori di Io Cambio che l'hanno accolta in malo modo, con aria imbronciata ha riferito che "lei non ama mischiare faccende personali con la politica" e devo ammettere che, noi, questa frase non l'abbiamo ben capita o forse non riusciamo ad interpretare correttamente quello che la Lorenzin voleva dire. Nel resto della conversazione, i genitori, hanno spiegato che 'Io Cambio' era l'unica forza politica che li sostiene e appoggia nella loro battaglia. Vannoni è candidato come capo lista di "Io Cambio" alle Europee, quindi legittimati ad esserci e a presenziare al loro seguito. Nonostante le umane richieste dei genitori della piccola Sofia, il ministro ha mantenuto la sua costante posizione di rigidità nei confronti della questione, senza offrire alcuna speranza. Tanta delusione quindi per mamma Caterina e papà Guido, una delusione che si è immediatamente notata sui loro volti a termine dell'incontro.

Claudio Morganti, candidato alle prossime elezioni Europee di 'Io Cambio' ha dichiarato in merito alla questione: "Questo ministro non è degno di rappresentare lo Stato che dice di rappresentare. Dedicare cinque minuti a due genitori disperati che altro non chiedono se non il rispetto della Legge 57/2013, approvata tra l'altro con il suo ministero e ad oggi disattesa, è da irresponsabili".

 

Noi di Liberazione italiana invece, una cosa ci sentiamo di consigliarvi.. Qualcosa che va al di la di ogni concetto o pensiero politico, ma che riguarda i vostri diritti di potervi curare, di poter curare i vostri figli e i figli che verranno.. Mi conoscete ancora poco per fidarvi di me come invece già fanno tanti altri, ma credo abbiate capito un pò come sono, state conoscendo la mia coerenza giorno dopo giorno.. In un contesto assurdo come quello che stiamo vivendo, bisogna cercare di giocare il loro medesimo gioco, usare una strategia d'attacco.. Non basta solo fare manifestazioni, anche se sono importantissime come quella di sabato 17.. Bisogna dare un segno tangibile della nostra volontà a chi decide per noi, e tutti sappiamo che chi decide della vita dei nostri figli al di la del nostro volere, è il mondo politico.. Dobbiamo iniziare a comportarci come lorofacendo lo stesso gioco che fece Berlusconi un tempo, quando aveva bisogno di entrare in politica per sistemare certe sue faccende.. In questi ultimi tempi siamo giunti a questa conclusione e so che molti di voi ci seguiranno in questo pensiero.. Non perchè sono io che ve lo dico, ma perchè è l'unica scelta legittima che tutti insieme possiamo fare.. Contattate tutti gli amici che avete, i conoscenti, i vostri parenti più vicini e più lontani.. Chiedete ai vostri amici di fare altrettanto.. 

Articolo di Molinari Raffaele per Liberazione italiana

Maggiori informazioni http://www.liberazioneitaliana.it/news/la-vergogna-continua-a-prato-con-la-lorenzin/
Crea il tuo sito personale gratis http://www.webnode.it

Commenta il post