Overblog
Segui questo blog
Edit post Administration Create my blog
Blog della COMUNITA' IPHARRA

Non più destra, non più sinistra, non più etichette, non più finzioni nominalistiche ma attività mirate a creare le premesse culturali e politiche per una Costituente di Popolo che sia alternativa reale ed organica agli schemi partitici ed agli artifici ideologici. Momenti di lotta diretta a colpire le oligarchie di potere per le quali il " rito del voto" costituisce la legittimazione per continuare ad esercitare le loro angherie ai danni del Popolo.

IL CARTELLO DEGLI SPACCIATORI DI MONETA

Pubblicato su 12 Maggio 2014 da frontediliberazionedaibanchieri in ECONOMIA

Ritengo utile informare su come avviene il collocamento dei titoli emessi per finanziare il debito....

Un debito che e’ una cuccagna – le aste sui titoli di stato italiani sono controllate da poche banche estere che fanno soldi a palate gestendo i collocamenti di bot e btp. in testa ci sono Citigroup e Barclays.

Solo nel 2014 dovrà essere rifinanziato debito con 450 miliardi di emissioni lorde. Gli “specialisti” esteri dei nostri titoli cosa guadagnano, esattamente, a vincere questa particolare graduatoria?

Naturalmente soldi e un’immensa pubblicità, che a cascata può portare altri soldi…

 

Vincono sempre loro. Secondo il ministero del Tesoro, oggi guidato da Pier Carlo Padoan, nessuno come le banche estere sa distinguersi nella gestione del debito pubblico italiano. Al punto che il destino di quel "mostro" da 2.100 miliardi di euro sembra inevitabilmente destinato a dipendere dalle mosse di un selezionato gruppo di istituti internazionali.

Alla fine di gennaio 2014, quando tecnicamente il ministro era ancora Fabrizio Saccomanni, il ministero dell'economia ha deciso che la banca americana Citigroup è stata la più brava nella gestione delle aste dei nostri titoli di Stato.

Nelle quattro edizioni precedenti la speciale classifica stilata annualmente dal Tesoro era stata vinta dagli inglese di Barclays. Ancora prima, correva l'anno 2008, il primato era stato assegnato ai francesi di Société Générale.

Insomma, le banche estere fanno man bassa da 6 anni. Ma cosa guadagnano, esattamente, a vincere questa particolare graduatoria? Naturalmente soldi e un'immensa pubblicità, che a cascata può portare altri soldi.

 

Il meccanismo

 

Diciamo subito che attualmente l'Italia vanta una lista che complessivamente contiene i nomi di 20 "specialisti in titoli di stato".

Si tratta dell'ultimo elenco disponibile, relativo all'8 aprile del 2013. In pratica si tratta di banche alle quali lo Stato italiano si affida per la strategica gestione delle aste dei titoli. Su 20 istituti ben 17 sono esteri.

 

Si tratta di Barclays (inglese), Bnp Paribas (francese), Citigroup (americana), Commerzbank (tedesca), Crédit Agricole (francese), Credit Suisse (svizzera), Deutsche Bank (tedesca), Goldman Sachs (americana), Hsbc (inglese), Ing Bank (olandese), Jp Morgan (americana), Merrill Lynch (americana), Morgan Stanley (americana), Nomura (giapponese), Royal Bank of Scotland (inglese), Société Générale (francese) e Ubs (svizzera).

Accanto a loro le italiane Banca Imi, Unicredit e Mps.

 

Tutte queste banche hanno il mandato di organizzare il collocamento dei nostri Btp e Bot, ma devono anche assicurarne una percentuale minima di acquisto. Sul servizio prestato, comunque, guadagnano soldi a palate. Basti pensare che nel 2014 lo Stato italiano dovrà rifinanziare debito in scadenza con emissioni lorde per circa 450 miliardi. Per tutte le attività di organizzazione di queste emissioni le banche estere incasseranno non poco.

Ad ogni modo in base a un decreto firmato il 19 dicembre 2013 da Maria Cannata, il capo della direzione del Tesoro che si occupa appunto di debito pubblico, requisito essenziale per mantenere l'iscrizione nella lista degli specialisti "è la partecipazione alle aste dei titoli di Stato e l'aggiudicazione su base annua di una quota, calcolata tenendo conto delle caratteristiche finanziarie dei titoli sottoscritti, non inferiore al 3% del volume complessivo emesso dal Tesoro".

Proprio la quantità di titoli aggiudicati è uno dei criteri ai quali il Tesoro fa riferimento per stabilire quale banca sia la migliore tra gli specialisti.

 

I vantaggi

 

Far parte dell'elenco, naturalmente, produce dei "privilegi". E' esattamente il termine utilizzato da un decreto dirigenziale firmato dalla stessa Cannata l'11 novembre del 2011.

In effetti, leggendo l'art. 9, si apprende che agli specialisti il Tesoro innanzitutto garantisce "l'accesso esclusivo alle riaperture di aste dei titoli di Stato nonché alle aste di concambio e riacquisto".

Poi garantisce l' "accesso esclusivo" a una triplice selezione: quella di banca capofila che coordina il consorzio di collocamento delle emissioni sindacate in euro; quella di intermediario per il programma benchmark in dollari statunitensi; quella di operatore per le operazioni di riacquisto bilaterali.

 Tutto questo, per le banche estere, significa entrare nei gangli del meccanismo di "funzionamento" del nostro debito pubblico, di cui di fatto diventano un po' "padrone", incassando lauti guadagni per il servizio prestato.

 

 

Stefano Sansonetti

 

http://www.dagospia.com/rubrica-4/business/un-debito-che-e-una-cuccagna-le-aste-sui-titoli-di-stato-italiani-sono-75808.htm

 

Tratto da: http://www.stavrogin2.com

 

------------------

 

Non si comprende il perché per l'emissione il Tesoro abbia deciso di affidare l'incarico di collocamento ad un pool di banche rappresentato in prevalenza da Istituti esteri. E' questa in merito la posizione della Federconsumatori considerando il fatto che per queste operazioni le banche intascano commissioni rilevanti che vanno così a finire nelle casse di istituti di credito stranieri..

Le provvigioni variano,a seconda della tipologia dei titoli,dallo 0,15 allo 0,30%.

IL 25 MAGGIO SEMPRE E SOLO PARTITI APERTAMENTE NO EURO

IL 25 MAGGIO SEMPRE E SOLO PARTITI APERTAMENTE NO EURO

Commenta il post

VITTORIO 05/13/2014 15:22

mA DI CHI DOBBIAMO FIDARCI ALLE ELEZIONI? E' MEGLIO NON VOTARE OPPURE ASTENERSI? COME TUTTO IL RESTO IN ITALIA E' UN CAOS,VOTANDO GRILLO NASCERA' UN NUOVO TIPO DI POLITICA PIU' DA IMPATTO O URLATA. E DIETRO CI SONO SEMPRE GLI STESSI CRIMINALI DELL'EURO ,ROKFELLER E ROTCHILD.

frontediliberazionedaibanchieri 05/13/2014 15:45

Di quei partiti che sono apertamente contro l'euro e questa Europa, secondo noi

annapaola 05/12/2014 17:25

oh mamma, ma un criterio qualsiasi è stato dichiarato? Ma , anche solo a livello "umano" visto che tanto mangiano, non è meglio che siano le banche italiane a mangiare? Magari in qualche modo potremmo riaverli in giro, così è veramente vergognoso

frontediliberazionedaibanchieri 05/12/2014 17:27

sarebbe meglio avere una moneta sovrana, così finisce questo turpe mercato