Overblog
Segui questo blog
Edit post Administration Create my blog
Blog della COMUNITA' IPHARRA

Non più destra, non più sinistra, non più etichette, non più finzioni nominalistiche ma attività mirate a creare le premesse culturali e politiche per una Costituente di Popolo che sia alternativa reale ed organica agli schemi partitici ed agli artifici ideologici. Momenti di lotta diretta a colpire le oligarchie di potere per le quali il " rito del voto" costituisce la legittimazione per continuare ad esercitare le loro angherie ai danni del Popolo.

Europee:sfratto esecutivo agli €uropeisti. In Italia invece proroga (pagata 80 euro).

Pubblicato su 26 Maggio 2014 da frontediliberazionedaibanchieri in POLITICA

Oggi gli apologeti del più €uropa con una grande Marine Le Pen primo partito in Francia insieme all' UKIP in Gran Bretagna hanno perso la loro finale di Champions League, (giocata ieri in Portogallo da le due squadre di Madrid. Ironia della sorte Portogallo e Spagna due Paesi devastati dalla Troika...) Per quanto riguarda l'Italia, si sa che storicamente non è rivoluzionaria come la Francia... Comunque in Italia, il maggior partito €uropeista la sua vittoria è costata 80 euro al mese per calmare le acque, anzi le bocche... bonus che comunque verrà sterilizzato da piu' tasse e tagli... Per il resto d'Europa come contrattacco, assisteremo da parte degli €uropeisti, a profezie alla Nostradamus de noantri su eventuali catastrofi economiche, terremoti, tsunami,  reincarnazioni di Hitler e ritorni al medioevo. Tutto questo perchè non ci sono le prove tangibili per dimostrare il  successo dell'austerità espansiva, di un sistema monetarie folle che obbliga tagli e disoccupazione per essere competitivi.  Il prossimo passo quindi da parte dell'€uropeismo sarà appunto di trasmettere il terrore per scongiurare ogni altra alternativa, all'assolutezza di questa €uropa. Magari per "ammortizzare"  l'elettorato ribelle, si darà la colpa dell'esito referendario europeo a Berlino che ha imposto austerità ed accumulato surplus incredibili (http://www.formiche.net/2014/05/21/i-futuristi-che-svalutare-fluttuazione-roba-1970/) a spese dei Paesi membri del'UE. Bisogna ricordare però che fino a pochi mesi fa che per la classe politica €uropeista la Germania era il modello da seguire se non da venerare. Assisteremo forse ad un effetto domino per il momento non finanziario ma di scaricabarile delle colpe. Tornando in italia, un altro bluff della classe politica del nostro Paese, per calmare questa rivoluzione europea, sarà quella di annunciare il semestre italiano come speranza di riscatto, con l'auspicio (per loro) che gli italiani non vengano a sapere che la Grecia è attualmente alla presidenza del semestre... C'è il rischio poi che le organizzazioni sovranazionali risponderanno con più aggressività alla grande ribellione europea che non è contro l'Europa, bensì contro i governi che collaborano con le elites finanziarie. La sfida per i cittadini europei sarà quella di non farsi intimidire dagli annunci faziosi di catastrofismi, la storia è ciclica e anche questa volta le elites finanziarie europee con i loro governanti asserviti, dovranno capire in piena rivoluzione  le brioches non ci sono... Rivoluzione Francese docet... E mentre l'Italia pagherà il suo provincialismo €uropeista, che considera tutto ciò che sia sovranazionale come se fosse oro colato, i media nazionali esalteranno la vittoria casalinga che a livello dei nuovi equilibri economici europei sarà poco influente, visto i risultati nel resto del continente. Le realtà anti €uropeiste di Francia e Gran Bretagna ed il servilismo italiano verso la Germania sono un film già visto tra il 1939 ed il 45. L'Italia successivamente fu graziata e chissà se accadrà di nuovo, quando verrà messo nero su bianco il bluff di questa €uropa. Una cosa è certa, ovvero che la storia come dico sempre, è ciclica...

 

Jean Sebastien S. Lucidi

Tratto da: http://liradidio.blogspot.it

Europee:sfratto esecutivo agli €uropeisti. In Italia invece proroga (pagata 80 euro).
Commenta il post

annapaola 05/27/2014 09:54

personalmente, trovo troppo semplicistica questo tipo di analisi. "Il prezzo di un voto 80 euro" è ridicolo. Temo si tratti di ignoranza,. Per la mentalità di noi italiani informarsi su internet è difficile, richiede impegno e fantasia. Ci serve un mezzo diverso, ed è evidente quale debba essere, se ne vedono i risultati, servono soldi, proviamo a chiederne....il tentativo , fino a prova contraria, non costa niente.